Svizzera, 15 febbraio 2020

I rifugiati possono chiedere prestazioni sociali per i figli che abitano all'estero

I rifugiati in Svizzera devono avere accesso alle stesse prestazioni sociali degli svizzeri. Così ha stabilito venerdì il Tribunale federale, che si è chinato sul caso di un cittadino del Ciad giunto in Svizzera come rifugiato e al beneficio dell'AI dal 2005. L'uomo pretendeva delle prestazioni complementari dell'AI per i suoi due figli residenti in Francia e nati da un unione fuori dal matrimonio.L'Ufficio AI del canton Berna si era opposto a queste prestazioni, dal momento che i beneficiari risiedono all'estero. Il Tribunale federale ha quindi respinto il ricorso e intimato il via libera al versamento delle prestazioni.

Il Tribunale federale ha rilevato che la Convenzione sui rifugiati di Ginevra - ratificata dalla Svizzera nel 1955 - prevede che gli Stati contraenti garantiscano ai rifugiati che risiedono legalmente nel loro territorio gli stessi diritti in termini di sicurezza sociale dei loro cittadini.

Per i cittadini svizzeri, il pagamento delle pensioni per bambini non è soggetto alla condizione che essi risiedano in Svizzera. Tuttavia, il decreto federale relativo allo status dei rifugiati nell'AVS e nell'intelligenza artificiale prevede tale condizione di domicilio per i figli di rifugiati o apolidi, ma dal momento che il diritto internazionale ha priorità su quello svizzero va applicata la Convenzione di Ginevra.

Per il Tribunale federale, il decreto viola quindi il principio della parità di trattamento tra cittadini e rifugiati garantito dalla convenzione del 1955. Poiché non esistono indicazioni per concludere che il legislatore intendesse stabilire un'eccezione, bisogna quindi attenersi al testo della convenzione.

Guarda anche 

Padre di famiglia costringeva una donna a prostituirsi, verrà espulso

Un padre di famiglia iracheno che avevaa costretto una donna ungherese a prostituirsi deve essere espulso dalla Svizzera. Il tribunale federale ha il ricorso del Minister...
28.03.2020
Svizzera

Il collega le stringe la mano troppo forte e lei si ferisce, non è infortunio di lavoro

Durante un'energica stretta di mano con un collega, una donna aveva subito una lacerazione significativa al polso. Secondo il Tribunale federale, questo non è ...
26.03.2020
Svizzera

Al confine con 100'000 franchi in contanti, dovrà rimanere in carcere

Il Tribunale federale ha respinto il ricorso di un presunto trafficante di droga contro la seconda proroga della sua detenzione preventiva. L'uomo era stato pizzicato...
26.03.2020
Svizzera

Da più di 20 anni in Svizzera senza (quasi) mai aver lavorato, verrà espulso

Arrivato in Svizzera a 21 anni, un 42enne italiano residente nel canton Vaud è stato espulso dopo aver vissuto nel nostro paese oltre 20 anni senza praticamente ma...
23.03.2020
Svizzera