Sport, 21 ottobre 2019

Coppa malandrina: Lugano e Ambrì salutano con qualche mugugno (e cerotti)

Finita l’avventura nella coppa nazionale per le due compagini ticinesi che possono rammaricarsi e anche maledire la cattiva sorte, visto l’infortunio di Sabolic

DAVOS/BIENNE – Niente da fare, la Coppa Svizzera non arriverà in Ticino nemmeno quest’anno: Lugano e Ambrì, infatti, ieri hanno dovuto salutare la competizione all’alba degli ottavi di finale, eliminati rispettivamente da Davos e Bienne. Eppure entrambe le compagini aveva a lungo accarezzato l’idea di superare il turno, ma entrambe alla fine si sono dovute arrendere: chi ai rigori, al cospetto di un sontuoso Ambuhl, ci al supplementare messo KO, in tutti i sensi, da uno scatenato Künzle.

Il Lugano in terra grigionese ha mostrato solidità difensiva e uno Zurkirchen in grande crescita, ma ancora una volta ha dovuto alzare bandiera bianca a questo punto della competizione. Il Davos ha meritato, questo è innegabile, avendo dominato dal punto di vista del gioco e apparendo più pimpanti e freschi di una squadra che è ancora alla disperata ricerca della costanza. Così come successo anche a Rapperswil, “Zuri”
è risultato decisivo, nonostante il vantaggio iniziale firmato da Bürgler, ma se in terra sangallese ci aveva pensato Zangger a regalare la vittoria ai suoi al supplementare, questa volta non è bastato neanche il rigore di Fazzini a promuovere la truppa di Kapanen.

Peggio, molto peggio, è andata all’Ambrì, non tanto per l’eliminazione, ma per come è maturata e per l’infortunio subìto da Sabolic. Alla Tissot Arena ha fatto tutto Künzle: non solo ha segnato tutte le 4 reti dei Seelanders, capaci di rimontare dall’1-3 negli ultimi minuti di partita, ha anche colpito con una ginocchiata lo straniero dei leventinesi uscito dal ghiaccio facendo preoccupare tutti. Che il colpo non sia stato intenzionale e che l’attaccante del Bienne non volesse procurare nessun danno all’avversario nessuno lo mette in dubbio, ma non chiamare nemmeno una penalità sfiora il grottesco…

Guarda anche 

Il Lugano si inchina: ora servirebbe l’impresa

LUGANO - 20 anni di attesa per 90’ senza vere occasioni da rete (e 2 gol subiti). Potremmo sintetizzare così quanto visto ieri sera a Cornaredo dove il Lugan...
05.08.2022
Sport

Lo sport ticinese fa gli auguri alla Svizzera

LUGANO – Un’immagine di Mattia Croci-Torti durante i festeggiamenti per la vittoria della Coppa Svizzera con tanto di bandiera elvetica in mano, un’altr...
01.08.2022
Sport

Bottani illumina, il Lugano non brilla ma rialza la testa

WINTERTHUR – Per il calcio spettacolo, prego ripassare (non che l’anno scorso il Lugano fosse spumeggiante, in effetti), ma viste le prime due sconfitte in ca...
01.08.2022
Sport

C’è il marchio finlandese sulla storia del Lugano

LUGANO - Con l’arrivo di Mikko Koskinen, Oliwer Kaski e Markus Granlund si allunga la lista di giocatori finlandesi ingaggiati dal Lugano. ...
26.07.2022
Sport