Sport, 19 novembre 2019

Lugano, se non è crisi… Ecco la settimana della verità

5 sconfitte consecutive, un gioco che lascia a desiderare e una difficoltà incredibile a segnare: Davos, Rapperswil e Ambrì possono rappresentare uno spartiacque fondamentale, anche per Kapanen

LUGANO – Se il Lugano non era una squadra di fenomeni quando è andato a punti per 8 partite di fila, non è neanche una squadra da buttare ora dopo 5 sconfitte consecutive, ma una cosa è chiara: la prima vera crisi stagionale dei bianconeri è nella sua fase più acuta. Sono tanti i fattori a confermarlo, al netto dei KO consecutivi: il gioco, che a inizio stagione sembrava promettere bene, ma che in questo momento è completamente involuto, la cronica difficoltà nell’andare a bersaglio, tanto è vero che i bianconeri hanno segnato 7 reti in queste 5 sfide, incassandone 19.

In questo momento la classifica, inoltre, mette Chiesa e compagni con le spalle al muro: 25 punti ottenuti in 20 match, contro i 32 della passata stagione, quando Ireland era già stato messo sulla graticola, quando a dicembre venne confermato e quando l’ex head coach venne criticato apertamente per tante scelte e tante decisioni prese.

12 mesi fa, spesso, ci pensava Gregory Hofmann a risolvere i problemi dei bianconeri, trovando con regolarità la via della rete. Sostituirlo, e questo lo si sapeva già
dallo scorso novembre, sarebbe stato impossibile, ma scendere sul ghiaccio con un Reto Suri in totale difficoltà nell’adattarsi alla sua nuova realtà sembrava una possibilità e un rischio davvero impossibile da affrontare. Eppure… E non solo: alla Cornèr Arena neanche gli stranieri stanno facendo la differenza, neanche loro riescono a incidere. Forse la scelta di far partire Spooner, che a Minsk ha trovato ritmo, spazio, ghiaccio e sta ripagando con gol e assist, è stata sbagliata e affrettata. Una scelta fatta per seguire i dettami del 2+2 tanto chiaro a Kapanen, un Kapanen che non può certo star sereno e che dovrà dimostrarsi bravo ed eclettico, riuscendo a staccarsi da quelle sue idee che in questo momento non stanno assolutamente portando i risultati desiderati.

Davos, Rapperswil e Ambrì: non sarà una settimana facile per i bianconeri, che si concluderà col derby della Valascia, e che deve portare in doto diverse risposte. Altrimenti Hnat Domenichelli potrebbe anche prendere in mano la situazione e in quel caso, anche lo stesso Kapanen potrebbe non dormire serenamente.

Guarda anche 

Capitan Sabbatini fa splendere il sereno su Cornaredo

LUGANO – La quarta è stata quella buona. La quarta partita casalinga ha finalmente sorriso al Lugano che fin qui in campionato era riuscito a vincere solo in...
03.10.2022
Sport

L’icona Sergio Dell’Acqua: “I migliori anni della mia vita”

LUGANO - La Federale ha compiuto 80 anni. Qualcuno dirà: ma la Federale non esiste più da diverso tempo! Vero: il club fondato nel 1942 è sparit...
04.10.2022
Sport

Riusciranno i bianconeri a espugnare Cornaredo?

LUGANO - Cinque mesi: i numeri non dicono tutto, però a volte aiutano a capire. E allora ci viene in mente che il Lugano non vince in casa una partita di...
02.10.2022
Sport

Dottor Jekyll o Mister Hyde: qual è il vero volto bianconero?

LUGANO - Compatto, solido ed efficace; inguardabile, irritante e orribile: qual è il vero volto del Lugano di Chris Mc Sorley? Vincitore con merito marted&igr...
02.10.2022
Sport