Svizzera, 28 agosto 2020

Incarcerato per aver minacciato di uccidere la famiglia, non dovrà pagare le spese del processo e verrà risarcito

Un uomo che in preda alla disperazione aveva minacciato di uccidere la propria famiglia non solo non dovrà sostenere le spese del procedimento avviato dalla giustizia argoviese ma verrà anche risarcito per i quattro giorni trascorsi in detenzione preventiva. Lo ha deciso il Tribunale federale, che si esprimeva sul ricorso dell'uomo in seguito ad una sentenza della giustizia argoviese.

All'inizio di giugno 2019, l'uomo aveva scritto all'emittente radiofonica e televisiva tedesca SRF in merito ai suoi problemi con il pubblico ministero e la giustizia del suo Cantone. Nella missiva l'uomo aveva anche scritto che la sua unica via d'uscita sarebbe stata quella di uccidere la sua famiglia e se stesso. Allertata dall'emittente svizzerotedesca, la polizia aveva effettuato una perquisizione al domicilio dell'uomo e aveva interrogato la moglie del disperato e le due figlie maggiorenni della coppia.

La Procura argoviese aveva quindi posto il padre in detenzione preventiva per quattro giorni. I parenti da parte solo avevano rinunciato all'idea di presentare una denuncia e il procedimento fu abbandonato qualche settimana dopo. La loro testimonianza aveva infatti rivelato che l'uomo era stato a lungo sotto trattamento psichiatrico
e farmaci.

La moglie e le figlie non aveva preso sul serio le minacce, perché lui non era mai stato violento ma in passato aveva tentato il suicidio. Con la sua lettera, secondo i familiari, l'uomoaveva solo cercato di attirare l'attenzione dell'opinione pubblica sulla sua situazione.

In una sentenza pubblicata giovedì, il Tribunale federale ha stabilito che era incomprensibile che la detenzione fosse stata ordinata. Mentre era normale che la SRF e la polizia reagissero, lo stesso non si può dire per il pubblico ministero argoviese, una volta chiarite le circostanze.

I giudici di Mon Repos ritengono che il padre non possa essere biasimato per aver avviato il procedimento penale. Essi concludono inoltre che le disposizioni del Codice civile sulla tutela della personalità invocate dai tribunali argoviesi non sono applicabili. Infatti, la moglie e le figlie non erano i destinatari della lettera e quindi non potevano essersi sentite allarmate dalle minacce.

La decisione della Corte suprema del Cantone di Argovia sulle spese giudiziarie è stata annullata e i giudici dovranno pronunciarsi sull'ammontare del risarcimento per i quattro giorni di detenzione.



Guarda anche 

Viene truffata due volte e finisce per essere condannata per riciclaggio

Una donna residente in Vallese è riuscita a farsi truffare due volte dalla stessa persona e, se ciò non fosse abbastanza, è finita per essere condann...
16.02.2024
Svizzera

Vuole spostare l'auto di pochi centrimetri mentre è ubriaca, si ritrova con 10'000 franchi di multa

È una vicenda quantomeno singolare, per non dire sfortunata, quella avvenuta a una donna di Lucerna un sabato pomeriggio nell'estate del 2022. La donna si era ...
13.02.2024
Svizzera

Perde 40'000 franchi col gioco d'azzardo, ma la banca doveva fermarla (e dovrà risarcirla)

Un debito di 40'000 franchi di una ex cliente di PostFinance, contratto a causa di un errore informatico della banca, dovrà essere cancellato. La giustizia rit...
11.02.2024
Svizzera

Dani Alves e il processo per stupro: rischia 12 anni

BARCELLONA (Spagna) – È iniziato il processo per stupro nei confronti di Dani Alves, accusato di violenza sessuale ai danni di una giovane 23enne nel bagno d...
06.02.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto