Svizzera, 23 luglio 2020

Chiede 500 miliardi di danni alla vicina accusata di averlo ustionato

Accusa la vicina di averlo ustionato con dell'acqua bollente e le chiede 500 miliardi di franchi come riparazione. Il 19 giugno 2019, a Männedorf, nel canton Zurigo, un uomo di 51 anni di Zurigo è stato ricoverato d'urgenza all'ospedale a causa di gravi ustioni alla schiena e all'avambraccio. Da allora, l'uomo è convinto che sia stata la vicina ad avergli deliberatamente rovesciato addosso due o tre litri d'acqua bollente dalla finestra.

Il motivo? Secondo quanto egli stesso sostiene, l'uomo ha una fastidiosa tendenza ad essere rumoroso e la vicina si era già lamentata più volte.

La donna, di 37 anni, ha dovuto recentemente spiegarsi al tribunale distrettuale di Meilen, come riportato da diverse testate svizzerotedesche. L'accusata assicura di non essere l'autrice delle ustioni: "Sono l'ultima persona sulla terra che farebbe del male a qualcuno", disse, prima di aggiungere che non ricordava nulla in particolare quel giorno e che non era presente sulla scena al momento degli eventi.

Il denunciante, da parte sua, ha affermato di aver sentito distintamente la voce della vicina. Ha dichiarato che la donna aveva gridato qualcosa poco prima che l'acqua le cadesse addosso. E ha detto di aver visto chiudersi le finestre quando ha alzato lo sguardo. Ha ammesso, tuttavia, di non aver visto direttamente l'accusata.

L'uomo di Zurigo ha richiesto 500 miliardi di franchi di danni, sostenendo che le sue ferite "durereranno per tutta la vita". Ma il giudice non ha accolto la sua richiesta per mancanza di prove sufficienti. Il magistrato ha sottolineato che le dichiarazioni del querelante erano confuse e mutevoli. Inoltre, la sua richiesta di risarcimento non era "sufficientemente giustificata". La donna di 37 anni è stata quindi prosciolta da tutte le accuse.

Guarda anche 

Detenuto pericoloso fugge da una clinica zurighese

Un detenuto ritenuto pericoloso è fuggito da una clinica a Winterthur in cui era ricoverato. Secondo quanto riferito dalla polizia cantonale di Zurigo, citata dal ...
02.08.2020
Svizzera

Con i crediti Covid si compra un Suv e degli orologi di lusso

Con i crediti Covid si compra un Suv da 100'000 franchi e orologi di lusso. Il 47enne italiano residente nel Luganese arrestato a inizio luglio per una truffa legata ...
28.07.2020
Ticino

Tanto coraggio e una gemma: una vittoria fondamentale per un Lugano che deve ancora correre

LUGANO – Dopo 4 pareggi consecutivi, di cui alcuni rocamboleschi e da mangiarsi le mani, il Lugano ieri sera a Cornaredo è tornato a conquistare quei 3 impor...
23.07.2020
Sport

Tra rinvii, U21 e COVID-19: il calcio svizzero e le sue contraddizioni

LUGANO – Ripartire o non ripartire col calcio giocato. Era questo uno dei tanti interrogativi che nel nostro Paese in molti si ponevano in piena pandemia coronaviru...
16.07.2020
Sport