Sport, 19 novembre 2019

Lugano, se non è crisi… Ecco la settimana della verità

5 sconfitte consecutive, un gioco che lascia a desiderare e una difficoltà incredibile a segnare: Davos, Rapperswil e Ambrì possono rappresentare uno spartiacque fondamentale, anche per Kapanen

LUGANO – Se il Lugano non era una squadra di fenomeni quando è andato a punti per 8 partite di fila, non è neanche una squadra da buttare ora dopo 5 sconfitte consecutive, ma una cosa è chiara: la prima vera crisi stagionale dei bianconeri è nella sua fase più acuta. Sono tanti i fattori a confermarlo, al netto dei KO consecutivi: il gioco, che a inizio stagione sembrava promettere bene, ma che in questo momento è completamente involuto, la cronica difficoltà nell’andare a bersaglio, tanto è vero che i bianconeri hanno segnato 7 reti in queste 5 sfide, incassandone 19.

In questo momento la classifica, inoltre, mette Chiesa e compagni con le spalle al muro: 25 punti ottenuti in 20 match, contro i 32 della passata stagione, quando Ireland era già stato messo sulla graticola, quando a dicembre venne confermato e quando l’ex head coach venne criticato apertamente per tante scelte e tante decisioni prese.

12 mesi fa, spesso, ci pensava Gregory Hofmann a risolvere i problemi dei bianconeri, trovando con regolarità la via della rete. Sostituirlo, e questo lo si sapeva già dallo scorso novembre, sarebbe stato impossibile, ma scendere sul ghiaccio con un Reto Suri in totale difficoltà nell’adattarsi alla sua nuova realtà sembrava una possibilità e un rischio davvero impossibile da affrontare. Eppure… E non solo: alla Cornèr Arena neanche gli stranieri stanno facendo la differenza, neanche loro riescono a incidere. Forse la scelta di far partire Spooner, che a Minsk ha trovato ritmo, spazio, ghiaccio e sta ripagando con gol e assist, è stata sbagliata e affrettata. Una scelta fatta per seguire i dettami del 2+2 tanto chiaro a Kapanen, un Kapanen che non può certo star sereno e che dovrà dimostrarsi bravo ed eclettico, riuscendo a staccarsi da quelle sue idee che in questo momento non stanno assolutamente portando i risultati desiderati.

Davos, Rapperswil e Ambrì: non sarà una settimana facile per i bianconeri, che si concluderà col derby della Valascia, e che deve portare in doto diverse risposte. Altrimenti Hnat Domenichelli potrebbe anche prendere in mano la situazione e in quel caso, anche lo stesso Kapanen potrebbe non dormire serenamente.

Guarda anche 

Tredicesima AVS: a Lugano avrebbe potuto essere realtà dal 2009

Sono passati quasi 11 anni dal 10 febbraio 2009. Quella sera, dopo oltre tre ore di dibattito, il triciclo PLR-PPD-PSS in Consiglio comunale di Lugano affossò il M...
25.01.2020
Opinioni

Tu chiamale follie da calendario: in LNA una classifica che non rispecchia la realtà

LUGANO – 55 punti in 40 partite, 6° posto in campionato: se il bottino ottenuto fin qui in campionato dal Lugano non è certo da montarsi la testa, la pos...
23.01.2020
Sport

“A Lugano ho fatto degli errori… Il ballo e la cucina: dopo l’esonero ero carico”: Celestini parla del suo addio

LUCERNA – La scorsa primavera era l’allenatore che per la seconda volta in tre anni aveva riportato il Lugano in Europa League, pochi mesi dopo Fabio Celestin...
23.01.2020
Sport

Una nuova agenda congiunta della Città e di Lugano Region per la promozione degli eventi

LUGANO- È stata presentata oggi in una conferenza stampa a Villa Ciani la nuova agenda degli appuntamenti di Lugano e del Luganese. Frutto del lavoro congiunto ...
21.01.2020
Ticino