Svizzera, 12 dicembre 2019

Asilante può restare in Svizzera grazie a Salvini

Avrebbe dovuto essere rinviato in Italia dopo pochi giorni. Ma è riuscito a far annullare la sua espulsione dalla Svizzera, tirando in ballo il presunto deterioramento delle condizioni dei richiedenti l’asilo dopo l’entrata in vigore del decreto Salvini.

Protagonista della vicenda è un cittadino nigeriano arrivato il 19 agosto scorso in Svizzera. L’uomo ha subito presentato una richiesta d’asilo ma grazie all’esame delle impronte digitali la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) è riuscita a capire che l’uomo era già registrato come richiedente l’asilo in Italia. Quindi già il 22 agosto la SEM ha chiesto alle autorità italiane di riprendersi a carico il richiedente, come prevede l’accordo di Dublino. Il 9 settembre l’Italia ha accolto la richiesta.

Ma nel frattempo il cittadino nigeriano si era mosso tramite la rappresentante giuridica messagli a disposizione dallo Stato. Sentito in audizione dalla SEM, aveva spiegato di non sentirsi al sicuro in Italia e di essere stato minacciato dalla persona che gli aveva finanziato il viaggio verso l’Europa. Questi, secondo il suo racconto, voleva costringerlo alla prostituzione per rimborsare il suo debito.

Il 3 ottobre la SEM ha dunque informato le autorità italiane che l’uomo era una potenziale vittima di tratta di esseri umani. Ciò non le ha impedito, il 22 novembre, di decidere di non entrare in materia sulla richiesta d’asilo dell’uomo e di ordinarne il rinvio verso l’Italia.

Sempre grazie alla solita rappresentante giuridica pagato dallo Stato il 28 novembre il cittadino nigeriano ha quindi ricorso al Tribunale amministrativo federale (TAF), chiedendo l’annullamento della decisione della SEM. In un primo tempo il tribunale gli ha concesso l’effetto sospensivo, bloccandone quindi l’espulsione verso l’Italia. Poi il TAF gli ha addirittura dato ragione. Come si legge nella sentenza pubblicata oggi, “dall’entrata in vigore del decreto Salvini la situazione a livello di accoglienza dei richiedenti l’asilo in Italia si è molto deteriorata”. 

La SEM, secondo i giudici, non ha valutato se il cittadino nigeriano abbia delle concrete possibilità di essere preso a carico in Italia come persona vulnerabile. Una volta la risposta sarebbe stata sì, ma ora che c’è il decreto Salvini i giudici non ne sono più certi. Quindi la SEM è ora obbligata a rivalutare la situazione dell’uomo in quanto presunta vittima di tratta di essere umani e a fornire una decisione “che tenga in considerazione i cambiamenti legislativi avvenuti dopo l’approvazione del decreto Salvini e la situazione particolare dell’interessato”. 

Guarda anche 

Crisi di governo in Norvegia per il rimpatrio di una jihadista

Il partito di destra, il FRP, ha lasciato il governo norvegese in segno di protesta contro il rimpatrio dalla Siria di una moglie di un jihadista la scorsa settimana, rim...
21.01.2020
Mondo

Oggi il voto sul processo a Salvini, "sono pronto alla prigione"

Si riunisce lunedì alle 17 la Giunta per le immunità e le autorizzazioni, Giunta che dovrà decidere la processabilità di Matteo Salvini caso G...
20.01.2020
Mondo

Verso una settimana lavorativa di 67 ore?

Una revisione della legge federale sul lavoro prevede di autorizzare settimane di lavoro di 67 ore, riferiva domenica "Le Matin Dimanche", che cita un documento...
20.01.2020
Svizzera

Fischer lancia il Mondiale casalingo: "Sognare non costa nulla"

ZUGO - La nazionale rossocrociata ha mire ambiziose: i prossimi Mondiali del gruppo A si svolgeranno proprio nel nostro paese dall’8 al 24 maggio (sedi ...
20.01.2020
Sport