Opinioni, 08 settembre 2020

I bulli dell'UE

Da molti anni ci indigniamo, giustamente, quando sentiamo parlare di bullismo o del più moderno cyber-bullismo. Se però è l’UE a comportarsi come un bullo, coda tra le gambe e la tanto urlata indignazione, diventa inudibile come per magia; ma com’è questa storia? L’UE ci ha intimato di cancellare il segreto bancario, noi abbiamo ubbidito come dei bravi cagnolini e il segreto bancario è stato cancellato. Per ringraziarci di cotanta adulazione, siamo stati classificati tra i migliori paradisi fiscali del mondo quando in realtà più che di paradiso, bisognerebbe parlare d’inferno. Se decidessimo di voler disdire un accordo sugli oltre 120 sottoscritti con l’UE, ecco pronta la ghigliottina che cadrebbe su 6 accordi, pari a 1/20 del totale.

Se decideremo di accettare l’iniziativa per la limitazione non succederà nulla! L’UE però non è interessata a un risultato di questo tipo perché ostacolerebbe il famigerato “Accordo quadro” di colonizzazione e di sottomissione ufficiale della Svizzera e dei suoi abitanti; è davvero così difficile capirlo? Un accordo che prevede il totale controllo (leggasi dittatura) del nostro Paese e la decurtazione dei diritti conquistati in secoli di battaglie e sacrifici, da parte dei kapò ingaggiati dai signori dell’UE. Non siamo d’accordo con l’UE? Ecco servite le misure di ritorsione, falsamente e ipocritamente chiamate “misure di compensazione”. In altri termini l’UE fa la voce grossa proprio come fanno i bulli a scuola, ci ricatta con una supponenza tale che perfino un bullo professionista si sentirebbe un dilettante. E allora dove sono tutti i cittadini che deplorano il bullismo? Probabilmente a cercare lavoro: lo dovranno fare all’estero. È ora di dire basta a questi soprusi continuando a nascondere la testa sotto la sabbia tanta la paura di voler difendere il nostro Paese, la nostra economia, il nostro habitat. Mandiamo un segnale chiaro a Bruxelles il 27 settembre sostenendo con un convinto SÌ l’iniziativa per la limitazione, perché quando è troppo, è troppo anche per i pacifici svizzeri.

Mauro Damiani, coordinatore ASNI Sezione Ticino


Guarda anche 

Non ci sarà l'incontro tra Parmelin e Macron in novembre, "Francia scontenta per la scelta dei caccia americani"

Prevista da sei mesi, la visita che il presidente della Confederazione avrebbe dovuto avere con il suo omologo francese Emmanuel Macron in novembre non avrà luogo....
20.09.2021
Svizzera

Il patrimonio complessivo di Unia è di quasi un miliardo di franchi, "i compagni sono dei buoni capitalisti"

Una recente sentenza del Tribunale federale ha rivelato parte del patrimonio a disposizione del sindacato Unia. Il più grande sindacato della Svizzera possedeva be...
17.09.2021
Svizzera

L'Ue approva 14 miliardi per cercare nuove adesioni nei balcani e la Turchia

Pioggia di soldi per i paesi balcanici non ancora membri dell'UE e la Turchia in vista di un'adesione all'Unione europea. Nei giorni scorsi il Consiglio Europ...
13.09.2021
Mondo

Una decisione irrispettosa: gli americani partono male

LUGANO - Chicago hanno schiacciato il bottone sbagliato! Il signor Joe Mansueto e i suoi accoliti hanno pensato bene di aggiungere anche Abel Braga alla lista delle ...
05.09.2021
Ticino