Svizzera, 24 gennaio 2020

Accordo quadro, l'UE mostrerà "pazienza e comprensione" fino alla votazione sulla libera circolazione

Il forum economico di Davos è stato occasione, per il Consiglio federale, di proseguire i colloqui bilaterali sul dossier europeo, in un momento in cui le relazioni tra Svizzera e UE sono a un punto morto a causa delle divergenze riguardanti il cosiddetto Accordo quadro.

Il ministro degli Esteri federale Ignazio Cassis ha dichiarato giovedì, citato dalla RTS, che la Commissione europea "dimostrerà pazienza e comprensione" fino al 17 maggio, data in cui la Svizzera voterà sull'iniziativa dell'UDC che vuole porre fine alla libera circolazione delle persone.

Se accettato il 17 maggio, le discussioni in corso finiranno ed è probabile che l'intero Accordo quadro vada a cadere e la Svizzera, stando alla RTS, dovrebbe attendersi ritorsioni da parte di Bruxelles. Fra le possibili misure , evocato sempre dalla televisione romanda senza tuttavia citare alcuna fonte, vi sarebbe un blocco delle esportazioni di farmaci verso l'UE.

Se invece gli svizzeri bocceranno l'iniziativa UDC, il Consiglio federale ha confermato che dovrà tornare molto rapidamente a Bruxelles con proposte sui tre punti che bloccano la firma da parte della Svizzera di un accordo quadro istituzionale volto a regolare le relazioni bilaterali tra Berna e Bruxelles.

Queste tre linee rosse riguardano la protezione dei salari, gli aiuti pubblici e la direttiva sulla cittadinanza che garantirebbe ai cittadini dell'UE un'accesso alle assicurazioni sociali svizzere parificato a quello dei cittadini elvetici. Non si tratta di rinegoziazioni, che la Commissione europea ha escluso, ma di "chiarimenti". Nel frattempo, in Svizzera, i negoziati continuano dietro le quinte, in particolare con le parti sociali e i Cantoni.

Guarda anche 

Tra UE e Italia rapporti sempre più tesi, "ammorbidire regole UE o faremo senza l’Europa"

I rapporti tra Roma e Bruxelles si fanno sempre più difficili di fronte alla lentezza con cui l'Unione europea si sta muovendo per aiutare i paesi membri maggi...
09.04.2020
Mondo

Si dimette presidente del Consiglio europeo della ricerca, "deluso da risposta europea all'emergenza Covid"

Il presidente del Consiglio europeo della ricerca Mauro Ferrari (nella foto) si è dimesso dopo non essere riuscito a convincere Bruxelles a istituire un programma ...
08.04.2020
Mondo

"Il disinfettante sequestrato dall'Italia era destinato anche al Ticino?"

Il gel disinfettante sequestrato negli scorsi giorni da doganieri italiani (vedi articoli correlati) era destinato anche al Ticino? Se lo chiede il granconsigliere Massim...
08.04.2020
Ticino

Disinfettante sequestrato dall'Italia, "spero sia un errore di comunicazione"

Si dice stupito il granconsigliere Massimiliano Robbiani nell'apprendere del sequestro, da parte di doganieri italiani, di decine di migliaia di confezioni di gel igi...
07.04.2020
Svizzera