Sport, 23 novembre 2020

Tra nazionali e quarantene, il Lugano si incarta a Ginevra

L’1-1 incamerato ieri allo Stade de Genève mantiene i bianconeri imbattuti in stagione, ma ora a -2 dall’YB. Poco brillanti nel primo tempo, i ragazzi di Jacobacci hanno rischiato la beffa nel finale

GINEVRA – Avevamo lasciato il Lugano 2 settimane fa clamorosamente in vetta alla classifica. Una posizione alla quale i bianconeri, ovviamente, non sono abituati ma si sa… la scorsa stagione e questa, condizionate da un calendario ballerino a causa delle continue quarantene che colpiscono le varie formazioni di Super League, sono e saranno particolari. L’anno scorso il colpo gobbo non riuscì per poco al San Gallo e quindi… perché non sognare dalle parti di Cornaredo?

Certo, per farlo, per poter tenere il passo delle big – YB in primis – i bianconeri non potranno e non dovranno ripetere prestazioni come quella di ieri a Ginevra e, soprattutto, avranno bisogno dell’apporto di tutti, compreso quell’Odgaard che, giunto sulle rive del Ceresio per portare reti e fisicità, sta ancora faticando in maniera incredibile a trovare la sua posizione e la quadratura del cerchio, tanto da risultare un vero e proprio corpo a sé stante.

Chiaramente le attenuanti ci sono: la pausa per le nazionali che ha scombinato il ritmo di Gerndt e compagni, le assenze di Sabbatini e di Guidotti, ma ieri il Lugano si trovava di fronte a una squadra ferma da metà ottobre, colpita dal Covid-19 e che nell’ultimo mese aveva disputato soltanto un’amichevole, tra l’altro perdendola. Una condizione fisica, quella dei ginevrini, che ovviamente non poteva essere ottimale, tanto da calare almeno in parte nella seconda frazione di gioco, ma nei primi 45’ abbiamo “ammirato” un Lugano davvero troppo compassato, sulle sue e poco grintoso.

La rete di Lavanchy ha sì prolungato la striscia positiva dei suoi – il Lugano è l’unica squadra, insieme all’YB a non aver ancora perso in stagione – ma i bianconeri, andati vicino al vantaggio con Covilo, devono ringraziare la dea bendata, sul clamoroso palo centrato da Kone al 90’ e sull’occasione sciupata negli istanti finali da Ondoua.

Insomma, tornare dallo Stade de Genève con i 3 punti che – tornando alla tematica iniziale – avrebbero reso ancora più intenso quel bel sogno che sulle rive del Ceresio, sotto sotto, si sta cullando, sarebbe stato possibile, ma tutto sommato ai bianconeri può andare bene così…

Guarda anche 

Festa Lugano, Ticino in trionfo: il Crus nella storia

BERNA – “Ci credevo dallo scorso 2 settembre. Questo era l’obiettivo”. Parole e musica di Mattia Croci-Torti che ha così commentato ieri la...
16.05.2022
Sport

Lugano, è tutto vero! La Coppa Svizzera è tua!

BERNA – Era il sogno, neanche tanto nascosto, degli ultimi due mesi. Era l’obiettivo che il Lugano, i suoi tifosi e tutto il Canton Ticino avevano messo nel m...
15.05.2022
Sport

“I nostri anni meravigliosi Malfanti il trascinatore”

LUGANO - Adriano Coduri ha quasi 85 anni e sente gli acciacchi della vita anche se non se ne cura troppo. Risiede sempre a Rancate, il paese in cui è cre...
15.05.2022
Sport

Il sindaco lancia la finale: “Mister Croci Torti è un mito”

LUGANO - “Non sono un tifoso fanatico ma quando mi capita vado a Cornaredo e mi vedo la partita assieme ai vecchi supporter bianconeri, quelli che non mollano ...
15.05.2022
Sport