Svizzera, 19 novembre 2020

Assistito espulso dopo aver incassato 230'000 franchi

Dopo aver percepito prestazioni assistenziali per 229'138.85 franchi, un cittadino turco dovrà ora lasciare la Svizzera. Lo ha stabilito il Tribunale federale con sentenza pubblicata ieri, confermando una decisione presa nel novembre 2017 dalla Sezione della popolazione del Dipartimento delle istituzioni del Canton Ticino.
 
L’uomo era giunto in Ticino nel 2002 per sposare una connazionale titolare di un permesso di domicilio. Egli aveva dapprima ottenuto un permesso di dimora e poi, nel 2007, un permesso di domicilio. Nel 2008 la coppia ha divorziato e l’uomo è finito una prima volta in assistenza. Negli anni seguenti ha alternato periodi lavorativi a periodi di disoccupazione ma nel 2012 è tornato in assistenza e da allora non ne è più uscito.
 
Vista la duratura dipendenza dall’aiuto sociale, nel 2017 la Sezione della popolazione ha quindi revocato il permesso di domicilio del cittadino turco. Egli ha ricorso al Consiglio di Stato e al Tribunale amministrativo cantonale, ma invano.
 
Nel settembre scorso
si è così rivolto al Tribunale federale. Ma anche i giudici hanno rilevato che “l’ultimo impiego che ha occupato sembra risalire all’agosto 2011” e che “non sono date le condizioni per ammettere l’esistenza di una prospettiva concreta che egli riesca in futuro a provvedere al suo sostentamento”. L’uomo non si è nemmeno sforzato più di tanto di dimostrare il contrario, “nonostante il dovere di collaborazione che aveva”.
 
I giudici hanno inoltre evidenziato che un rientro in Turchia, dove vivono i figli avuti dalla prima moglie nonché altri familiari, “è tutt’altro che improponibile”. Egli ha vissuto in quel paese fino all’età di 36 anni e potrà sicuramente reintegrarsi, mentre in Svizzera non ha né familiari né un lavoro.
 
Con queste motivazioni il Tribunale federale ha confemato in via definitiva la revoca del permesso di domicilio del cittadino turco, ponendo a suo carico le spese giudiziarie.


Guarda anche 

Chiamano la polizia per una rapina in un negozio, ma stanno girando un video

Nell'agosto 2020 a Losanna, un passante aveva segnalato alla polizia di una rapina in corso in un negozio di alimentari. Poco dopo, quattro pattuglie di polizia e due...
22.07.2021
Svizzera

Causa un incidente con un ferito, dovrà lasciare la Svizzera per 5 anni

Un automobilista kosovaro dovrà lasciare la Svizzera per almeno 5 anni per aver causato un incidente in cui era rimasta ferita la persona con cui viaggiava e c'...
21.07.2021
Svizzera

Aveva causato un incidente in cui morì un passeggero, condannato a 5 anni di carcere

Un automobilista residente nel canton Zurigo dovrà scontare più di 5 anni di carcere per aver causato un incidente in cui morì uno dei passeggeri con...
20.07.2021
Svizzera

Uccise il compagno perchè non voleva più sposarsi, condannata a 7 anni di carcere e espulsione

Il Tribunale federale ha respinto il ricorso di una donna che aveva ucciso il suo compagno a coltellate nel settembre 2018 a Veyras, nel canton Vallese. I due, 40enne cit...
15.07.2021
Svizzera