Sport, 01 dicembre 2019

Un declino senza fine, per l’HCL è il momento delle scelte

9 sconfitte nelle ultime 10 partite, un gioco che ora non incide davvero più: per il Lugano di Kapanen è notte fonda. Solo l’Ambrì ha fatto peggio a livello di punti

LUGANO – A guardare la classifica di LNA ci sarebbe da mettersi le mani dei capelli, ci sarebbe da porsi diverse domande e da sottoporre una mare di quesiti all’intero HC Lugano, giocatori, staff tecnico o dirigenziale che sia. In questo momento il Ticino hockeystico rappresenta il peggio – è giusto sottolinearlo – dell’hockey svizzero stando alla classifica del nostro massimo campionato. Ambrì 12° con 27 punti in 25 partite, Lugano 11° con 28 in 25 sfide disputate. Siamo esattamente a metà stagione e il bilancio è clamorosamente negativo, non tanto per i leventinesi – per i quali era anche lecito aspettarsi qualche difficoltà in più nel confermare l’ottimo campionato scorso – ma quanto per i bianconeri.

Se i leventinesi, al netto di diversi errori arbitrali come ieri sera a Langnau, a sprazzi mostrano anche un’idea concreta di hockey trascinato dagli stranieri, tanto da aver trovato almeno 7 vittorie piene in stagione, le pulsazioni del Lugano sono ormai diventate piatte. Non sono solo i punti a latitare, ma soprattutto il gioco. Quel gioco che a inizio stagione aveva impressionato e fatto ben sperare, quel gioco che ora è svanito e ha lasciato spazio soltanto a qualche raro spunto personale.

In questo momento i sottocenerini faticano non solo a difendere e a tenere il ritmo di qualsiasi avversario – che si chiami Zugo o Rapperswil – ma anche a imbastire un’azione, a dare segni di reazione, a trovare l’alchimia e gli schemi giusti. 9 sconfitte nelle ultime 10 partite: basterebbe questo dato per fotografare appieno il momento storico della truppa di Kapanen, che ovviamente finisce anche lui sulla graticola.

Nello sport è così: è impossibile cambiare 20 giocatori e quindi alla fine a pagare è quasi sempre l’head coach. Per questo sotto le volte della Cornèr Arena è giunto il momento delle scelte: se questo deve essere un campionato di transizione, se Sami Kapanen è e sarà l’allenatore della rinascita bianconera voluta dalle alte sfere del sodalizio luganese, questo deve essere il momento della conferma definitiva. Anche a costo di “buttare” una stagione e far vivere ai tifosi un campionato in sordina, ma dal quale ripartire.

Anche perché l’attuale head coach continua a puntare sulla sua idea di hockey, fatto di pressione alta e di ritmo forsennato, ma questo Lugano non è in grado di attuarlo. Evidentemente i giocatori a sua disposizione non hanno nelle loro corde queste doti e il misero bottino di 8 reti siglate dagli stranieri (i peggiori della Lega e da sostituire al più presto) lo dimostra. Anche la buona media realizzativa di uno come Alessio Bertaggia, un giocatore abituato a pattinare a 100 all’ora, evidenzia che per attuare questo schema c’è bisogno di ragazzi abituati e in grado di spingere sui pattini dal primo all’ultimo minuto.

È il momento delle scelte, è il momento di serrare le fila e di giungere a una decisione. Continuare con Kapanen è una scelta comprensibile, ma a condizione di mettergli a disposizione, a partire dal futuro prossimo, una rosa adatta alle sue richieste e alla caratteristiche del suo hockey. Altrimenti andare avanti così potrebbe essere deleterio per tutti.

Guarda anche 

Tante parole ma pochi fatti: il Lugano resta a Renzetti?

LUGANO – La data fatidica si avvicina, lunedì stando alle parole rilasciate da Angelo Renzetti al “CdT”, ma nulla di nuovo sembra muoversi dalle ...
13.12.2019
Sport

Ma che bella Svizzera! La Nazionale di Fischer fa sognare

VISP – Se ne sta parlando poco, forse troppo poco, visto il campionato in essere e le difficoltà palesate fin qui da Lugano e Ambrì – per restar...
13.12.2019
Sport

La beffa finale arriva al 94’: ciao ciao Europa League

KYEV (Ucraina) – Alla fine è terminata con un altro pareggio, con un altro piccolo punticino per il Lugano la campagna europea dell’Europa League 2019/...
13.12.2019
Sport

Ciao ciao Ambrì: Manzato va al Ginevra

AMBRÌ - Questa sarà la seconda e ultima stagione di Daniel Manzato con la maglia dell'Ambrì: l'ex portiere del Lugano, infatti, si è l...
12.12.2019
Sport