Svizzera, 03 febbraio 2020

"Nel nostro istituto pochi stranieri", l'insolito annuncio di una scuola bernese

I docenti preferiscono insegnare a classi con pochi alunni stranieri. Ne sembra perlomeno convinta la direzione della scuola elementare Göttibach di Thun che in un annuncio in cui ricerca un nuovo insegnante mette in evidenza come nell'istituto ci siano "una percentuale di stranieri sotto la media" (vedi foto).

Insolito, ma per taluni anche controverso. "Questo è problematico e invia segnali sbagliati", dice il presidente dell'associazione degli insegnanti, Dagmar Rösleri, interpellato da "20 minuten". "Si cerca di rendere il lavoro più attraente perché ci sono pochi stranieri a scuola." Secondo Rösler tale annuncio non avrebbe alcun effetto in quanto questo non sarebbe un aspetto di cui gli aspiranti docenti tengono conto.

"Questo non è accettabile", afferma l'esperto di personale Matthias Mölleney, capo del centro per la gestione del personale presso l'Università di Economia di Zurigo. "Una simile affermazione è assolutamente inaccettabile. Con un tale annuncio non siamo lontani da una violazione della legge sul razzismo" continua.

La direttrice della scuola di Thun, Regine Gfeller, da parte sua difende l'annuncio. Secondo lei, tale aspetto è stato messo in evidenza perchè sono gli stessi candidati a chiedere spesso chiarimenti in merito. “I candidati vogliono sapere a che lavoro stanno facendo domanda, com'è la struttura della classe e come appare il quartiere. Questi fattori influenzano parecchio il lavoro di tutti i giorni" continua Gfeller. "L'affermazione non vuole essere affatto giudicante".

L'annuncio è "incomprensibile" anche per l'esperto di personale Mölleney: "Questa non è certamente un'informazione fattuale. Il datore di lavoro elenca fra i vantaggi che ci sono pochi stranieri. ”Una simile affermazione non ha posto in un annuncio di lavoro sotto“ Offriamo ”. Soprattutto perché la scuola non può influenzare la percentuale di stranieri e non si tratta quindi di un vantaggio che può "offrire", secondo Mölleney

La Commissione scolastica di Thun si rammarica della formulazione "sfortunata" nell'annuncio di lavoro, come scrive il presidente Mark van Wijk: "Le scuole elementari di Thun sono aperte a tutti i bambini della città di Thun." La procedura non è "sicuramente una pratica generale in città".

Dopo l'interessamento di 20 minuten, la direttrice Gfeller ha cancellato il passaggio controverso dall'annuncio di lavoro online: "la scuola vi ringrazia per aver sottolineato che la dichiarazione è fuorviante", scrive Gfeller. L'annuncio è stato immediatamente adattato di conseguenza: "Ci dispiace se abbiamo ferito qualcuno con questa sfortunata formulazione".

Ma se secondo "20 minuten" e i vari esperti interpellati l'annuncio è problematico non sembra invece pensarla allo stesso modo il grande pubblico. In un sondaggio posto nell'articolo del portale svizzerotedesco (vedi qui), a cui hanno risposto 17'056 utenti, la stragrande maggioranza, il 79%, ha giudicato l'annuncio come "per nulla problematico", il 3% l'ha trovato "fuorviante" e solo il 16% l'ha ritenuto inaccettabile.

Guarda anche 

Dai 16'000 spettatori di San Pietroburgo, ai 5'000 di Rennes ai 1'000 di Berna: ma chi ha ragione?

BERNA – Nella giornata di ieri si sono disputate le prime partite della prima giornata della fase a gironi di Champions League e, oltre a risultati sorprendenti e a...
21.10.2020
Sport

Voleva uccidere il marito dell'ex-moglie, dopo tre anni di carcere dovrà lasciare la Svizzera

Il Tribunale federale ha confermato la condanna di un cittadino originario dei balcani per atti preparatori ad atti criminali. L'uomo aveva minacciato un rivale, avev...
20.10.2020
Svizzera

1'000 spettatori sulle tribune: siamo alla resa dei conti?

BERNA – In un clima sempre più del terrore, fatto di numeri (a volte non esattamente chiari), di futuro incerto e di un presente non limpido, la decisione pr...
19.10.2020
Sport

In migliaia a Parigi per ricordare il docente ucciso da un rifugiato musulmano

Migliaia di persone si sono riunite a Parigi domenica pomeriggio per una manifestazione di solidarietà per il brutale assassinio di un insegnante per mano di un ri...
19.10.2020
Mondo