Sport, 16 novembre 2020

FCL: analisi e amarcord. Sono belli entrambi, ognuno a modo suo

Le presunte similitudini fra l’FCL di oggi e quello di Morinini

LUGANO - Sono appena trascorse 7 giornate di un campionato falsato dal coronavirus e già i mass media e i tifosi si scatenano a tracciare paragoni fra il Lugano di Maurizio Jacobacci (primo in classifica con lo Young Boys) e quello dei “bei tempi” di Roberto Morinini. Un esercizio che ci può certamente stare: ai giornalisti nostrani piacciono i confronti ancorchè quelli che sembrano impossibili o addirittura irriverenti. Fanno discutere e riempiono le pagine. Forse sarebbe stato meglio andarci piano ed aspettare la fine della stagione (se ci sarà..); avremmo avuto dati e numeri più completi e credibili. Adesso è un po’ presto.

Torniamo tuttavia in argomento e tanto per rispondere alla domanda: “ma è meglio il Lugano odierno o quello che fu di Gimenez e Rossi?”, noi diciamo che sono “belli entrambi, ognuno a modo suo”.

Una presa di posizione che parrebbe molto democristiana e che in realtà non esclude aprioristicamente che ci siano delle similitudini fra le due entità. A livello mentale, tanto per cominciare.

Oggi come ieri conta molto la dedizione a favore e unicamente della squadra; i personalismi sono banditi. Oggi come ieri l’applicazione tattica è un’arma imprescindibile: rigorosa, studiata nei minimi dettagli, ogni giocatore sa cosa deve fare. Lo schema (o la strategia) è uno sola: difesa arcigna, robusta e ripartenze o contropiede che dir si voglia. Una filosofia discutibile e che da sempre divide gli appassionati.

In Italia eccellenti giornalisti come Gianni Brera (difensivista) e Gino Palumbo (fautore di un calcio a tutto campo) si affrontarono a colpi di editoriali e con toni anche velenosi per difendere il loro pensiero.

Le somiglianze si esauriscono qui. Certo, perché “quel” Lugano aveva un tasso tecnico secondo noi superiore ed una “colonna vertebrale” - come ci ricorda un giovane collega - di prim’ordine e difficilmente imitabile alle nostre latitudini (Razzetti, Zagorcic, Bastida e il tandem dei sogni Gimenez-Rossi). Il Lugano di Maurizio Jacobacci esibisce tuttavia una sfrontatezza e una vivacità straordinarie, che ne fanno una delle migliori realtà del calcio svizzero. E chissà che non siano proprio queste caratteristiche che alla fine gli permetteranno di riportare il titolo di campione svizzero sulle rive del Ceresio, ormai mancante dal 1949. Il Lugano come il Leicester? Ipotesi tutt’altro da scartare. Sognare non costa niente.

RED.

Guarda anche 

VIDEO – Maradona e il pazzesco allenamento “ballato” del 1989

LUGANO – Sono passate meno di 24 ore ma ancora tutti facciamo fatica a crederci e a digerire la notizia. La morte di Diego Armando Maradona ci sembra un fardello tr...
26.11.2020
Sport

Il mondo piange Diego, il D10S del calcio

BUENOS AIRES (Argentina) – In questo anno tragico, assurdo, inimmaginabile, in un anno che sta segnando le nostre vite, il 25 novembre 2020 difficilmente sarà...
26.11.2020
Sport

Zlatan esagerato. La sua Top-11: tutti Ibra, allenatore compreso

MILANO (Italia) – Sarà costretto ai box per qualche settimana, dopo il problema muscolare avuto domenica sera al San Paolo di Napoli, dove, per la cronaca, h...
27.11.2020
Sport

Tra nazionali e quarantene, il Lugano si incarta a Ginevra

GINEVRA – Avevamo lasciato il Lugano 2 settimane fa clamorosamente in vetta alla classifica. Una posizione alla quale i bianconeri, ovviamente, non sono abituati ma...
23.11.2020
Sport