Svizzera, 07 giugno 2020

È in assistenza ma compra 28 auto in 9 anni

Ventotto auto immatricolate tra il 2009 e il 2018, ma non lavora e da più di 10 anni è al beneficio dell'assistenza. Un 42enne iraniano residente in vallese avrebbe speso 120'500 franchi per comprarsi decine di veicoli. Veicoli che gli servivano per un traffico illegale, tuttavia, "non è stato stabilito alcun profitto o vantaggio personale", si legge nella sentenza di questo uomo dal 2009 alle dipendenze dell'assistenza, che dal suo arrivo in Svizzera non ha esitato ad abusare del suo sistema sociale generoso. Ad esempio, riceveva un assegno mensile di 160 franchi per la cura di due dei suoi figli, due volte al mese. Ma aveva nascosto alle autorità che sua figlia maggiore non veniva più a vederlo e quindi avrebbe dovuto ricevere solo la metà.

Inoltre, non ha menzionato il fatto di avere risparmi pari a 14'600 franchi, 10'600 più della soglia legale per i beneficiari delle prestazioni sociali. Ha investito questo importo in un primo acquisto di quattro auto, di cui una che è costata 10'000 franchi. In seguito, ha venduto le auto per comprarne altre, che rivendeva a loro.

Nonostante le infrazioni, la giustizia vallesana ha comunque ritenuto che l'uomo non ha violato la legge sull'assistenza sociale. È stato condannato al pagamento sospeso di aliquote giornaliere per un totale di 1'600 e al pagamento di una multa di 500 franchi . La procuratrice Catherine Seppey ha deciso di non espellerlo, poiché la maggior parte dei crimini è stata commessa prima dell'approvazione della legge sulle espulsioni dei criminali stranieri. "Titolare di un permesso F, la persona condannata vive in Svizzera da anni. La sua richiesta di asilo è stata accolta. Ha tre figlie, una delle quali è nata nel 2018. L'interesse pubblico per una sua espulsione non ha la precedenza sugli interessi privati​​", ha affermato il magistrato per motivare la sua decisione.

Guarda anche 

Frontaliere espulso dopo 27 anni in Ticino: "Giusto così"

Il Tribunale federale, con sentenza datata 19 giugno e pubblicata ieri, ha confermato la revoca del permesso G a un frontaliere che lavorava in Ticino dal 1988.   ...
09.07.2020
Ticino

Aggredito mentre urina su un muro, la Suva gli taglia le indennità per infortunio

Il Tribunale federale conferma la riduzione delle indennità per infortunio della Suva per un giovane che aveva urinato su un muro per poi essere violentemente aggr...
06.07.2020
Svizzera

Condannato e espulso per aver abusato di un'adolescente che aveva drogato

È una serie impressionante di accuse quelle a cui ha dovuto rispondere un 23enne domenicano a un processo svoltosi giovedì a Neuchâtel. Alla fine, il ...
04.07.2020
Svizzera

Azienda riceve crediti Covid e lavoro ridotto e subito dopo dichiara fallimento

È finita sui banchi del parlamento vodese la vicenda di un'azienda che, dopo aver chiesto e ottenuto i crediti di emergenza per la pandemia e il lavoro ridotto...
02.07.2020
Svizzera