Mondo, 03 febbraio 2020

L'UE vuole un caricatore identico per tutti i telefoni

I parlamentari UE vogliono che i produttori di telefono si dotino di un caricatore universale, ossia un caricatore che possa essere usato con tutti i telefoni. Gli eurodeputati hanno approvato giovedì una risoluzione non vincolante in cui chiedono alla Commissione europea l'adozione "urgente" di uno "standard universale per caricabatterie" per i telefoni cellulari venduti nell'UE. Una richiesta a cui i produttori di telefoni, in particolare Apple, sono fermamente contrari.

"La pletora di caricabatterie offre [...] costi e disagi eccessivi per i consumatori e genera un'impronta ecologica non necessaria", scrivono gli eurodeputati in questo testo, adottato a larga maggioranza (582 a favore, 40 contro e 37 astensioni). È pertanto "urgentemente necessario adottare uno standard universale per i caricabatterie", aggiungono, chiedendo che la misura venga introdotta "entro luglio 2020".

L'idea di imporre ai produttori di telefono e tablet di adottare un caricatore universale non è nuova. Già nel 2009 la Commissione europea aveva cercato di introdurre questo cambiamento, scontrandosi però con la riluttanza del settore.

Il numero di tipi di caricabatterie è stato tuttavia notevolmente ridotto in 10 anni, dai 30 di allora a 3 di oggi, ha recentemente ricordato il Commissario europeo Maros Sefcovic durante una discussione sulla questione in parlamento.
Sefcovic ha tuttavia promesso che la Commissione affronterà la questione tramite "una combinazione di opzioni politiche che includano misure regolamentari e non regolamentari".

Il gruppo Apple, che ha i suoi standard di connessione, si oppone a tale regolamentazione, che "soffocherebbe l'innovazione invece di incoraggiarla e danneggerebbe i consumatori in Europa e l'economia nel suo insieme", secondo una dichiarazione rilasciata la scorsa settimana.


"La legislazione avrebbe un impatto negativo diretto interrompendo il funzionamento delle centinaia di milioni di dispositivi e accessori attivi utilizzati dai nostri clienti europei e da un numero ancora maggiore di clienti Apple in tutto il mondo, creando un volume senza precedenti di rifiuti elettronici e utenti infastiditi", sostiene l'azienda con sede a Cupertino.

Secondo uno dei suoi portavoce, la Commissione deve pubblicare "nei prossimi giorni" uno "studio per valutare la situazione", su cui si baserà per realizzare uno studio di impatto. Presenterà quindi le sue valutazioni.

Secondo i deputati, "in tutto il mondo vengono prodotti circa 50 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici ogni anno, una media di oltre 6 kg per persona" e "la produzione totale di rifiuti elettronici in Europa nel 2016 è stata di 12, 3 milioni di tonnellate, ovvero 16,6 kg in media per abitante”.

Guarda anche 

Rabbia e blocchi: il sistema migratorio greco è al collasso

Non sono servite le lunghe proteste dell’ultimo mese da parte della popolazione insulare greca a fermare le volontà del governo di Atene guidato da Kiri...
27.02.2020
Mondo

"A Bellinzona bisogna cambiare approccio verso i giovani"

Oggi incontriamo Manuel Donati, candidato al Consiglio comunale di Bellinzona che il prossimo 5 aprile dovrà difendere il suo seggio nel legislativo della capitale...
24.02.2020
Ticino

L’Italia si scopre l’anello debole d’Europa

Adesso l’Italia diventa l’anello debole d’Europa nella trincea del coronavirus. I Paesi europei iniziano a temere i focolai che si sono s...
24.02.2020
Mondo

Coronavirus: Ferma la Serie A… a rischio anche l’Europa League. C’è chi propone: “Giochiamola in Svizzera”

MILANO (Italia) – La Serie A nella giornata di ieri si è fermata: ben quattro partite non si sono disputate per il Coronavirus, tra questa Inter-Sampdoria ch...
24.02.2020
Sport