Mondo, 22 marzo 2020

Coronavirus, il re è nudo

Un contributo dello chef Guerino Coldesina sul difficile momento che stiamo vivendo

In 70 anni non avevo mai vissuto una situazione che può essere paragonata alla realtà di questi ultimi 10 giorni. Per collocare questi eventi in una mia personale memoria, ritorno ai racconti di mia madre Margherita ai tempi della Seconda guerra mondiale, quando avvistati gli aerei della Luftwaffe tedesca, gli zurighesi correvano terrorizzati al riparo. Ma io non c’ero, non ho vissuto questo attacco alla mia libertà individuale.

Ora, annientato anche il panem et circenses moderno, congelato completamente il modello sociale attuale, all’uomo rimane un enorme vuoto da riempire. Non posso esimermi dall’ascoltare attentamente la mia coscienza per rendermi conto che il Covid-19 e la sua portata tsunamica sia dovuta in gran parte ad un modello di comportamento quantomeno rivedibile. Questa pausa non può far altro che risvegliare in tutti noi l’impellente necessità di ridiscutere completamente il nostro paradigma sociale, economico e politico.

Quali priorità?

Quali diventano, nel post-Covid19, le priorità? Chi saranno i leader del nuovo corso? Ancora chi abbaia più forte, più insistentemente? Il liberismo nichilista che ha scandito le nostre vite si frantuma fragorosamente a causa di un microscopico virus che ha trovato terreno fertile nella società iper connessa, cannibale, spietata ed egoista che abbiamo permesso venisse costruita in nostra ingiustificata assenza. Il potere politico ed economico mondiale che ci ha sempre indotto al consumo sfrenato al più basso costo possibile oggi si ritrova, inaspettatamente, privato della sua autorevole corona da regnante. Il reticolo infinito di sudditi narcotizzati dal sopra citato panem et circenses si risveglia accorgendosi che questo potere subdolamente dittatoriale non ha alcun motivo di esistere in quanto fallimentare nel garantire il suo unico vero scopo: la loro sicurezza.

Al diavolo le chat!

A questo punto, l’umanità tutta riscopre quanto valore ha il proprio vicino di casa, quanto prezioso sia il contatto umano vero (non so cosa darei per abbracciare i miei cari in questo momento, al diavolo le chat!), quanto insensato sia vivere per consumare.
Io ricordo che ai miei tempi non si viaggiava ogni weekend in aereo per 29.90 andata e ritorno, non si compravano compulsivamente scarpe da 39.90, non si buttava il 50% della spesa perché “ormai le carote non sono più belle”.
Non chiedetemi come siamo arrivati a questo, ma adesso che ho il tempo di pensarci, mi sconvolge quanto siamo caduti in basso negli ultimi 50 anni.

Che senso ha...

Il mondo di oggi ci impone l’annientamento, il cannibalismo tra i più deboli, in quasi ogni circostanza. Ma che senso ha la deregolamentazione a 360° della nostra economia?

Ma che senso ha, oggi, la privatizzazione delle cure sanitarie? Ma che senso ha far fallire il nostro vicino di casa perché dall’altro lato del globo un altro disperato riesce a fornirmi le stesse prestazioni ad un costo ridotto? Che senso ha continuare a bruciare le risorse naturali per alimentare viaggi vuoti in deserti dell’anima che risultano essere uno la copia sbiadita dell’altro?

Il Re è Nudo perché i suoi sudditi gli hanno tolto il mantello. Dichiarano il suo fallimento e lo ghigliottinano. Tanto per cominciare, deve cominciare a prevalere da subito un senso di comunità, prima che di stato. La comunità di poche migliaia di persone che condividono la loro quotidianità, il territorio, la loro vita. Insomma, la vera ricchezza di ognuno di noi: il rapporto umano, la vicinanza, l’intimità, l’amicizia vera. Quella che oggi è improvvisamente venuta a mancare.

Un punto di svolta

Questo cigno nero vediamolo come un avvertimento, un monito. È un punto di svolta dove il benessere della comunità deve essere la inderogabile priorità. L’autonomia deve essere garantita, mantenendo ben saldi e cordiali i rapporti con più comunità. Non è immaginabile che una situazione come questa possa anche solo lontanamente ripetersi.

E d’improvviso vedrete i vostri amici e famigliari regolarmente in piazza, nei bar e ristoranti, vi muoverete in modo ecologico e sensato, acquisterete dai commercianti delle scarpe fatte apposta per voi, intrapprenderete un viaggio non per evadere
ma per scoprire voi stessi e quello che vi circonda.

L’opportunità si trova in qualsiasi situazione, anche la più avversa. Sta a noi decidere con lucidità e mutata consapevolezza della nostra condizione umana come reagire di conseguenza.

Al mantello del Re penseremo dopo.

Guerino Coldesina / MDD

Guarda anche 

Dopo quasi due mesi, a Shanghai si comincia ad allentare il lockdown

Martedì le autorità di Shanghai hanno dichiarato di aver "sconfitto" il coronavirus e che non sono stati trovati nuovi casi positivi (escluse le s...
26.05.2022
Mondo

Shangai: Dopo le proteste della popolazione il governo allegerisce le misure

Shanghai è sotto stretta sorveglianza dal primo aprile a causa di una recrudescenza dei casi di Covid-19, rendendo difficile per i suoi 25 milioni di abitanti l...
07.04.2022
Mondo

Dal primo aprile fine delle misure anti-Covid

La decisione era nell'aria e poco fa è arrivata la conferma dal Consiglio federale: a partire da venerdì primo aprile cadono le ultimi restrizioni an...
30.03.2022
Svizzera

"I Parlamentari rinuncino a 5'000 franchi di indennità quale gesto di solidarietà"

I deputati che siedono a Berna dovrebbero rinunciare al 20% delle indennità quale gesto di solidarietà verso i cittadini colpiti dalla crisi di Coronavir...
01.02.2022
Svizzera