Sport, 13 ottobre 2019

Montagne russe in Leventina, con vista sulla Champions e con la paura per Zwerger

Fine settimana da rompicapo per l’Ambrì che ha rischiato anche di subire la rimonta dal Rapperswil dopo il KO di Zugo. Le condizioni dell’attaccante austriaco preoccupano e non poco

AMBRÌ – 3 punti in un weekend, tenendo conto della trasferta slovacca e dell’impegno complicato alla Bossard Arena di venerdì, possono essere accettati senza battere troppo ciglio in casa Ambrì, ma ancora una volta la tanto desiderata costanza richiesta da Luca Cereda fa fatica a prendere piede. Se a tutto ciò si aggiunge anche il preoccupante infortunio di Zwerger, ecco che il fine settimana diventa un po’ più opaco.

La sconfitta di Zugo non deve preoccupare più di tanto, certo gli errori sono stati tanti e le penalità troppe, la sterilità offensiva è stata palese ma contro questi Tori e contro questo scatenato Hofmann, capace di mettere a referto 9 punti nelle ultime 3 partite (cosa pazzesca, ndr), la caduta era da mettere in preventivo. Da una parte c’era una squadra che ha come unico obiettivo quello di salire a fine campionato sul tetto svizzero, dall’altra ce n’era una che vuole puntare a ripetere ciò che ha fatto lo scorso anno – qualificarsi
ai playoff – dovendo rinunciare al miglior giocatore della passata stagione, Kubalik.

La reazione, infatti, sabato è arrivata sul ghiaccio amico contro quel Rapperswil capace di imporsi 24h prima in rimonta contro il Berna nonostante l’assenza di Cervenka. Sul 3-0 la sfida sembrava chiusa a tripla mandata, ma ancora una volta la mancanza di costanza ha rischiato di farsi sentire: per fortuna che Manzato ha fatto gli straordinari e sia riuscito a mettere la museruola ai san gallesi, ma sul 3-2 in Leventina si è iniziati a tremare. Un tremolio che è diventato rumoroso e preoccupante al momento dell’infortunio di Zwerger che rischia di mettere davvero in difficoltà una squadra che non solo deve lottare per risalire la classifica, ma che mercoledì si giocherà le sue carte per continuare il suo cammino in Europa.

Sempre che martedì (ma che bello il calendario della Champions Hockey League….) Färjestad e Monaco non facciano il classico biscotto…

Guarda anche 

Hofmann-Simion al timone: mai titolo fu più meritato

ZUGO – Dal 1998 al 2021. Di tempo ne è passato. Sia nel mondo reale (nel 1998 ad esempio non c’erano gli iPhone o gli smartphone in generale, non esist...
09.05.2021
Sport

Ambrì (tra i tanti) c’è il ritorno del figliol prodigo Pestoni

AMBRÌ – È il momento degli annunci. E se il Lugano ieri ha fatto le cose in grande, con tanto di conferenza stampa indetta meno di 24h prima, con l&rs...
07.05.2021
Sport

Lugano, ecco McSorley!

LUGANO – Nella cornice di Villa Sassa, questa mattina, il Lugano ha alzato i veli su quello che sarà il suo prossimo futuro o, nello specifico, su chi sar&ag...
06.05.2021
Sport

Lugano, l’inizio di “una nuova era”. Cosa dovremo aspettarci?

LUGANO – “La decisione più difficile presa fin qui da GM”. “Pelletier ha fatto un ottimo lavoro”. “Siamo alla fine di un ciclo,...
06.05.2021
Sport