Svizzera, 23 settembre 2019

Colpevole di furti e aggressioni, non può essere né espulso né incarcerato

Moestafa K. (nome di fantasia) ha commesso diversi crimini tra il 2018 e il 2019, e questo nonostante avrebbe dovuto lasciare la Svizzera già nel 2016. Ma K. non vuole tornare nel suo paese. E poiché non ha documenti di viaggio validi e il Marocco non lo riconosce come suo cittadino, la Svizzera non può costringerlo a lasciare il Paese.

Come riferisce il Blick, il richiedente l'asilo marocchino avrebbe dovuto lasciare il paese dal 2016 perché la sua domanda fu respinta. Tuttavia, Moestafa rimase qui e nel frattempo ha commesso diversi crimini.

È stato condannato per numerosi furti, nonché di aggressioni a funzionari.

Nel dicembre 2018, ha commesso una rapina ai danni di due commercianti a Frauenfeld, Rudolf Naef, 69 anni, e Brigitte Peyer, 61 anni (i due nella foto). Entrambe le vittime sono state persino ferite. Nonostante ciò, Moestafa è riuscita a nascondersi di nuovo a maggio di quest'anno. Il pubblico ministero di Sciaffusa abbandona la denuncia per aggressione a mano armata. Peggio ancora, invece, accusa le vittime di essere parzialmente responsabili della loro situazione. [...]

Tuttavia, K. è stato dichiarato colpevole di tentata rapina. Come ci si poteva aspettare, non è stato in grado
di pagare l'importo a cui è stato condannato (160 aliquote giornaliere da 30 franchi).

Nessuna "detenzione amministrativa" è stata ordinata contro di lui.

Il caso di Moestafa K., come scrive il Blick, "mostra quanto sia difficile applicare tali misure coercitive ai richiedenti asilo respinti. In particolare quando provengono da paesi che non collaborano con la Svizzera nel processo di rimpatrio", come in questo caso il Marocco.

Nonostante i suoi numerosi crimini, K., non può essere imprigionato per un periodo indefinito. Ciò è dovuto alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo, ratificata dalla Svizzera.
La detenzione amministrativa è riservata ai richiedenti asilo respinti che devono lasciare il paese e la cui partenza è prevista e ha lo scopo di prevenire la scomparsa di queste persone.

Tuttavia, la detenzione amministrativa è anche subordinata all'effettiva attuazione della deportazione. La Segreteria di Stato per la migrazione (SEM) afferma che "se si stabilisce l'impossibilità di espulsione, lo scopo della detenzione non viene raggiunto e non dovrebbe essere ordinato".

Dal momento che il Marocco non collabora con la Svizzera per la ripresa dei richiedenti asilo respinti che, come Moestafa K., non possiedono documenti di identità, la detenzione amministrativa sarebbe quindi illegale perché sarebbe durata per sempre. Di conseguenza il migrante marocchino è sempre a piede libero.

Guarda anche 

La fine di un'era: Valentino Rossi smette con le moto

La tanto (sofferta) decisione è arrivata: Valentino Rossi si ritirerà dal motociclismo al termine della stagione dopo 25 anni di Motomondiale. Il nove volte...
05.08.2021
Sport

Coronavirus in Svizzera, la situazione attuale

 In Svizzera, nelle ultime 24 ore, sono stati registrati 1'024 nuovi contagi da coronavirus. Un dato – fa sapere l'Ufficio federale della sanità...
05.08.2021
Svizzera

Esonda il Lago di Como, disagi al traffico

Dalle prime ore dell’alba il lago di Como ha invaso le strade della città, il lungolago e piazza Cavour, in seguito alle abbondanti piogge cadute negli ultim...
05.08.2021
Ticino

Continuo aumento dei frontalieri

La statistica dei frontalieri relativa al secondo trimestre 2021 è ora disponibile. Alla fine di giugno, il numero di frontalieri stranieri con un permesso per fro...
05.08.2021
Ticino