Ticino, 23 novembre 2020

Oltre trenta segnalazioni di mobbing e molestie sessuali alla RSI

Sono più di trenta le segnalazioni di mobbing e molestie sessuali segnalate al Sindacato svizzero dei mass media (SSM) da parte di dipendenti della RSI. Il SSM propone questo servizio da quando sono emersi dopo che un'inchiesta del quotidiano "Le Temps" aveva fatto emergere diversi casi di molestie sessuali. Secondo il sindacato, "i due casi in questione non sono purtroppo che la punta di un iceberg che non tocca solo la RTS, ma che si estende in modo invadente anche alla RSI. I casi di bossing, mobbing e molestie sessuali, sono purtroppo troppo spesso stati banalizzati, oscurati, cancellati e che, altrettanto di frequente, si sono ritorti disgraziatamente contro le vittime, soprattutto quando la denuncia ha coinvolto dei quadri aziendali”.

Non è la prima volta che emergono casi del genere, come spiega Renato Minoli, giornalista e sindacalista del Sindacato svizzero dei massmedia (Ssm), secondo il quale non è la prima volta che emergono denunce di questo tipo: “In passato ce n’erano già state – afferma Minoli al Caffè che nell'edizione di ieri si è chinato sulla vicenda - ma di solito le vittime sono molto restie a parlarne. E questo perché dopo la denuncia, non viene allontanato l’autore ma sono loro a subire conseguenze”.

Per questo il SSM ha messo in atto di misure per semplificare le procedure in caso di mobbing e di molestie sessuali e la tutela delle vittime come il coinvolgimento del sindacato nella stesura dei regolamenti in merito, la creazione di una commissione paritetica Rsi-Ssm e la creazione di un organismo esterno per valutare le denunce ricevute.

Interpellati dal Caffè, i vertici dell'azienda non hanno voluto commentare e si sono in sostanza trincerati dietro un "no comment". “Non rilascio dichiarazioni”, ha risposto il direttore dell’azienda, Maurizio Canetta. Per la vice, Milena Folletti, “qualsiasi mio commento è superfluo” mentre il responsabile dell'informazione Reto Ceschi ha risposto che “la posizione ufficiale della Rsi sulla vicenda è quella del direttore”. Ancora più lapidario il presidente della Corsi Luigi Pedrazzini, che ha risposto seccamente: “Non sono autorizzato a rilasciare dichiarazioni”.

Guarda anche 

Scoperte due specie di delfini che vivevano (anche) in Svizzera

Circa 20 milioni di anni fa, come conseguenza di un riscaldamento del clima, il livello del mare si alzò fino a coprire gran parte dell'attuale Europa. Il t...
18.05.2022
Mondo

Il Feyenoord fa fuori il Marsiglia e pulisce tutto. Poi lascia un messaggio…

MARSIGLIA (Francia) – Spesso siamo abituati a vivere e vedere situazioni davvero sconcertanti sugli spalti degli stadi o nei dintorni degli impianti sportivi. Caric...
09.05.2022
Sport

Un "sex tape" girato al museo musulmano finisce in tribunale

Un singolare caso di estorsione, ricatto e violazione della proprietà privata riguardante il Museo delle Civiltà Islamiche di Neuchâtel è st...
12.04.2022
Svizzera

Elezioni in Francia, Macron e Le Pen al ballottaggio

Il presidente uscente Emmanuel Macron si è ampiamente qualificato per il secondo turno delle elezioni presidenziali di domenica, con un punteggio dal 27,6% al 2...
11.04.2022
Mondo