Svizzera, 06 ottobre 2019

Richiedente l'asilo dà fuoco al suo appartamento all'arrivo della polizia, danni per oltre mezzo milione di franchi

Un richiedente l'asilo con problemi di salute mentale non è piaciuto il modo in cui la polizia ha gestito la sua denuncia di furto. Poco dopo la partenza degli agenti che aveva chiamato, ha provocato un incendio nel suo stesso appartamento, causando danni per oltre mezzo milione di franchi.
  
I fatti risalgono al 2016. Una sera a Saxon, nel canton Vallese, poco dopo la mezzanotte e dopo aver bevuto più di un bicchiere di alcolici, un richiedente l'asilo, che soffrirebbe di disturbi mentali, ha chiamato la polizia per denunciare una inverosimile rapina. L'uomo sosteneva di aver perso 150 franchi nel suo appartamento, riporta il giornale romando "Le Nouvelliste". La polizia arrivò sulla scena tre quarti d'ora dopo la sua chiamata. Ma nel frattempo, l'uomo aveva chiamato il 117 una dozzina di volte. Ha poi richiesto che fossero rilevate le impronte digitali, ma la polizia gli ha detto che i loro colleghi della polizia giudiziaria non sarebbero venuti fino al mattino successivo.

Poco dopo la partenza della polizia, l'uomo, deluso da come gli agenti hanno gestito la sua segnalazione, ha dato fuoco al suo appartamento. È solo grazie al pronto intervento dei vigili del fuoco che è stato evitato che le fiamme si propagassero negli altri appartamente, evitando così il peggio. Ma se non ci fossero vittime, i danni sono stati stimati in oltre mezzo milione di franchi. Quando il piromane, che dopo aver appiccato il fuoco si è semplicemente allontanato dall'abitazione come se niente fosse, è stato arrestato, ha sorriseo alla polizia dicendo loro: "Ora la polizia sta lavorando!". Il tribunale di Martigny lo ha condannato venerdì scorso a 3 anni di carcere, ma la sua condanna è stata comminata in un internamento in una struttura di cura.

Guarda anche 

La polizia svizzera chiede sempre più informazioni a Google

L'anno scorso l'Ufficio federale di polizia (fedpol) e i Cantoni hanno chiesto a Google un numero record di informazioni sugli utenti dell'azienda californian...
12.07.2020
Svizzera

La Svizzera perde il mandato di segretario generale all'OCSE

Lo svizzero Thomas Greminger non sarà riconfermato nella posizione segretario generale dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE)....
11.07.2020
Svizzera

Frontaliere espulso dopo 27 anni in Ticino: "Giusto così"

Il Tribunale federale, con sentenza datata 19 giugno e pubblicata ieri, ha confermato la revoca del permesso G a un frontaliere che lavorava in Ticino dal 1988.   ...
09.07.2020
Ticino

Aggredito mentre urina su un muro, la Suva gli taglia le indennità per infortunio

Il Tribunale federale conferma la riduzione delle indennità per infortunio della Suva per un giovane che aveva urinato su un muro per poi essere violentemente aggr...
06.07.2020
Svizzera