Svizzera, 23 settembre 2019

Colpevole di furti e aggressioni, non può essere né espulso né incarcerato

Moestafa K. (nome di fantasia) ha commesso diversi crimini tra il 2018 e il 2019, e questo nonostante avrebbe dovuto lasciare la Svizzera già nel 2016. Ma K. non vuole tornare nel suo paese. E poiché non ha documenti di viaggio validi e il Marocco non lo riconosce come suo cittadino, la Svizzera non può costringerlo a lasciare il Paese.

Come riferisce il Blick, il richiedente l'asilo marocchino avrebbe dovuto lasciare il paese dal 2016 perché la sua domanda fu respinta. Tuttavia, Moestafa rimase qui e nel frattempo ha commesso diversi crimini.

È stato condannato per numerosi furti, nonché di aggressioni a funzionari.

Nel dicembre 2018, ha commesso una rapina ai danni di due commercianti a Frauenfeld, Rudolf Naef, 69 anni, e Brigitte Peyer, 61 anni (i due nella foto). Entrambe le vittime sono state persino ferite. Nonostante ciò, Moestafa è riuscita a nascondersi di nuovo a maggio di quest'anno. Il pubblico ministero di Sciaffusa abbandona la denuncia per aggressione a mano armata. Peggio ancora, invece, accusa le vittime di essere parzialmente responsabili della loro situazione. [...]

Tuttavia, K. è stato dichiarato colpevole di tentata rapina. Come ci si poteva aspettare, non è stato in grado di pagare l'importo a cui è stato condannato (160 aliquote giornaliere da 30 franchi).

Nessuna "detenzione amministrativa" è stata ordinata contro di lui.

Il caso di Moestafa K., come scrive il Blick, "mostra quanto sia difficile applicare tali misure coercitive ai richiedenti asilo respinti. In particolare quando provengono da paesi che non collaborano con la Svizzera nel processo di rimpatrio", come in questo caso il Marocco.

Nonostante i suoi numerosi crimini, K., non può essere imprigionato per un periodo indefinito. Ciò è dovuto alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo, ratificata dalla Svizzera.
La detenzione amministrativa è riservata ai richiedenti asilo respinti che devono lasciare il paese e la cui partenza è prevista e ha lo scopo di prevenire la scomparsa di queste persone.

Tuttavia, la detenzione amministrativa è anche subordinata all'effettiva attuazione della deportazione. La Segreteria di Stato per la migrazione (SEM) afferma che "se si stabilisce l'impossibilità di espulsione, lo scopo della detenzione non viene raggiunto e non dovrebbe essere ordinato".

Dal momento che il Marocco non collabora con la Svizzera per la ripresa dei richiedenti asilo respinti che, come Moestafa K., non possiedono documenti di identità, la detenzione amministrativa sarebbe quindi illegale perché sarebbe durata per sempre. Di conseguenza il migrante marocchino è sempre a piede libero.

Guarda anche 

In Italia aumentano i contagi, siamo a 132

Le persone contagiate in Italia, in particolar modo in Lombardia, aumentano parallelamente al panico da Coronavirus. Secondo Ansa sono 132, di cui 26 in terapia intensiva...
23.02.2020
Mondo

“Coronavirus”: quando arriverà in Ticino saremo veramente pronti?

BELLINZONA – “Seguendo l’evoluzione appena fuori dai nostri confini (in Lombardia vi sono 10 Comuni in quarantena, eventi pubblici annullati, chiusura d...
23.02.2020
Ticino

La CDU di Angela Merkel sempre più in crisi

Si aggrava la crisi all'interno della CDU di Angela Merkel, complicando ulteriormente la delicata fase della fine dell'era Merkel. Una nuova polemica è ...
23.02.2020
Mondo

Lugano… da incubo! Ambrì, è playout

LUGANO/AMBRÌ – Se dovessimo spiegare cosa significa un weekend da incubo, sportivamente parlando, potremmo prendere ad esempio quello che si è appena ...
23.02.2020
Sport