Sport, 29 ottobre 2019

Strade chiuse, residenti bloccati in casa dalle 10 a mezzanotte per il calcio: l'inferno di Como e di alcuni svizzeri

Una domenica di follia nella vicina città lariana per il derby di Lega Pro disputato contro il Lecco: e pensare che a volte ci lamentiamo noi in Ticino

COMO (Italia) – Era il derby più sentito dell’anno, quello che metteva di fronte Como e Lecco. Una rivalità storica e sentita che di fatto ha paralizzato una città intera dalla mattina alla sera, creando diverse difficoltà anche ai semplici residenti della zona.

Al termine del match, che si è chiuso 1-1, alcune strade sono state chiuse per permettere di riportare sotto scorta la gran parte dei tifosi lecchesi giunti nella vicina Como in treno. Una situazione prevista e tenuta sotto controllo dalla polizia e dalla Guardia di Finanza, anche se qualche bomba carta è stata fatta esplodere.

Tutto questo però ha scatenato le ire di tanto residenti nella zona, ma anche di tante persone che volevano recarsi a Como o dovevano attraversare la città sul Lago. Per quest’ultimi, infatti, è stato necessario sobbarcarsi anche lunghe code per recarsi in autostrada: per rientrare in Svizzera, ad esempio, era necessario prendere l’A9 a Como Sud. Oppure passare da altre zone come San Fermo della Battaglia.

Ma le conseguenze peggiori le hanno vissute coloro che vivono nelle zone limitrofe allo stadio Sinigaglia: strade chiuse, con l’impossibilità di parcheggiare sotto casa dalle 10 del mattino a mezzanotte.

Altro che le strade chiuse per qualche minuto quando a Cornaredo arrivano i tifosi del Basilea, dello Zurigo o dell’YB…

Guarda anche 

Il nuovo acquisto del campionato di terza divisione: ha 75 anni!

IL CAIRO (Egitto) – Qualche giorno fa Kazuyoshi Miura aveva stupito tutti, rinnovando il suo contratto con l’FC Yokohama a 53 anni: il rinnovo dell’ex g...
24.01.2020
Sport

GALLERY – In campo trascina il Milan, fuori Theo infiamma Elisa

MILANO (Italia) – Sta facendo le fortune di Stefano Pioli e di tanti fantallenatori: Theo Hernandez, fin qui, è il capocannoniere del Milan: da terzino sinis...
23.01.2020
Sport

“A Lugano ho fatto degli errori… Il ballo e la cucina: dopo l’esonero ero carico”: Celestini parla del suo addio

LUCERNA – La scorsa primavera era l’allenatore che per la seconda volta in tre anni aveva riportato il Lugano in Europa League, pochi mesi dopo Fabio Celestin...
23.01.2020
Sport

Saluto romano in curva. La UEFA impone la multa: soldi chiesti ai tifosi

ROMA (Italia) – “La invitiamo a prendere contatto con la società per concordare una modalità di risarcimento”. Con questo testo la Lazio h...
21.01.2020
Sport