Svizzera, 20 febbraio 2020

Il PLR confonde Schengen con la libera circolazione

Che cosa c'entra i turisti, i visti d'entrata e l'accordo di Schengen con la votazione sulla libera circolazione del prossimo 17 maggio ? Assolutamente nulla, ma il PLR nazionale crede, o vuole far credere, diversamente. In un messaggio pubblicato sulla propria pagina facebook (lo vedete sopra, in francese) il partito liberale scrive che "'ciò che vale per i turisti da noi, vale anche per gli svizzeri che viaggiano all'estero. Dovranno far fronte a limitazioni amministrative e a delle richieste di visti d'entrata. Senza l'accordo di Schengen, la libertà di viaggiare è in pericolo'. Questo è un rischio che vogliamo evitare e quindi diremo NO il prossimo 17 maggio."

Eppure nulla di quanto scritto nel messaggio ha qualcosa a che vedere con la votazione del 17 maggio. L'Accordo di libera circolazione su cui saremo chiamati a votare è in vigore dal 1999 e riguarda il diritto, per i cittadini UE e alcuni non UE come la Svizzera, di risiedere e lavorare nei paesi che lo hanno sottoscritto. L'accordo di Schengen è un accordo di sicurezza a cui la Svizzera ha aderito anni dopo, nel 2008. Schengen, fra le altre cose, include delle facilitazioni negli spostamenti tra i paesi che ne fanno parte, fra cui l'assenza di visti di entrata.

Ma non solo Schengen e la libera circolazione sono due accordi completamente differenti, l'accordo di Schengen non fa parte degli accordi bilaterali e quindi nemmeno attraverso la cosidetta "clausola ghiglottina" la permanenza della Svizzera nello spazio Schengen sarebbe messa in discussione. Di conseguenza avanzare l'argomento secondo cui Schengen, la possibilità di viaggiare all'estero e per i turisti stranieri di venire in Svizzera sarebbero in pericolo in caso di accettazione dell'iniziativa per un'immigrazione moderata è una palese falsità.

Una palese falsità che gli utenti di Facebook non hanno mancato di far notare. Il messaggio del PLR è stato infatti commentato da decine di persone che hanno fatto notare come l'appartenza della Svizzera allo spazio Schengen non c'entrasse nulla con la votazione del 17 maggio. Ma, a distanza di quasi 12 ore dalla pubblicazione, il messaggio non è stato rivisto nè tantomeno cancellato.

Non sappiamo se il PLR voglia affrontare il dibattito sulla libera circolazione avanzando argomenti palesemente falsi, d'altronde non sarebbe la prima volta che un gruppo o un esponente politico esprime falsità (magari altre volte non sono così evidenti). Più interessante sarà vedere se e quanto i media saranno disposti a dare spazio acriticamente a questi argomenti fasulli.

Guarda anche 

"Ancora una volta i cittadini sconfessano la casta"

Nonostante la probabile bocciatura a livello nazionale la Lega dei Ticinesi, tramite comunicato stampa, "prende atto con soddisfazione dell’esito della votazio...
27.09.2020
Ticino

Il Consiglio nazionale boccia gli sviluppi di Schengen

Il Consiglio nazionale temporeggia sullo sviluppo dell'acquis di Schengen. Giovedì (oggi) ha respinto, con 79 voti favorevoli, 74 contrari e 38 astensioni, un ...
17.09.2020
Svizzera

Baranzini: "La libera circolazione non ha favorito i cantoni di frontiera"

Il prossimo 27 settembre saremo chiamati a esprimerci sulla libera circolazione delle persone con l'Unione europea, un accordo in vigore da ormai 13 anni e che ha avu...
15.09.2020
Svizzera

"No alla libera circolazione incontrollata della manodopera estera"

L’Organizzazione per il Lavoro in Ticino (TiSin) con un comunicato trasmesso ai media prende posizione sull'iniziativa detta “di limitazione” dicend...
10.09.2020
Svizzera