Ticino, 27 settembre 2020

"Ancora una volta i cittadini sconfessano la casta"

Nonostante la probabile bocciatura a livello nazionale la Lega dei Ticinesi, tramite comunicato stampa, "prende atto con soddisfazione dell’esito della votazione in Ticino sull’iniziativa per la limitazione".

Con il loro voto la maggioranza dei ticinesi "ha rifiutato la devastante libera circolazione delle persone senza limiti voluta dalla partitocrazia", libera circolazione "che ha avuto effetti deleteri sul mercato del lavoro, sulla sicurezza, sull’ambiente, sulla viabilità, sulle assicurazioni sociali" si legge nel comunicato.

Il movimento di Via Monte Boglia ricorda poi che solo Lega e UDC si sono battute per l'approvazione del testo e sono quindi le uniche forze politiche "schierate dalla parte della maggioranza dei ticinesi su un tema fondamentale per il futuro del Cantone e della Nazione quale sono i rapporti tra Svizzera ed UE".

La vittoria odierna, perlomeno a livello cantonale, per la Lega è anche una sconfitta dei media "mainstream" e delle lobby padronali e sindacali che durante la votazione hanno messo in piedi "un’allarmante operazione di diffusione di “fake news” terroristiche e di lavaggio del cervello ai cittadini a sostegno della libera circolazione".

Un auspicio infine – conclude il comunicato – affinchè i cittadini sostengano queste forze politiche "che difendono gli interessi del Ticino e dei ticinesi" su un tema fondamentale quali sono i rapporti con l'Unione europea.

Di seguito il comunicato stampa integrale della Lega dei Ticinesi: 

Ancora una volta i cittadini ticinesi sconfessano la casta

0in"> La Lega dei Ticinesi prende atto con soddisfazione dell’esito della votazione in Ticino sull’iniziativa per la limitazione.

Per l’ennesima volta, la maggioranza dei ticinesi, sostenendo l’iniziativa, ha rifiutato la devastante libera circolazione delle persone senza limiti voluta dalla partitocrazia, che ha avuto effetti deleteri sul mercato del lavoro, sulla sicurezza, sull’ambiente, sulla viabilità, sulle assicurazioni sociali, …

Anche in quest’occasione, Lega e Udc si sono dimostrate le uniche forze politiche schierate dalla parte della maggioranza dei ticinesi su un tema fondamentale per il futuro del Cantone e della Nazione quale sono i rapporti tra Svizzera ed UE.

E per l’ennesima volta la partitocrazia euroturbo PLR-PPD-PS-Verdi - che per settimane si è prodotta, assieme ai media “mainstream” e alle lobby padronali e sindacali, in un’allarmante operazione di diffusione di “fake news” terroristiche e di lavaggio del cervello ai cittadini a sostegno della libera circolazione - è stata sconfessata dall’elettorato.

Si spera pertanto che i cittadini anche alle elezioni sosterranno quelle forze politiche che difendono gli interessi del Ticino e dei ticinesi. A maggior ragione sui temi fondamentali per il futuro del Cantone e della nazione quali sono i rapporti con L’UE. Se invece si continua a premiare elettoralmente chi fa proprio il contrario – a partire dagli esagitati climatici - poi serve a poco lamentarsi.

Lega dei Ticinesi


Guarda anche 

Il Regno Unito sanzionerà i paesi che non si riprendono i loro migranti, "metteremo fine una volta per tutte alla libera circolazione"

Secondo il progetto di legge sulla riforma dell'asilo, il governo britannico avrebbe il potere di bloccare i visti per i visitatori provenienti da paesi che rifiutano...
10.07.2021
Mondo

Approvati i nuovi statuti e organi associativi della Lega dei Ticinesi

Una cinquantina di esponenti della Lega dei Ticinesi si sono riuniti oggi al Centro cantonale della Protezione civile di Rivera per approvare i nuovi statuti e organ...
20.06.2021
Ticino

AVS a 65 anni per le donne, "la Lega non ci sta"

Con un comunicato trasmesso ai media, la Lega dei Ticinesi esprime la sua contrarietà all'aumento dell'età AVS a 65 anni per le donne, aumento decis...
09.06.2021
Svizzera

La Danimarca bloccherà del tutto l’arrivo di nuovi migranti

La Danimarca vuole porre fine all'immigrazione indiscrimata sul suo territorio. Come riportato dai media, il paese nordico ha approvato giovedì 3 giugno una le...
04.06.2021
Mondo