Sport, 16 novembre 2020

FCL: analisi e amarcord. Sono belli entrambi, ognuno a modo suo

Le presunte similitudini fra l’FCL di oggi e quello di Morinini

LUGANO - Sono appena trascorse 7 giornate di un campionato falsato dal coronavirus e già i mass media e i tifosi si scatenano a tracciare paragoni fra il Lugano di Maurizio Jacobacci (primo in classifica con lo Young Boys) e quello dei “bei tempi” di Roberto Morinini. Un esercizio che ci può certamente stare: ai giornalisti nostrani piacciono i confronti ancorchè quelli che sembrano impossibili o addirittura irriverenti. Fanno discutere e riempiono le pagine. Forse sarebbe stato meglio andarci piano ed aspettare la fine della stagione (se ci sarà..); avremmo avuto dati e numeri più completi e credibili. Adesso è un po’ presto.

Torniamo tuttavia in argomento e tanto per rispondere alla domanda: “ma è meglio il Lugano odierno o quello che fu di Gimenez e Rossi?”, noi diciamo che sono “belli entrambi, ognuno a modo suo”.

Una presa di posizione che parrebbe molto democristiana e che in realtà non esclude aprioristicamente che ci siano delle similitudini fra le due entità. A livello mentale, tanto per cominciare.

Oggi come ieri conta molto la dedizione a favore e unicamente della squadra; i personalismi sono banditi. Oggi come ieri l’applicazione tattica è un’arma imprescindibile:
rigorosa, studiata nei minimi dettagli, ogni giocatore sa cosa deve fare. Lo schema (o la strategia) è uno sola: difesa arcigna, robusta e ripartenze o contropiede che dir si voglia. Una filosofia discutibile e che da sempre divide gli appassionati.

In Italia eccellenti giornalisti come Gianni Brera (difensivista) e Gino Palumbo (fautore di un calcio a tutto campo) si affrontarono a colpi di editoriali e con toni anche velenosi per difendere il loro pensiero.

Le somiglianze si esauriscono qui. Certo, perché “quel” Lugano aveva un tasso tecnico secondo noi superiore ed una “colonna vertebrale” - come ci ricorda un giovane collega - di prim’ordine e difficilmente imitabile alle nostre latitudini (Razzetti, Zagorcic, Bastida e il tandem dei sogni Gimenez-Rossi). Il Lugano di Maurizio Jacobacci esibisce tuttavia una sfrontatezza e una vivacità straordinarie, che ne fanno una delle migliori realtà del calcio svizzero. E chissà che non siano proprio queste caratteristiche che alla fine gli permetteranno di riportare il titolo di campione svizzero sulle rive del Ceresio, ormai mancante dal 1949. Il Lugano come il Leicester? Ipotesi tutt’altro da scartare. Sognare non costa niente.

RED.

Guarda anche 

Il Lugano si inchina: ora servirebbe l’impresa

LUGANO - 20 anni di attesa per 90’ senza vere occasioni da rete (e 2 gol subiti). Potremmo sintetizzare così quanto visto ieri sera a Cornaredo dove il Lugan...
05.08.2022
Sport

I premi per il Mondiale? Tutti in beneficenza

MONACO DI BAVIERA (Germania) – Il Canada, per la prima volta da Messico ’86, si è qualificato per il Mondiale di calcio che si terrà da novembre...
05.08.2022
Sport

Lo sport ticinese fa gli auguri alla Svizzera

LUGANO – Un’immagine di Mattia Croci-Torti durante i festeggiamenti per la vittoria della Coppa Svizzera con tanto di bandiera elvetica in mano, un’altr...
01.08.2022
Sport

Bottani illumina, il Lugano non brilla ma rialza la testa

WINTERTHUR – Per il calcio spettacolo, prego ripassare (non che l’anno scorso il Lugano fosse spumeggiante, in effetti), ma viste le prime due sconfitte in ca...
01.08.2022
Sport