Svizzera, 29 febbraio 2020

Amnesty International critica la Svizzera per il "regime severo" dei centri per richiedenti l'asilo

Da circa un anno, la maggior parte delle domande di asilo sono state eseguite con la nuova procedura accelerata nei nuovi centri federali di asilo. Per Amnesty International, che pur era favorevole a questa nuova procedura, "le scadenze troppo brevi e il regime troppo severo dei centri federali" rappresentano un problema.

La procedura, che si svolge "in brevissimo tempo", pone elevate richieste a tutte le parti interessate: le sentenze del Tribunale amministrativo federale che bloccano i rinvii sono relativamente frequenti e dimostrerebbero che la rapidità dell'esame va a scapito di un attento esame dei fatti, ha detto Amnesty International in una dichiarazione di venerdì.

Amnesty osserva che la nuova procedura di asilo -
come dimostrato dalle statistiche sull'asilo pubblicate dalla Segreteria di Stato della migrazione alla fine di gennaio - non ha finora avuto un impatto significativo sui tassi di riconoscimento e protezione. Il tasso di asilo è rimasto invariato al 31,2%, così come quello delle ammissioni provvisorie, che si è attestato al 59,3%.

La ONG ritiene ancora che "i deficit significativi della politica svizzera in materia di asilo continuano a peggiorare indipendentemente dalla nuova procedura". E Alicia Giraudel, responsabile dell'asilo di Amnesty Svizzera osserva: "Nel contesto europeo, la Svizzera sta facendo troppo poco per migliorare la situazione dei migranti, specialmente per quelli in Libia e nelle isole greche".    

Guarda anche 

La Svizzera accoglie una ventina di migranti dalla Grecia (ma per le ONG non è abbastanza)

Una ventina di richiedenti l'asilo provenienti dalla Grecia sono arrivati in Svizzera nella giornata di sabato. Il loro arrivo fa seguito a un appello lanciato da div...
17.05.2020
Svizzera

Dopo cinque anni di sentenze e ricorsi non può ancora essere espulso

Chi la dura la vince. Al suo terzo ricorso al Tribunale amministrativo federale (TAF) un cittadino iraniano, patrocinato dall’avvocato Immacolata Iglio Rezzonico, &...
08.05.2020
Svizzera

"L'Italia convoca l'ambasciatrice svizzera per i confini chiusi. E noi?"

Le limitazioni al confine tra la Svizzera e l'Italia per i controlli degli spostamenti tra i due paesi saranno al centro di un incontro tra l'ambasciatrice della ...
05.05.2020
Svizzera

È rimasto per 12 anni in Ticino senza permesso (e lavorava in centro a Lugano)

Dopo dodici anni in Ticino senza alcun tipo di autorizzazione, un cittadino iracheno dovrà ora fare ritorno nel suo Paese. Il Tribunale amministrativo federale (TA...
01.05.2020
Ticino