Sport, 17 marzo 2020

“Isolamento e controlli di polizia: così la Cina ce l’ha fatta!”

Fabio Cannavaro, allenatore proprio in Cina, ha raccontato la sua esperienza

Il primo Paese a essere colpito dal Coronavirus, come ben sappiamo, è stato la Cina che in questi ultimi giorni però si è rialzata, visto che la situazione è nettamente migliorata. A spiegare il tutto e come ci si è arrivati ci ha pensato anche Fabio Cannavaro, allenatore italiano del Guangzhou Evergrande, che ha parlato al “Mundo Deportivo”.

“Adesso qui è tutto normale, vedi la gente nei ristoranti anche senza mascherina. In Cina hanno sconfitto la pandemia perché hanno seguito le regole delle autorità tutti assieme. La polizia poteva arrivare in ogni momento a verificare se eri veramente a casa e misurarti la temperatura”, ha spiegato.

“Un mese fa non si vedeva un’anima in giro, soltanto polizia e ambulanze. Sono rimasti tutti a casa, è l’unica cosa da fare”, ha concluso.

Guarda anche 

Il Covid ci mette lo zampino: annullata la Spengler

DAVOS – Niente da fare, la Coppa Spengler alza bandiera bianca. Il tradizionale appuntamento con l’hockey natalizio, che attira l’attenzione degli amant...
29.09.2020
Sport

In più di 1000 sugli spalti: ecco come sarà

RIVERA – La fatidica data dell’1 ottobre è dietro l’angolo e con essa la ripresa del campionato di hockey e l’aumento potenziale dei tifosi...
28.09.2020
Sport

FC Lugano: 25 anni fa, una memorabile impresa!

LUGANO - 25 anni fa, una vita, il Lugano eliminava clamorosamente l’Inter dall’allora Coppa UEFA (la moderna e attuale Europa League). Un evento storico ...
28.09.2020
Ticino

Una perla di Gerndt e l'opportunismo di Guidotti: un Lugano da 4 in pagella

ZURIGO - Non è bastato al Lugano l’euro-gol del talentuoso svedese Gerndt (seconda rete in due gare) per condurre in porto la vittor...
27.09.2020
Sport