Ticino, 14 gennaio 2020

"Il fallimento del referendum sulla riforma fiscale è un clamoroso smacco per la sinistra"

Per la Lega dei Ticinesi il fallimento del referendum contro la riforma fiscale sarebbe "un clamoroso smacco" per la sinistra ticinese. In un comunicato, il movimento di Via Boglia ritiene che l'insufficiente numero di firme raccolto dai promotori del referendum è un segno che i ticinesi sono a favore di una fiscalità più leggera e non vogliono che continui "l'immobilismo politico" in questo ambito. "I ticinesi si rendono conto che lasciare qualche soldo in tasca in più ai cittadini ed alle imprese è una necessità e che l’immobilismo politico che ha fatto precipitare il nostro Cantone in fondo alla classifica nazionale della concorrenzialità fiscale non può proseguire ad oltranza" si legge nel comunicato.

Ora che la riforma fiscale è diventata realtà la Lega chiede che si proceda con sgravi fiscali al ceto medio, alle persone singole ed alle aziende familiari e che questa riforma (definita "riformetta") dev'essere solo il primo passo verso una fiscalità più leggera.

Di seguito il comunicato stampa integrale della Lega dei Ticinesi:

Riforma fiscale: clamoroso smacco per la sinistra


Il fallimento del referendum contro la riforma fiscale cantonale è un clamoroso smacco per la sinistra rossoverde partito delle tasse. Il tentativo del comitato referendario di attribuire alle condizioni meteo la responsabilità del flop è a dir poco ridicolo.


Evidentemente i ticinesi si rendono conto che lasciare qualche soldo in tasca in più ai cittadini ed alle imprese è una necessità, e che l’immobilismo politico che ha fatto precipitare il nostro Cantone in fondo alla classifica nazionale della concorrenzialità fiscale non può proseguire ad oltranza, altrimenti le conseguenze rischiano di essere nefaste anche in termini di perdita di gettito (partenza di buoni contribuenti).


Dall’ultima riforma fiscale sono infatti passati ben 17 anni. La Lega dei Ticinesi si attende ora che il DFE si metta subito al lavoro per presentare al più presto una nuova Legge tributaria (come promesso nel Messaggio governativo sul pacchetto fiscale) che preveda sgravi fiscali al ceto medio, alle persone singole ed alle aziende familiari.


Che nessuno, in particolare ai vertici del DFE, si immagini di aver già “fatto i compiti” per tutta la legislatura. L’attuale “riformetta” è – e deve essere – solo il primo passo!  


Lega dei Ticinesi

Guarda anche 

"Ancora una volta i cittadini sconfessano la casta"

Nonostante la probabile bocciatura a livello nazionale la Lega dei Ticinesi, tramite comunicato stampa, "prende atto con soddisfazione dell’esito della votazio...
27.09.2020
Ticino

Ritrovare la giusta carica e serrare i ranghi

Cari Amici leghisti Da inizio mese ho assunto con molto piacere ed entusiasmo il compito di Segretario operativo del nostro Movimento. Il mio primissimo obiettivo &...
27.09.2020
Opinioni

“Aumento dei premi scandaloso e inaccettabile con la complicità di Berset”

Con un comunicato trasmesso ai media la Lega dei Ticinesi prende atto “con sconcerto” dell’aumento dei premi di cassa malati annunciato oggi, un aumento...
22.09.2020
Ticino

Piergiuseppe Vescovi nuovo segretario operativo della Lega

In un comunicato, la Lega dei Ticinesi annuncia di avere, da subito, un nuovo segretario operativo: si tratta di Piergiuseppe “Pierre” Vescovi, municipale di ...
20.09.2020
Ticino