Svizzera, 05 novembre 2020

Lavorava in polizia e allo stesso tempo vendeva illegalmente armi su Internet

Lavorava per la polizia e allo stesso vendeva illegalmente armi su Internet. Un ex impiegato della polizia cantonale di Svitto è accusato di molteplici violazioni della legge sulle armi e del segreto d'ufficio. L'Ufficio del pubblico ministero della Confederazione (MPC) ha depositato l'atto di accusa presso il Tribunale penale federale, come rivela la stampa svizzerotedesca.

L'imputato è un cittadino svizzero di 57 anni che lavorava per la polizia cantonale di Svitto come responsabile della logistica, ha dichiarato giovedì il MPC. Il procedimento penale è stato avviato nel febbraio 2018 sulla base di una richiesta di assistenza giudiziaria delle autorità di perseguimento penale tedesche.

Alla fine di marzo 2018 la polizia di Svitto ha presentato una denuncia penale contro l'accusato per gestione iniqua degli interessi pubblici. Il reclamo riguarda gli ordini di munizioni e attrezzature.

Dopo le indagini, il MPC ha incriminato l'imputato per ripetuta gestione iniqua degli interessi pubblici, molteplici violazioni e tentativi di violazione della legge sulle armi, molteplici falsificazioni di titoli e molteplici violazioni del segreto d'ufficio.

Si stima che l'ora ex impiegato si sia arricchito illegalmente per 180'000 franchi. Ha ordinato munizioni per conto della polizia cantonale, le ha fatte pagare alla polizia e le ha poi rivendute a terzi. Inoltre ha venduto illegalmente armi a diverse persone sul darknet.

Ha beneficiato della complicità di una persona che è stata perseguita e condannata in Germania. Tutte le vendite di armi sono state effettuate senza le necessarie autorizzazioni. È anche accusato di aver posseduto diverse armi e munizioni senza autorizzazione e di tenerle in casa sua.

Secondo l'atto d'accusa, l'uomo ha anche falsificato un documento in relazione a un ordine di munizioni presso la base logistica dell'esercito. Compilò un ordine, lo fece approvare dal suo superiore e poi cambiò la quantità di articoli ordinati.

L'uomo è anche accusato di aver passato informazioni interne della polizia al suo complice condannato in Germania. Queste informazioni riguardavano l'indagine condotta dalle autorità tedesche nei confronti di questo complice.

Il 57enne è stato posto in detenzione preventiva per due mesi e mezzo prima di essere rilasciato. Il MPC ha effettuato diverse ricerche nel Cantone di Svitto. In totale sono state sequestrate in casa dell'imputato 80 armi e diverse decine di migliaia di proiettili.

Guarda anche 

Infastiditi dal rumore del traffico, installano dei finti radar per far rallentare le auto

Tre radar lungo la Schwyzerstrasse nel villaggio di Bennau, una frazione del comune di Einsiedeln (SZ). Per una distanza di soli 280 metri si tratta di un numero decis...
23.04.2022
Svizzera

Al Senegal la Coppa d’Africa: i tifosi prendono a calci la polizia

TORINO (Italia) – Domenica sera il Senegal ha trionfato in Coppa d’Africa, superando ai rigori l’Egitto. In tutto il Paese africano è esplosa la ...
08.02.2022
Sport

Ignorano una rapina per giocare a Pokemon GO: licenziati due poliziotti

LOS ANGELES (USA) – Roba da non credere: due agenti della polizia di Los Angeles sono stati licenziati per aver ignorato una chiamata di rapina in orso, per poter c...
13.01.2022
Magazine

Una singola famiglia costa 600'000 franchi all'anno a un comune svittese

Il Blick l'ha definita la "famiglia più costosa della Svizzera", definizione probabilmente azzecata dal momento che al comune dove risiedono provoca ...
14.11.2021
Svizzera