Svizzera, 11 maggio 2020

Automobilista rifiuta il prelievo di sangue dopo un incidente, il tribunale gli dà ragione

Un automobilista vodese che aveva rifiutato di farsi prelevare il sangue dopo un incidente si è visto dare ragione da un tribunale, secondo cui ordinare a qualcuno di sottoporsi a un esame del sangue giorni se non settimane dopo i fatti non aveva alcuna utilità.

Come riporta il portale "Le Matin", i fatti risalgono a dicembre 2019. L'automobilista aveva causato un tamponamento in una strada sulla riva del lago Lemano. Ma invece di fermarsi, si era allontanato a piedi dal luogo dell'incidente facendo perdere le sue tracce. Circa mezz'ora dopo, si presentava di sua volontà a una stazione di polizia. Gli agenti gli fanno allora un test dell'etilometro, che rileva che l'uomo aveva un tasso alcolemico di quasi il due per mille Queste sono, in sintesi, le spiegazioni fornite la stessa sera da un automobilista il cui etilometro aveva rivelato un tasso di quasi il 2 per mille.

Avvisato, un pubblico
ministero aveva ordinato un esame del sangue ma l'automobilista si era rifiutato. Il giorno successivo, il magistrato ha quindi inviato un ordine scritto per l'esame del sangue, ma l'automobilista ha nuovamente obiettato. E quest'ultimo si è visto dar ragione dal Tribunale cantonale: i giudici cantonali hanno fatto notare che un esame del sangue diversi giorni, o anche settimane, dopo l'incidente era inutili.

Tuttavia, per l'uomo è stata solo una mezza vittoria. Perché se il tribunale cantonale rileva la nullità di questo ordine, la Sezione della circolazione non se ne cura. Dato il tasso alcolemico rilevato dall'etilometro, la patente di guida del ricorrente è già stato sospeso. E l'uomo rischia una condanna, non solo per la guida sotto l'effetto dell'alcool, ma anche per aver "ostacolato le misure per dimostrare l'incapacità alla guida".

Guarda anche 

Imam espulso dalla Svizzera si ripresenta a Chiasso come richiedente l’asilo

Il suo permesso di soggiorno in Svizzera gli era stato revocato nel 2015, decisione confermata definitivamente dai giudici nel 2017. Tornato in Egitto, l'Imam si sare...
17.04.2021
Svizzera

Espulsi dalla Svizzera i tre giocatori che picchiarono un arbitro

Cartellino rosso per i tre giocatori kosovari del FC Tordoya che nel 2018 aggredirono brutalmente un arbitro, durante una partita di quinta lega al centro sportivo di Eva...
15.04.2021
Svizzera

Rubava auto in Ticino e le rivendeva: condannato ed espulso

Un 30enne rumeno comparso ieri in aula penale a Lugano è stato condannato a 16 mesi di detenzione da espiare e a 5 anni di espulsione dalla Svizzera. L’uo...
10.04.2021
Ticino

I figli non possono andare all'asilo perchè non vaccinati, "giusto così" per la CEDU

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha stabilito giovedì che la vaccinazione obbligatoria è "necessaria in una società democratica...
08.04.2021
Mondo