Mondo, 16 luglio 2020

Bill Gates, Barack Obama, Joe Biden (e molti altri) hackerati su Twitter, "vi pago il doppio dei soldi che mi mandate"

Celebrità e aziende che vi promettono soldi, ma è una truffa. Nella giornata di mercoledì diversi utenti di Twitter probabilmente non credevano ai loro occhi quando hanno visto personalità famosissime come Jeff Bezos, Barack Obama, Joe Biden e Elon Musk (fra gli altri) che offrivano loro la possibilità di guadagnare soldi inviando loro un pagamento tramite bitcoin che i presunti VIP avrebbero rimandato indietro con la somma raddoppiata. Ma, come era ovvio ai più, l'offerta era una truffa messa in piedi da abili hacker che sono riusciti ad avere accesso ai conti di diverse celebrità.

E qualcuno ci è cascato. Secondo il sito specializzato Blockchain.com, che tiene traccia delle transazioni effettuate tramite la famosa criptovaluta, un totale di 12,58 Bitcoin, ovvero quasi $116'000 (109'639 franchi), sono stati inviati a uno degli indirizzi citati nei tweet fraudolenti.

"Buon mercoledì! Offro Bitcoin a tutti i miei abbonati. Sto raddoppiando tutti i pagamenti inviati all'indirizzo Bitcoin qui sotto", si poteva leggere in un messaggio invato dal conto di Elon Musk, l'eccentrico fondatore di Tesla e SpaceX.

I conti del co-fondatore di Microsoft Bill Gates, del boss di Amazon Jeff Bezos, del candidato democratico alla presidenza Joe Biden, dell'ex sindaco di New York Mike Bloomberg e del noto investitore Warren Buffett hanno per un certo tempo postato messaggi con contenuti simili.

Anche aziende come Apple e Uber, così come aziende specializzate in Bitcoin, sono state vittime di questo hackeraggio su larga scala.

La campagna di Joe Biden ha riferito che il social network ha bloccato l'account del candidato democratico non appena l'intrusione è stata notata per cancellare il problematico tweet. "Possiamo confermare che questo tweet non è stato inviato da Bill Gates", ha detto una portavoce di Gates all'AFP.

"Potresti non essere in grado di twittare o reimpostare la tua password mentre stiamo indagando su questo incidente", ha detto l'account del Supporto Twitter nel tardo pomeriggio. Per quasi due ore gli utenti certificati, i cui account sono contrassegnati da un marchio blu, non hanno potuto inviare messaggi.

"La maggior parte degli account dovrebbe essere in grado di twittare di nuovo. Stiamo ancora lavorando per risolvere il problema, e questa funzione potrebbe scomparire e tornare", ha avvertito il social network la sera quando i suoi utenti certificati, tra cui il presidente Donald Trump, sono stati in grado di postare di nuovo messaggi.

Subito dopo l'hackeraggio, le azioni della società sono crollate a Wall Street nel trading elettronico dopo la chiusura.

"L'ipotesi più probabile è che gli hacker siano entrati in possesso del pannello di amministrazione dei dipendenti di Twitter, che consente di modificare le password e di disattivare l'autenticazione multi-fattore", afferma Rachel Tobac, presidente della società di sicurezza informatica SocialProof Security. Tale manipolazione, dice Tobac, avrebbe potuto permettere a individui o gruppi malintenzionati di prendere il controllo dei conti attaccati.



Non è la prima volta che Twitter è vittima di attacchi mirati in passato. Nel marzo 2017, molti conti certificati, tra cui quelli di Amnesty International, del Ministero dell'Economia francese e della BBC Nord America, sono stati violati da sospetti hacker simpatizzanti del presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

Lo scorso agosto, una serie di messaggi offensivi o razzisti sono stati postati sull'account personale di Jack Dorsey a sua insaputa. Il fondatore di Twitter era stato vittima di una truffa con le carte SIM. In questo tipo di attacco gli hacker riescono a far trasferire il numero di cellulare dell'obiettivo su un altro telefono in loro possesso.

Tuttavia, l'attacco hacker di mercoledì sembra essere su una scala completamente diversa e stava già sollevando molte domande a poco più di 3 mesi dalle elezioni presidenziali americane, dove si prevede che le questioni di sicurezza informatica saranno una questione della massima importanza.

Guarda anche 

Con i crediti Covid si compra un Suv e degli orologi di lusso

Con i crediti Covid si compra un Suv da 100'000 franchi e orologi di lusso. Il 47enne italiano residente nel Luganese arrestato a inizio luglio per una truffa legata ...
28.07.2020
Ticino

Sono diventati centinaia i casi sospetti di truffa dei crediti Coronavirus

I prestiti concessi dalla Confederazione per far fronte alla pandemia di Coronavirus continuano a tenere occupati la giustizia elvetica, con il numero di truffe sospette ...
25.07.2020
Svizzera

Azienda riceve crediti Covid e lavoro ridotto e subito dopo dichiara fallimento

È finita sui banchi del parlamento vodese la vicenda di un'azienda che, dopo aver chiesto e ottenuto i crediti di emergenza per la pandemia e il lavoro ridotto...
02.07.2020
Svizzera

Truffe dei crediti covid, emergono altri casi sospetti

In Svizzera proseguono i controlli a posteriori dei beneficiari dei crediti d'emergenza accordati alle imprese a causa della pandemia. Dopo la scoperta di un caso nel...
25.06.2020
Svizzera