Svizzera, 05 novembre 2020

Lavorava in polizia e allo stesso tempo vendeva illegalmente armi su Internet

Lavorava per la polizia e allo stesso vendeva illegalmente armi su Internet. Un ex impiegato della polizia cantonale di Svitto è accusato di molteplici violazioni della legge sulle armi e del segreto d'ufficio. L'Ufficio del pubblico ministero della Confederazione (MPC) ha depositato l'atto di accusa presso il Tribunale penale federale, come rivela la stampa svizzerotedesca.

L'imputato è un cittadino svizzero di 57 anni che lavorava per la polizia cantonale di Svitto come responsabile della logistica, ha dichiarato giovedì il MPC. Il procedimento penale è stato avviato nel febbraio 2018 sulla base di una richiesta di assistenza giudiziaria delle autorità di perseguimento penale tedesche.

Alla fine di marzo 2018 la polizia di Svitto ha presentato una denuncia penale contro l'accusato per gestione iniqua degli interessi pubblici. Il reclamo riguarda gli ordini di munizioni e attrezzature.

Dopo le indagini, il MPC ha incriminato l'imputato per ripetuta gestione iniqua degli interessi pubblici, molteplici violazioni e tentativi di violazione della legge sulle armi, molteplici falsificazioni di titoli e molteplici violazioni del segreto d'ufficio.

Si stima che l'ora ex impiegato si sia arricchito illegalmente per 180'000 franchi. Ha ordinato munizioni per conto della polizia cantonale, le ha fatte pagare alla polizia e le ha poi rivendute a terzi. Inoltre ha venduto illegalmente armi a diverse persone sul darknet.

Ha beneficiato della complicità di una persona che è stata perseguita e condannata in Germania. Tutte le vendite di armi sono state effettuate senza le necessarie autorizzazioni. È anche accusato di aver posseduto diverse armi e munizioni senza autorizzazione e di tenerle in casa sua.

Secondo l'atto d'accusa, l'uomo ha anche falsificato un documento in relazione a un ordine di munizioni presso la base logistica dell'esercito. Compilò un ordine, lo fece approvare dal suo superiore e poi cambiò la quantità di articoli ordinati.

L'uomo è anche accusato di aver passato informazioni interne della polizia al suo complice condannato in Germania. Queste informazioni riguardavano l'indagine condotta dalle autorità tedesche nei confronti di questo complice.

Il 57enne è stato posto in detenzione preventiva per due mesi e mezzo prima di essere rilasciato. Il MPC ha effettuato diverse ricerche nel Cantone di Svitto. In totale sono state sequestrate in casa dell'imputato 80 armi e diverse decine di migliaia di proiettili.

Guarda anche 

Altro che interventi di emergenza: poliziotti fanno sesso invece di rispondere. Si sono dimessi

Durante i turni si chiudevano in auto e, invece di rispondere alle chiamate di emergenza, si avvinghiavano in rapporti intimi. I fatti sono accaduti nel Surrey Heath, in ...
28.09.2021
Magazine

Giovane svizzera si converte all’Islam, poi vuole tagliare la gola all’ex fidanzato

Una 22enne svizzera compare oggi a processo nel canton Svitto con l’accusa di aver tentato di uccidere l’ex fidanzato afghano e sua madre. Il Ministero pubbli...
02.07.2021
Svizzera

Nel canton Vaud la polizia andrà a caccia delle auto "troppo rumorose"

Il Canton Vaud vuole ridurre le emissioni sonore del traffico stradale, in particolare in relazione alle modifiche tecniche dei veicoli che non sono conformi alle norme. ...
12.05.2021
Svizzera

Berna: ragazza muore scappando dalla polizia

Una 29enne è caduta la scorsa notte a Berna mentre cercava di fuggire dalla polizia. Trasportata in ospedale in condizioni critiche, è deceduta a causa dell...
27.03.2021
Svizzera