Svizzera, 19 novembre 2020

Assistito espulso dopo aver incassato 230'000 franchi

Dopo aver percepito prestazioni assistenziali per 229'138.85 franchi, un cittadino turco dovrà ora lasciare la Svizzera. Lo ha stabilito il Tribunale federale con sentenza pubblicata ieri, confermando una decisione presa nel novembre 2017 dalla Sezione della popolazione del Dipartimento delle istituzioni del Canton Ticino.
 
L’uomo era giunto in Ticino nel 2002 per sposare una connazionale titolare di un permesso di domicilio. Egli aveva dapprima ottenuto un permesso di dimora e poi, nel 2007, un permesso di domicilio. Nel 2008 la coppia ha divorziato e l’uomo è finito una prima volta in assistenza. Negli anni seguenti ha alternato periodi lavorativi a periodi di disoccupazione ma nel 2012 è tornato in assistenza e da allora non ne è più uscito.
 
Vista la duratura dipendenza dall’aiuto sociale, nel 2017 la Sezione della popolazione ha quindi revocato il permesso di domicilio del cittadino turco. Egli ha ricorso al Consiglio di Stato e al Tribunale amministrativo cantonale, ma invano.
 
Nel settembre scorso
si è così rivolto al Tribunale federale. Ma anche i giudici hanno rilevato che “l’ultimo impiego che ha occupato sembra risalire all’agosto 2011” e che “non sono date le condizioni per ammettere l’esistenza di una prospettiva concreta che egli riesca in futuro a provvedere al suo sostentamento”. L’uomo non si è nemmeno sforzato più di tanto di dimostrare il contrario, “nonostante il dovere di collaborazione che aveva”.
 
I giudici hanno inoltre evidenziato che un rientro in Turchia, dove vivono i figli avuti dalla prima moglie nonché altri familiari, “è tutt’altro che improponibile”. Egli ha vissuto in quel paese fino all’età di 36 anni e potrà sicuramente reintegrarsi, mentre in Svizzera non ha né familiari né un lavoro.
 
Con queste motivazioni il Tribunale federale ha confemato in via definitiva la revoca del permesso di domicilio del cittadino turco, ponendo a suo carico le spese giudiziarie.


Guarda anche 

Espulsi dalla Svizzera i tre giocatori che picchiarono un arbitro

Cartellino rosso per i tre giocatori kosovari del FC Tordoya che nel 2018 aggredirono brutalmente un arbitro, durante una partita di quinta lega al centro sportivo di Eva...
15.04.2021
Svizzera

Tre calciatori rischiano l'espulsione dalla Svizzera per aver picchiato un arbitro

Sarà resa nota domani, giovedì, la sentenza nei confronti di tre cittadini kosovari processati questa settimana a Ginevra per rispondere della brutale aggre...
14.04.2021
Svizzera

Ha spacciato tutta la vita: ora che è in pensione non può tornare dalla moglie in Ticino

Sua moglie vive in Ticino con un permesso C. Lui, appena uscito dal carcere in Italia e fresco di pensionamento, avrebbe voluto tornare da lei. Ma sarà lei a dover...
14.04.2021
Ticino

Rubava auto in Ticino e le rivendeva: condannato ed espulso

Un 30enne rumeno comparso ieri in aula penale a Lugano è stato condannato a 16 mesi di detenzione da espiare e a 5 anni di espulsione dalla Svizzera. L’uo...
10.04.2021
Ticino