Sport, 15 novembre 2020

Un Lugano da rimonta: quando le gambe girano i bianconeri si divertono

6 punti nel weekend appena concluso riportano il sorriso dalle parti della Cornèr Arena, in attesa di Bodker

LUGANO – Sotto a Langnau, sotto con l’Ambrì: quando le cose si fanno dure, il Lugano riesce a mostrare il meglio di sé. Potremmo sintetizzarlo così il weekend che ci siamo lasciati alle spalle che ha visto i bianconeri imporsi sia in casa dei Tigers che tra le mura amiche nel secondo derby stagionale.

Certo, il Lugano bello ed elettrizzante visto in estate ancora i tifosi bianconeri non lo stanno ammirando, ma è anche vero che con un calendario a spezzatino, con partite che vengono annullate/rinviate/cambiate di continuo non è neanche facile. In ogni caso i bianconeri di Pelletier nei 120’ disputati tra venerdì e sabato hanno mostrato sia i loro limiti fisici, tattici e tecnici, sia i loro pregi. E che pregi!

Rimontare due partite in un weekend non è certo cosa da poco, trovarsi sotto quasi alla prima occasione… neanche. Difensivamente ogni tanto i ragazzi di Pelletier sono rivedibili , sia nei posizionamenti sia nelle scelte attuate sul ghiaccio, mentre in fase offensiva – quando non si incantano troppo col disco sul bastone al momento del tiro – continuano a dimostrare di saperci fare. A partire da un Arcobello che è semplicemente uno spettacolo per gli occhi: magari non sta segnando quantità industriali di reti, ma col bastone fa letteralmente ciò che vuole. In attacco, a metà pista, in difesa: il casco giallo è un autentico gioiello da ammirare.

Sarebbero tanti i giocatori da poter analizzare: da quel Carr che quando vede l’Ambrì si scatena (in attesa di capire entro domani se deciderà di restare a "costo 0" in bianconero o saluterà tutti), passando per Bertaggia capace di andare a bersaglio appena rientrato dopo lo stop per il Covid, citando anche i vari Wolf o Suri, ma dovremmo soffermarci un attimo su Mikkel Bodker. Il danese si danna, lotta, usa il bastone come pochi altri giocatori visti ultimamente sulle rive del Ceresio, ma ancora non riesce a trovare la via della rete.

L’occasione sprecata nel derby, come ha sottolineato lui stesso ai microfoni dei nostri colleghi, è da matita rossa ma non c’è da disperare. Il neo arrivato è forse il giocatore che più sta soffrendo questa mancanza di continuità di gioco, queste continue pause e questi continui rinvii: una volta trovato il suo equilibrio, il numero 89 risulterà molto importante per l’economia del gioco luganese.

Guarda anche 

Tra nazionali e quarantene, il Lugano si incarta a Ginevra

GINEVRA – Avevamo lasciato il Lugano 2 settimane fa clamorosamente in vetta alla classifica. Una posizione alla quale i bianconeri, ovviamente, non sono abituati ma...
23.11.2020
Sport

Saracinesca Damiano Ciaccio: “In Leventina grandi stimoli”

AMBRÌ - Damiano Ciaccio ha qualità da vendere. Lo ha dimostrato in passato e lo ha confermato sabato scorso alla Corner Arena, dove è stato...
23.11.2020
Ticino

Riecco l’Ambrì guerriero e il Ginevra va al tappeto

AMBRÌ - Pronta e vivace reazione dell’Ambrì Piotta. Dopo la lezione subita a Rapperswil venerdì sera, la squadra di Lu...
22.11.2020
Sport

115 milioni dal Governo, ma senza imitare gli altri sarà una stagione falsata

LUGANO – Il primo passo, ovvio e che si sarebbe dovuto fare già prima, è stato fatto: mercoledì Viola Amherd ha regalato una vera e propria boc...
20.11.2020
Sport