Sport, 02 dicembre 2019

Eureka! Cornaredo finalmente in festa… e la classifica sorride

Importantissima vittoria quella ottenuta ieri dal Lugano contro il Servette tra le mura amiche: i bianconeri con Jacobacci sembrano aver trovato una nuova identità anche mentale

LUGANO – Alla fine, all’ennesimo tentativo, è arrivata. Stiamo parlando della prima vittoria casalinga in stagione del Lugano. Una vittoria non brillantissima, non esattamente meritatissima, ma assolutamente fondamentale e pesantissima. Sì perché battere in questo momento il Servette – forse la squadra più in forma della Super League – su un campo pesantissimo, dopo le fatiche europee di giovedì… non era assolutamente facile. Ma questo Lugano, questo nuovo Lugano targato Jacobacci è riuscito a domare i ginevrini, aggrappandosi anche alla buona sorte, regalando il primo sorriso stagionale interno ai suoi tifosi.

Non a caso abbiamo scritto nuovo Lugano, perché è molto diverso da quello che soltanto un mese fa con Celestini in panchina inanellava pareggi e sconfitte a ripetizione. Con questo non vogliamo mettere in dubbio o criticare quanto fatto dall’ex allenatore, ma è innegabile che con Jacobacci l’atteggiamento sia cambiato: i bianconeri sono molto più quadrati e più pratici. Insomma: se c’è da buttare in tribuna un pallone pericoloso, ora Daprelà e compagni non ci pensano un secondo. Non sarà spettacolare, è vero, ma tutto questo sta portando risultati e punti. E non è poco.

Un Lugano diverso anche per quanto concerne la buona sorte. Soltanto qualche settimana fa almeno una delle occasioni create dal Servette sul finale si sarebbe quasi sicuramente trasformata in un gol rocambolesco, ora invece i bianconeri hanno anche il fato dalla loro. E anche questo non è un elemento da sottovalutare. Così come non bisogna sottovalutare il ritorno al gol di Junior, che però non nasconde assolutamente la mancanza di una punta vera nello scacchiere tattico bianconero.

Per trovarla bisognerà attendere gennaio, quando però con un’eventuale cessione della proprietà da parte di Angelo Renzetti, tutto potrebbe cambiare (anche l’allenatore?). Nel frattempo c’è da godersi una classifica più tranquilla e serena, in vista della cruciale trasferta di Neuchâtel che potrebbe dire moltissimo…

Guarda anche 

Tante parole ma pochi fatti: il Lugano resta a Renzetti?

LUGANO – La data fatidica si avvicina, lunedì stando alle parole rilasciate da Angelo Renzetti al “CdT”, ma nulla di nuovo sembra muoversi dalle ...
13.12.2019
Sport

La beffa finale arriva al 94’: ciao ciao Europa League

KYEV (Ucraina) – Alla fine è terminata con un altro pareggio, con un altro piccolo punticino per il Lugano la campagna europea dell’Europa League 2019/...
13.12.2019
Sport

La classifica piange… ma che derby che ci aspetta!

AMBRÌ/LUGANO – Non è una pausa per la Nazionale come tante altre questa per Lugano e Ambrì. Non saranno giorni facili e semplici per le due for...
12.12.2019
Sport

Behrami si confida: “Il cuore per la Svizzera, ma all’Europeo spero nell’Italia”

UDINE (Italia) – Mai banale in campo così come fuori: Valon Behrami, in attesa di trovare una nuova squadra da cui ripartire (in Serie B sono diverse le form...
12.12.2019
Sport