Sport, 17 dicembre 2019

In principio era solo Ambrì, poi arrivò Geo, il visionario...

Questa sera alla Valascia andrà in scena in quarto derby stagionale

AMBRÌ/LUGANO - Sul finire degli Anni Sessanta, in Ticino comandava il calcio.

Stadi pieni, entusiasmo alle stelle, e lunghe file di persone alle casse per entrare al campo il giorno della partita. Derby per eccellenza era Lugano-Bellinzona; a Cornaredo e al Comunale si toccavano regolarmente affluenze attorno ai 12-15 mila spettatori. Gli occhi della critica, insomma, erano puntati su bianconeri e granata. Ogni tanto saliva alla ribalta anche il Chiasso. Ma era poca cosa rispetto alle “stracantonali” fra lo squadrone di Louis Maurer e gli acerrimi rivali della Capitale guidati da Carlo Pinter.

Il Lugano, fra l’altro, dava molto fastidio alle “ grandi” del football nazionale (Basilea, Zurigo e Grasshopper). Poi, adagio adagio, l’onda calcistica cominciò ad attenuarsi: vennero a mancare i risultati, le società persero il loro uomini guida e i soldi scarseggiavano sempre più. Fu allora, quasi per incanto, che salì alla ribalta l’hockey su ghiaccio, uno sport tipicamente di montagna e del quale, in Ticino, fu l’Ambrì Piotta il pioniere, la squadra di una piccola comunità leventinese che attorno a sé aveva raccolto entusiasmo e passione in ogni parte del Cantone. Sin dai primi anni della sua esistenza (alla fine degli anni Quaranta), il club che fu dei Celio e degli Juri, era una sorta di stella polare del nostro movimento. In principio, dunque, fu solo Ambrì e sino agli Anni Sessanta il dominio fu totale. Il Lugano, club ceresiano visto ancora con simpatia dai rivali sopracenerini, fungeva da comparsa. E ogni volta che c’era un derby, soprattutto alla Valascia, era una festa. Come non dimenticare, a tal proposito, quel 13-2 del febbraio 1965? Ma come in tutte le cose, le tradizioni e le certezze sportive sono fatte per essere scalfite. Capitò così che nell’autunno del 1979, il 23 ottobre, accadde un fatto del tutto insolito e clamoroso. I bianconeri sbancarono per la prima volta la Valascia (2-5). Era, quello, lo spartiacque della storia dell’hockey
ticinese.

Il vento è cambiato
Mentre il calcio cominciava ad affondare (il Lugano finì addirittura in Lega Nazionale B), nell’hockey cresceva a dismisura la rivalità fra HCAP e bianconeri. Quest’ultimi, grazie all’innesto di soldi dell’ingegner Geo Mantegazza, ex talentuoso giocatore di calcio, si stavano ritagliando uno spazio importante in Svizzera. Non solo investimenti economici ma anche lungimiranza e visioni: nel breve volgere di pochi anni, i bianconeri vinsero per la prima volta il titolo svizzero. Per l’Ambrì non fu facile accettare il nuovo ruolo di “seconda squadra” del Cantone. E così crebbe la schiera di tifosi HCL: sull’onda dei risultati ottenuti tantissimi giovani sposarono la fede bianconera e il Ticino diventò “meno” biancoblù rispetto a qualche anno prima. Le parti si ribaltarono ma la passione, l’entusiasmo per i derby continuarono a crescere in modo esponenziale.

Sfide cruciali
Rovesciato il quadro tecnico e pure le statistiche dei derby, che dagli Anni Ottanta parleranno spesso e volentieri a favore della squadra sottocenerina. Arriveranno anche delle sfide cruciali, una in particolare, quella per il titolo svizzero 1998/1999. “E adesso chiudiamo il Gottardo” chiosò il tecnico leventinese Larry Huras. Ma la porta la chiuse Cristobal Huet e la solidità difensiva dei bianconeri che vinsero da outsider il campionato. Ancora oggi molti tifosi dell’Ambrì parlano di occasione irripetibile. Nel 2006 ci fu poi la beffa dei quarti di finale: biancoblù avanti 3-0 nella serie ma Domenichelli a pochi secondi dalla sirena di gara-4 sprecò l’occasionissima. Poi il Lugano si riprenderà eliminando i cugini e andando a vincere il suo sesto (e per ora ultimo) titolo. Nel bel mezzo di tutto anche sfide cattivi e vergognose, delle quali riferiamo qui sotto. Ma questa è un’altra storia.

A.M.

Guarda anche 

Casinò Lugano: si riparte!

Lugano: Sono passati 2 mesi e mezzo da quel 12 marzo in cui l’Ordinanza del Consiglio Federale aveva disposto la chiusura di tutte le attività di intr...
29.05.2020
Ticino

"Sul polo sportivo non cadiamo nel tranello di litigare"

Ho letto le parole di Fulvio Pelli sul Corriere del Ticino in merito al polo sportivo. Mi sembrano le prime avvisaglie ad un possibile ricorso che spero non arriver&ag...
26.05.2020
Opinioni

Summer Jamboree on the Lake e la mostra Rock’n’Roll is a State of the Soul vi aspettano nel 2021

L’evento anni ‘50 tanto atteso sulle rive del Ceresio previsto per la prima volta in Svizzera, dal 4 al 7 giugno 2020, non avrà luogo, nel rispe...
13.05.2020
Ticino

Casinò Lugano, non si molla e si resta online!

Nonostante la chiusura a causa della pandemia il Casinò Lugano è sempre attivo sul sito ufficiale, sulle pagine social Facebook e Instagram, sui giornali...
04.05.2020
Ticino