Svizzera, 01 settembre 2020

Fatturava milioni quando era in vacanza o in malattia, medico condannato e espulso per truffa alle casse malati

Il Tribunale penale dell'Est vaudois ha condannato lunedì un medico francese di origine siriana residente a Vevey (Vaud) a tre anni di carcere, la metà dei quali da scontare per aver truffato milioni di franchi alle casse malati. L'uomo, che operava quale medico di medicina generale, era attivo a Ginevra e a Montreux. Tra il 2013 e il 2016 aveva fatturato indebitamente quasi 3 milioni di franchi alle assicurazioni malattia.

Il medico, di 55 anni, è stato giudicato colpevole di frode professionale, falsificazione di titoli e falsificazione di certificati medici. Dopo aver scontato la pena detentiva, l'uomo verrà inoltre espulso dalla Svizzera per cinque anni, come richiesto dalla procura dovrà pagare allo Stato un risarcimento pari a 200'000 franchi.

La corte era convinta che l'imputato avesse più volte "volontariamente approfittato di Tarmaid (il sistema di fatturazione usato dai medici svizzeri) per fatturare i servizi senza effettivamente eseguirli" con "perfetta astuzia", ciò che gli ha permesso, nel corso degli anni, di acquisire ben tre abitazioni. La sua colpa è stata giudicata "pesante", la sua "consapevolezza pari a zero" e i rischi di una recidiva significativa.

Il 55enne, che si era laureato in Siria nel 1988, aveva fatturato oltre il loro valore, ma soprattutto aveva fatturato servizi fittizi o servizi che non gli era permesso di eseguire. E questo anche quando lui stesso era in malattia.

In un'occasione il truffatore aveva fatturato all'assicurazione malati 5600 ore nel 2014 e 5706 ore nel 2015, quasi il triplo di un normale lavoro a tempo pieno.

Nel 2014, mentre era in vacanza alle isole Mauritius, il medico aveva fatturato più di 34 ore di consulenza per quasi 9200 franchi. In undici occasioni, ha anche fatturato più di 24 ore di consulenza per un solo giorno.

Infine, il 55enne aveva l'abitudine di “dimenticarsi” di inviare ai suoi pazienti una copia delle fatture. A scoprire e a denunciare l'accaduto è stata un'impiegata del medico.


Guarda anche 

Il “piccolo grande” Ajoie manda al tappeto l’Ambrì

PORRENTRUY - I miracoli succedono ovunque, anche in terra giurassiana e in particolare a Porrentruy, dove ieri sera il “piccolo grande” Ajoie ha steso un...
19.09.2021
Sport

Derubava i clienti FFS mettendo un fazzoletto nel distributore di biglietti

Un cittadino francese residente a Ginevra è riuscito a sottrarre circa 2'000 franchi a clienti delle FFS bloccando l'erogatore del resto dei distributori d...
13.09.2021
Svizzera

Condannati per una partita di calcio in violazione delle regole covid

Un partecipante ad una partita di calcio, tenutasi il 21 maggio 2020 a Losanna, è stato appena condannato per aver violato le regole anti-covid. In precedenza, alt...
12.09.2021
Svizzera

Docente dà uno schiaffo a un alunno che teneva la porta dell'aula chiusa, i genitori sporgono denuncia

Un alunno di 14 anni di una scuola media di Grenoble (VD) ha preso una sschiaffo dal suo insegnante giovedì scorso per aver impedito a un compagno di classe di las...
11.09.2021
Svizzera