Svizzera, 17 gennaio 2020

Ginevra spende 56'000 franchi per far cambiare sesso all'omino dei cartelli pedonali

L'omino stilizzato che siamo abituati a vedere nei cartelli pedonali non è abbastanza “inclusivo” per il comune di Ginevra, che ha deciso di spendere 56'000 franchi per cambiare 250 dei 500 cartelli presenti sul territorio comunale, dopo aver ricevuto l'assenso dell'Ufficio cantonale dei trasporti.

“In passato, dichiararti come una femminista ti faceva passare per una ragazza birbante e secchiona. Oggi, per fortuna, la tendenza si è invertita" sostiene Sandrine Salerno, sindaco di Ginevra, la quale ha trascorso parte del suo tempo lavorativo per presentare giovedì mattina alla stampa un'azione per “femminilizzare” lo spazio urbano: rimpiazzare l'omino sui cartelli che indicano i passaggi pedonali con delle donne .

Su questi nuovi cartelli donne di varie apparenze attraversano il passaggio. "Non esiste un ideale che rappresenti tutti noi e che eviti gli stereotipi", ha affermato Sandrine Salerno, secondo cui quest'anno da prima cittadina di Ginevra è posto sotto il segno di “progetti egualitari”. Dei nuovi cartelli esistono sei versioni, in cui vediamo alternativamente una donna incinta, una donna anziana, una donna sovrappeso, una donna che indossa un'acconciatura stile afro o due donne che si tengono per mano.

L'ufficio cantonale dei trasporti ha approvato questo progetto. "Non ho spesso l'opportunità di esprimerlo pubblicamente, ma la rappresentanza egualitaria della nostra società multipla è una mia convinzione personale", ha commentato Serge Dal Busco, ministro dei trasporti. Forse perché ho tre figlie che ho visto crescere ed evolvere, affrontando difficoltà inerenti alle donne. "Questo progetto è stato reso possibile perché i cartelli "attraversamento pedonale" informano i passanti, non riflettono un obbligo. In quest'ultimo caso, la segnaletica è sotto la giurisdizione della Confederazione e quindi intoccabile.

L'installazione dei 250 nuovi pannelli è costato al contribuente ginevrino un totale di 56'000 franchi. I cartelli “maschili” rimossi sono "conservati nella Città, in attesa di essere restituiti, forse dalla prossima legislatura, anche più inclusivi". Inoltre non esiste un uomo tipico", ha detto il sindaco.

Guarda anche 

Il Tribunale federale ordina il rilascio di un ladro perchè "con il Coronavirus c'è meno rischio di recidiva"

Indirettamente, l'epidemia di coronavirus ha permesso a un detenuto di ritrovare la libertà e lasciare la prigione Champ-Dollon (nella foto), nel canton Ginevr...
06.04.2020
Svizzera

Accusato di pagare cifre irrisorie agli operai, imprenditore rischia fino a 6 anni e mezzo di carcere

Un imprenditore lituano attivo in Romandia accusato di pagare compensi irrisori ai suoi operai in condizioni di lavoro illegali (ne parlavamo qui), rischia di rimanere in...
03.04.2020
Svizzera

A Ginevra sono iniziati i trattamenti del Covid-19 con la clorichina

La clorochina è un farmaco, normalmente usato contro la malaria, molto discusso in questi giorni. Per molti esso rappresenta la principale speranza nella lotta con...
26.03.2020
Svizzera

Decine di famiglie rom rimpatriati in Romania da Ginevra

Senza entrate dallo scoppio della crisi legata al coronavirus e senza la possibilità di trovare un alloggio in grado di ospitare famiglie numerose, mercoledì...
26.03.2020
Svizzera