Mondo, 20 gennaio 2020

Il misterioso virus cinese continua a propagarsi, annunciato un terzo decesso

La autorità cinesi hanno annunciato lunedì il terzo morto del misterioso virus apparso il mese scorso, mentre l'epidemia si sta diffondendo nel nord e sud del paese, quando mancano pochi giorni prima del nuovo anno cinese quando milioni di cinesi si metteranno in viaggio.

Sempre secondo le autorità del paese asiatico, l'epidemia è stata finora confinata nella regione del Wuhan (centro), un agglomerato di circa 11 milioni di abitanti in cui il virus, della stessa famiglia della SARS, era apparso il mese scorso.

Ma per la prima volta, i funzionari sanitari cinesi hanno riferito di nuovi casi in altre città del paese: due a Pechino (nord) e un'altra a Shenzhen, metropoli dell'estremo sud. Finora sono stati recensiti oltre 200 casi di infezioni in tutto il paese.

Ciò che questi nuovi casi hanno in comune è che tutte le persone infette si erano recate nel Wuhan nelle ultime settimane. I pazienti ricoverati nella capitale sono in condizioni stabili e sono in cura per la polmonite, riferiscono i funzionari sanitari locali.

Tuttavia, il virus sta causando crescenti preoccupazioni dopo la morte questo fine settimana di una terza persona dall'inizio dell'epidemia e un significativo aumento del numero di nuovi casi a Wuhan (quasi 140).

Nonostante tutto, le autorità sanitarie della città si vogliono mostrare rassicuranti: secondo loro, il rischio di trasmissione del virus tra esseri umani è considerato "basso", anche se "non escluso". Il focus dell'epidemia sembra essere un mercato all'ingrosso di frutti di mare e pesce a Wuhan, dove hanno lavorato diversi pazienti infetti. Da allora è stato chiuso e sono state effettuate operazioni di decontaminazione.

L'epidemia arriva con l'avvicinarsi delle festività del capodanno cinese, il periodo più trafficato dell'anno del paese, durante il quale centinaia di milioni di persone viaggiano in autobus, treno e aereo per visitare le loro famiglie. Nonostante il rischio di diffusione, la circolazione in Cina non è attualmente soggetta ad alcuna restrizione.

Il ceppo offensivo è un nuovo tipo di coronavirus, una famiglia con un gran numero di virus. Possono causare malattie lievi nell'uomo (come un raffreddore) ma anche altre più gravi come la SARS (sindrome respiratoria acuta grave) il virus altamente contagioso che aveva ucciso circa 650 persone nella Cina continentale e ad Hong Kong nel 2002 e nel 2003. I sintomi della SARS assomigliano a quelli della polmonite, con febbre alta e vari problemi respiratori.

Allora, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) aveva fortemente criticato la Cina per aver ritardato l'innalzamento dell'allarme e aver cercato di nascondere l'estensione della malattia. La preoccupazione è ora percepibile all'estero, dove si stanno moltiplicando le misure di prevenzione.
Da venerdì, gli Stati Uniti stanno filtrando i voli da Wuhan all'aeroporto di San Francisco e all'aeroporto JFK di New York - entrambi i quali hanno voli diretti dalla regione a rischio - nonché a Los Angeles, dove vengono effettuate molte connessioni con la regione cinese. La Tailandia, dove sono stati identificati due casi, ha anche rafforzato i controlli nei suoi aeroporti. Le autorità di Hong Kong hanno rafforzato le loro misure di controllo ai confini del territorio autonomo, in particolare con rilevatori di temperatura corporea.

Questo fine settimana, gli scienziati di un centro di ricerca dell'Imperial College di Londra, che fornisce consulenza a organizzazioni come l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), hanno messo in discussione i dati ufficiali stimando che il numero di contaminazioni era probabilmente più di mille il 12 gennaio.

Per giungere a questa conclusione, i ricercatori hanno utilizzato il numero di casi rilevati finora al di fuori della Cina (due in Tailandia e uno in Giappone) per dedurre il numero di persone probabilmente infette a Wuhan.


Guarda anche 

Coronavirus, per il medico cantonale "nessun rischio di contagio incontrollato"

Con l'arrivo del coronavirus in Italia (vedi articoli correlati), oltretutto in Lombardia quindi non lontano dai confini svizzeri, cresce la preoccupazione per una po...
22.02.2020
Ticino

38enne italiano col Coronavirus: sabato l’ultima partita. Avversari in isolamento

CODOGNO (Italia) – La notizia delle ultime ore è la conferma di alcuni casi di Coronavirus in Italia. Il primo è un 38enne di Codogno che ha attaccato...
21.02.2020
Sport

Ride e scherza sul coronavirus e sui cinesi: Dele Alli ora rischia grosso

LONDRA (Gbr) – È il virus del 2020. È il virus che sta mandando in agitazione l’intero mondo, ma c’è chi prende il tutto sul ridere...
13.02.2020
Sport

Insulti a un giovane calciatore: “Spero che ti venga il coronavirus”

CESANO BOSCONE (Italia) – Un episodio di razzismo sportivo davvero vergognoso e preoccupante, ancora di più in questo periodo visto il problema del coronavir...
31.01.2020
Sport