Sport, 13 luglio 2020

Dal Lugano all'Ambrì: "Sono pronto a far parte del mondo leventinese"

L’ex bianconero Jörg Eberle è entrato nello staff tecnico delle giovanili dell’HCAP

LUGANO - La notizia dell’ingaggio di Jörg Eberle tecnico giovanile dell’Ambrì Piotta non ha lasciato insensibili tifosi bianconeri in là con gli anni, che dell’attaccante appenzellese hanno ammirato imprese e le reti durante l’era del Grande Lugano di John Slettvoll. Senza girarci attorno: l’arrivo ex rossocrociato in Leventina ha deluso parecchia gente nel mondo bianconero ma lui, giustamente, controbatte che una carriera di professionista prevede anche questi cambiamenti epocali. Del resto, in passato sono stati parecchi i giocatori o i dirigenti che sono scesi dalla Valle al piano luganese e viceversa. Per Eberle si tratta comunque di una sfida davvero allettante, lui che negli ultimi anni trascorsi alla Resega (oggi Corner Arena) non era più in sintonia con la dirigenza bianconera. Senza rancori o polemiche le due parti sono lasciate. Da giocatore, ricordiamolo, ha militato nel Davos, nel Lugano appunto, nel Kloten e nello Zugo, collezionando ben 7 titoli nazionali, 4 dei quali con i bianconeri, con cui ha giocato per 11 stagioni. Eberle, attaccati i pattini al chiodo, ha cominciato a lavorare dietro la scrivania, dapprima come direttore sportivo del Davos e poi dell’HCL del quale è stato in seguito (per quasi sette anni) responsabile del settore giovanile. Poi il passaggio in Federazione come responsabile dell’Under 14 e Under 15 e supervisore. Insomma, si è fatto una bella gavetta, accumulando sufficiente esperienza per tornare ad affrontare una nuova esperienza con un club (vedi Ambrì Piotta). Con Eberle ci siamo soffermati per parlare di questa nuova avventura. Ma non solo… 

Jörg da pilastro e grande giocatore del Lugano al settore giovanile dell’Ambrì Piotta. Mica poco… 
La rivalità va bene quando ci sono in ballo le prime squadre, qui però parliamo di un progetto di un settore giovanile importante, il campanilismo non centra assolutamente nulla. Conta la formazione e la crescita dei ragazzi, il tutto per assicurare un solido futuro al club. Chissà: un domani li vedremo protagonisti nella massima divisione oppure nella NHL.

Qualcuno dice che con il Lugano non si è lasciato molto bene… 
Non è assolutamente vero. Ho fatto come detto la mia esperienza come Direttore Sportivo e poi nel settore giovanile, ma nessuna polemica. Ho semplicemente ricevuto un’offerta molto interessante per lavorare nella Federazione e l’ho accettata. Serbo bellissimi ricordi dei bianconeri ma ora si trattava di accettare una nuova sfida; ho detto sì con entusiasmo!

Lei è stato l’ultimo direttore sportivo del Lugano a vincere un titolo… 
Lasciamo stare le statistiche che, come si sa, lasciano aperta ogni discussione. Non vuole dire nulla né bisogna mandare assolutamente alcun messaggio al club bianconero, che è comunque sempre tra i migliori.

Cosa hanno significato i sette anni passati nella Federazione svizzera di hockey?
Ho avuto innanzitutto la possibilità di tastare il polso a diverse realtà hockeistiche elvetiche, così tanto per farmi delle idee precise. Ho continuato a visitare i vari club per capire e vedere la qualità dell’hockey nei vari settori giovanili. Quindi sono partito con un lavoro molto articolato per migliorare certi aspetti tecnici, tattici e mentali.

In questi anni il Lugano non le ha mai fatto nessuna offerta per farla tornare sulle rive del Ceresio?
No, non abbiamo mai parlato, anche perché stavo veramente bene in Federazione.

Quando il derby si disputerà alla Valascia, lei riuscirà a restare impassibile di fronte alle emozioni che sapranno regalare sia HCAP che HCL?
In Federazione una delle prime cose che ho imparato è quella di evitare è di non fare il tifoso ma di lasciare il posto alla professionalità. Così farò ora.

Lo vada a dire ai tifosi bianconeri che forse non accetteranno di buon grado il suo passaggio ad Ambrì… 
Nella vita bisogna accettare anche queste cose. La rivalità è sempre esistita, ma, e lo ripeto, quando c’è di mezzo la formazione del giovane bisogna pensare alla sua crescita ed evitare tutto il resto. Ora sono ad Ambrì e cercherò di impegnarmi al massimo per la crescita dei ragazzi assieme agli altri validi allenatori. È vero, posso capire magari il disappunto di qualche tifoso, ma sto percorrendo una strada completamente diversa da quella del giocatore. Queste cose capitano in tutte le realtà sportive e non solo nell’hockey.

È stato Manuele Celio a contattarla, visto che è stato suo compagno di squadra a Kloten?
Con lui ho già lavorato un paio di anni in Federazione, così come con Daniele Celio: sono due persone che conosco bene per professionalità e conoscenze della materia. È nato tutto spontaneamente.

Che cosa l’ha convinta del progetto dell’Ambrì Piotta?
La competenza appunto di allenatori e dirigenti, e la capacità di Paolo Duca, che conosco bene. Tutto è andato velocemente, un paio di settimane in tutto. Dopo il primo contatto ho avuto la convinzione (e la gioia) di entrambe a far parte di un buon progetto.

Ad Ambrì entrerà in particolare anche nello staff tecnico della U13 élite.
Darò una mano laddove sarà necessario, importante sarà trovare unità di intenti per far maturare il meglio possibile il progetto giovanile. 

Ad Ambrì troverà un ambiente davvero speciale. Si sente pronto ad entrare nel mondo leventinese?
Sono pronto e stimolato per questa avventura, importante è entrare in contatto con la vera passione per l’hockey. La realtà leventinese la conosco bene, so come lavorano dirigenti ed allenatori in generale in tutto il Ticino.

Cosa ne pensa del movimento giovanile svizzero in generale?
La Svizzera ha tracciato la sua strada ed il suo movimento giovanile fa ben sperare; scopriremo altri talenti che sono pronti a sbarcare in realtà più prestigiose come quella nordamericana. Si lavora in modo più metodico, negli ultimi anni abbiamo fatto dei passi da gigante, basta guardare il rendimento delle nostre selezioni giovanili. Ora sappiamo di essere degli osservati speciali anche dalla NHL, quindi dobbiamo continuare su questa strada.

Ci dica: è stato più emozionante vincere il suo primo titolo assoluto con il Davos o il primo titolo bianconero dopo la finale di Davos?
Ho avuto la fortuna di vincere titoli con tre squadre differenti. Tutti sono stati belli, a Davos è stato un successo davvero indimenticabile, come il primo con la maglia dell’HCL nei Grigioni. C’erano oltre tremila tifosi bianconeri. Incredibile. Ma anche a Zugo, quando non ero più giovanissimo, è stato bellissimo.

Il miglior allenatore?
Direi John Slettvoll per le sue grandi capacità tecniche e comunicative.

E il miglior straniero?
Kent Johansson come compagno, Rexi Ruotsalainen (Berna) come avversario.

G.M.

Guarda anche 

FC Lugano: l’obiettivo è Kamer Qaka. Ma Tramezzani…

LUGANO – È un momento intenso in casa FC Lugano: con la salvezza acquisita, col campionato 2020/21 che è ormai alle porte, c’è da allesti...
11.08.2020
Sport

Renzetti: “La salvezza? L’Europa era alla portata. 1'000 spettatori agli stadi? Tutti nella stessa barca… ma chi ci aiuta?”

LUGANO – Non c’è davvero mai tempo di annoiarsi in Svizzera col campionato di Super League: archiviato poche ore fa lo spareggio promozione/relegazione...
11.08.2020
Sport

Casinò Lugano: fortunella vince oltre 250'000 CHF

Le slot delle Mongolfiere volano alto con il jackpot Mega che dopo cinque mesi regala tanta felicità a una fortunata vincitrice che ha por...
03.08.2020
Ticino

Tanto coraggio e una gemma: una vittoria fondamentale per un Lugano che deve ancora correre

LUGANO – Dopo 4 pareggi consecutivi, di cui alcuni rocamboleschi e da mangiarsi le mani, il Lugano ieri sera a Cornaredo è tornato a conquistare quei 3 impor...
23.07.2020
Sport