Ticino, 23 novembre 2020

Oltre trenta segnalazioni di mobbing e molestie sessuali alla RSI

Sono più di trenta le segnalazioni di mobbing e molestie sessuali segnalate al Sindacato svizzero dei mass media (SSM) da parte di dipendenti della RSI. Il SSM propone questo servizio da quando sono emersi dopo che un'inchiesta del quotidiano "Le Temps" aveva fatto emergere diversi casi di molestie sessuali. Secondo il sindacato, "i due casi in questione non sono purtroppo che la punta di un iceberg che non tocca solo la RTS, ma che si estende in modo invadente anche alla RSI. I casi di bossing, mobbing e molestie sessuali, sono purtroppo troppo spesso stati banalizzati, oscurati, cancellati e che, altrettanto di frequente, si sono ritorti disgraziatamente contro le vittime, soprattutto quando la denuncia ha coinvolto dei quadri aziendali”.

Non è la prima volta che emergono casi del genere, come spiega Renato Minoli, giornalista e sindacalista del Sindacato svizzero dei massmedia (Ssm), secondo il quale non è la prima volta che emergono denunce di questo tipo: “In passato ce n’erano già state – afferma Minoli al Caffè che nell'edizione di ieri si è chinato sulla vicenda - ma di solito le vittime sono molto restie a parlarne. E questo perché dopo la denuncia, non viene allontanato l’autore ma sono loro a subire conseguenze”.

Per questo il SSM ha messo in atto di misure per semplificare le procedure in caso di mobbing e di molestie sessuali e la tutela delle vittime come il coinvolgimento del sindacato nella stesura dei regolamenti in merito, la creazione di una commissione paritetica Rsi-Ssm e la creazione di un organismo esterno per valutare le denunce ricevute.

Interpellati dal Caffè, i vertici dell'azienda non hanno voluto commentare e si sono in sostanza trincerati dietro un "no comment". “Non rilascio dichiarazioni”, ha risposto il direttore dell’azienda, Maurizio Canetta. Per la vice, Milena Folletti, “qualsiasi mio commento è superfluo” mentre il responsabile dell'informazione Reto Ceschi ha risposto che “la posizione ufficiale della Rsi sulla vicenda è quella del direttore”. Ancora più lapidario il presidente della Corsi Luigi Pedrazzini, che ha risposto seccamente: “Non sono autorizzato a rilasciare dichiarazioni”.

Guarda anche 

Aveva chiesto soldi per interrompere una gravidanza che non c'era, condannata e espulsa

La donna camerunense di 40 anni, amante di un dirigente di un'azienda, che si era fatta versare quasi 235'000 franchi per porre fine a una sua presunta gravidanza...
21.10.2021
Svizzera

Accusata di aver finto una gravidanza per farsi pagare 230'000 franchi per abortire

Una donna camerunense si trova sotto processo con l'accusa di aver estorto centinaia di migliaia di franchi in cambio dell'interruzione di una gravidanza con un u...
13.10.2021
Svizzera

Una decina i casi di molestie alla RSI

Sarebbero una decina i casi accertati finora di molestie alla RSI. Lo riporta il domenicale "La domenica" che ha interpellato Rolando Lepori, co-segretario del ...
10.10.2021
Ticino

Taiwan denuncia la Cina: "Aerei da guerra nei nostri cieli"

38 aerei dell'aeronautica cinese sono entrati, tra ieri e oggi, nell spazio aereo della difesa di Taiwan. Lo hanno reso noto le autorità dell'isola, sotto...
02.10.2021
Mondo