Svizzera, 20 luglio 2020

Si andrà a votare su SwissCovid? Un gruppo di cittadini lancia la raccolta firme per il referendum

Un comitato di cittadini ha lanciato un referendum contro l'applicazione SwissCovid. Il Parlamento ha adottato la base giuridica dell'app nella sessione estiva. La raccolta delle firme è in corso e il termine del referendum scade l'8 ottobre.

Il 19 giugno, entrambe le camere del Parlamento hanno adottato modifiche urgenti della legge sulle epidemie, approvando così le basi giuridiche per l'introduzione di SwissCovid. Tuttavia, un comitato di cittadini si oppone a questa pratica, denunciandola come una forma di "dittatura digitale".

Non c'è stato un vero dibattito democratico sui rischi associati a queste tecniche di rintracciamento, sottolinea il comitato. In particolare, teme gli abusi in materia di privacy, come quelli che si stanno verificando in Cina.

Il movimento di opposizione è nato nella Svizzera romanda con il nome di "Stop Swiss Covid". Ma si è diffuso rapidamente in tutto il paese, ha detto lunedì il suo portavoce, François Siebenthal, a all'agenzia Keystone-ATS. Ha un solo rappresentante parlamentare tra le sue fila, il consigliere nazionale Jean-Luc Addor (UDC / VS).

L'applicazione deve utilizzare i sistemi operativi di Google e Apple, ha criticato il comitato, giganti di Internet "il cui appettito per la raccolta di dati è ben noto".

La tecnologia Bluetooth, dal canto suo, comporta anche rischi di uso improprio. I falsi positivi e quarantene "inutili" sono tra i pericoli che solleva.

La legge sulle epidemie prevede che i Cantoni adottino "nel loro ambito di competenza le misure organizzative e tecniche necessarie per garantire la sicurezza dei dati".

I dati devono essere registrati solo su telefoni privati e devono essere distrutti non appena non vengono più utilizzati per avvertire le persone interessate. Il sistema svizzero di ricerca di prossimità può essere collegato a sistemi stranieri se lo Stato interessato garantisce "un adeguato livello di protezione della personalità".

Il comitato referendario protesta contro una possibile "pressione sociale" sulla popolazione per l'utilizzo dell'applicazione. La legge prevede quindi che lo scaricamento e l'utilizzo dell'applicazione debbano essere gratuiti; nessuno deve essere "favorito o svantaggiato" per la scelta di utilizzare o meno il sistema.

Guarda anche 

Riusciti i referendum su lex Netflix, Frontex e donazione di organi

Saranno tre gli oggetti in votazione su cui i cittadini svizzeri dovranno esprimersi il prossimo 15 maggio. I referendum sulla cosiddetta "Lex Netflix", il r...
21.01.2022
Svizzera

Sezioni giovanili lanciano il referendum contro la "Lex Netflix"

La cosiddetta "Lex Netflix" potrebbe passare dal voto popolare. Le sezioni giovanili del PLR, dell'UDC e dei Verdi liberali hanno annunciato oggi di aver la...
13.10.2021
Svizzera

"No ai media di stato", si andrà a votare sul pacchetto di aiuti ai media

Si andrà quasi sicuramente a votare sul pacchetto di aiuti ai media. Il comitato referendario ha infatti depositato mercoledì ben 113'085 firme a Berna,...
06.10.2021
Svizzera

Votazioni cantonali, sì alla legittima difesa

Oltre ai due oggetti federali, in Ticino si votava anche su tre iniziative popolari cantonali: “Basta tasse e basta spese, che i cittadini possano votare su certe s...
26.09.2021
Ticino