Svizzera, 29 febbraio 2020

Non si può registrare una conversazione con un poliziotto a sua insaputa

Registrare una conversazione con un poliziotto (o chiunque altro) a sua insaputa non è legale. È quanto si legge in una sentenza del Tribunale federale, che venerdì ha respinto il ricorso di un direttore di un'agenzia di sicurezza condannato dalla giustizia ginevrina per aver registrato una sua conversazione con un ufficiale di polizia.

L'uomo aveva incontrato due volte un sergente capo dopo che due suoi dipendenti erano stati coinvolti in un intervento notturno in un parco. Non aveva specificato che stava registrando le conversazioni. Il giorno dopo, aveva trasmesso un rapporto con le registrazioni a un agente di polizia e a altre persone.

Informato, il sergente capo aveva sporto denuncia. Il direttore era stato quindi condannato a 60 aliquote giornaliere di 30 franchi sospesi per registrazione non autorizzata. In una sentenza pubblicata venerdì, il Tribunale federale ha respinto il suo ricorso.

Il ricorrente aveva ritenuto che le conversazioni registrate facessero parte della missione ufficiale
di un ufficiale di polizia. Pertanto, non rientrano nell'articolo 179ter del codice penale, che concerne i reati contro la sfera privata.

Lo scopo dell'articolo 179ter CP, sottolinea la massima istanza svizzera, è di consentire a chiunque di potersi esprimersi liberamente. Una persona non dovrebbe temere che le sue parole vengano registrate contro la sua volontà e che le parole pronunciate vengano usate in modo improprio.
Per i giudici di Losanna, quindi, non importa che la conversazione si riferisca alla sfera privata o professionale e in quale capacità si esprimono gli interlocutori.

In questo caso, le parole scambiate tra il ricorrente e il poliziotto non erano intese per essere ascoltate da terzi. Inoltre, il fatto che quest'ultimo abbia parlato nel corso delle sue funzioni non lo ha privato del suo diritto di parlare liberamente. Queste conversazioni devono quindi essere considerate "non pubbliche" e la condanna per la registrazione non autorizzata è quindi confermata.

Guarda anche 

A Ginevra i clandestini saranno risarciti per non aver potuto lavorare

Indennizzati per non aver potuto lavorare, pur non avendo il diritto di risiedere o lavorare in Svizzera. La chiusura parziale delle attività economiche causata da...
28.05.2020
Svizzera

Se il dipendente lavora da casa il datore deve pagare parte dell'affitto

Il datore di lavoro che fa lavorare da casa un dipendente deve partecipare alle spese di affitto che quest'ultimo deve sostenere. È quanto ha deciso il Tribuna...
24.05.2020
Svizzera

Una nuova carovana di nomadi entra in Svizzera nonostante le frontiere chiuse

Trentacinque camper di nomadi sono entrati mercoledì in Svizzera attraverso una dogana nel canton Ginevra, e nonostante siano ancora le restrizioni alle frontiere ...
24.05.2020
Svizzera

Picchiarono cinque donne fuori da una discoteca, condannati quattro “francesi"

Dopo 23 ore di dibattimenti, alle 3.30 della scorsa notte sono stati condannati quattro uomini, detentori di passaporto francese, che nel 2018 avevano aggredito cinque gi...
21.05.2020
Svizzera