Mondo, 18 novembre 2020

Nell'UE niente più motori a benzina e diesel a partire dal 2025?

Una controversa revisione della norma Euro 7 potrebbe, in pratica, mettere fine ai motori a combustione. I limiti di emissione imposti sarebbero troppo severi, così come i test che molti considerano impossibili da rispettare, come l'Associazione dell'industria automobilistica tedesca (VDA).

La Commissione Europea ha ricevuto una proposta preparata da un gruppo di esperti che accetta la possibilità di applicare limiti di emissione più severi per la futura norma Euro 7, che dovrebbe entrare in vigore nel 2025.

Se le modifiche proposte saranno approvate, secondo la VDA ciò potrebbe semplicemente portare alla scomparsa dei motori diesel e a benzina in Europa a partire dal 2025.
Secondo quanto riportato dal quotidiano tedesco Bild, gli esperti del cosiddetto Advisory Group on Vehicle Emission Standards (AGVES) hanno elaborato le seguenti raccomandazioni per la norma Euro 7.

"I nuovi veicoli dovrebbero avere un limite di emissione di 30 milligrammi (mg) di ossido di azoto per chilometro, contro i 60 mg / km attualmente per le auto a benzina e gli 80 mg / km per il diesel.
Gli autori della proposta di revisione vanno ancora oltre, raccomandando uno standard ancora più severo per le nuove versioni di soli 10 mg / km.

Inoltre, le emissioni di monossido di carbonio dovrebbero essere ridotte dagli attuali 500-1 000 mg a 100-300 mg. D'altro canto, i test di emissione reale (RET) dovrebbero essere conformi a livelli più bassi e tutte le eccezioni finora consentite dovrebbero essere eliminate."

Le auto nuove dovrebbero avere una "vita utile" teorica di 15 anni e un chilometraggio di oltre 240.000 km, anche con un sacco da tetto, portabiciclette o rimorchio.

Questa proposta di AVGES è stata classificata come irrealistica e impossibile da realizzare da parte di alcuni enti, fra cui l'Associazione tedesca dell'industria automobilistica (VDA), il cui portavoce Hildegard Müller ha dichiarato al Bild che l'introduzione di una norma Euro 7 con questi limiti significherebbe in pratica la fine del motore a combustione nel 2025. La VDA propone limiti praticabili per il settore.

Per Hildegard Müller, il passaggio a breve termine ai veicoli elettrici a batteria non è la soluzione e ha criticato la mancanza di infrastrutture di ricarica, sostenendo al contempo gli investimenti nei carburanti rinnovabili e nelle celle a combustibile invece dei divieti. "Il problema non è il motore a combustione, ma il carburante" sostiene Müller.

Fonte

Guarda anche 

Il patrimonio complessivo di Unia è di quasi un miliardo di franchi, "i compagni sono dei buoni capitalisti"

Una recente sentenza del Tribunale federale ha rivelato parte del patrimonio a disposizione del sindacato Unia. Il più grande sindacato della Svizzera possedeva be...
17.09.2021
Svizzera

L'Ue approva 14 miliardi per cercare nuove adesioni nei balcani e la Turchia

Pioggia di soldi per i paesi balcanici non ancora membri dell'UE e la Turchia in vista di un'adesione all'Unione europea. Nei giorni scorsi il Consiglio Europ...
13.09.2021
Mondo

Una decisione irrispettosa: gli americani partono male

LUGANO - Chicago hanno schiacciato il bottone sbagliato! Il signor Joe Mansueto e i suoi accoliti hanno pensato bene di aggiungere anche Abel Braga alla lista delle ...
05.09.2021
Ticino

«Boa sorte mister». Ma è così senza senso l’esonero di Braga?

LUGANO – È stato un risveglio travagliato quello di ieri per tutti i tifosi del Lugano, per i calciatori, per gli addetti ai lavori, per noi giornalisti&hell...
02.09.2021
Sport