Svizzera, 12 settembre 2019

Canone radiotv, per il nazionale le imprese non devono più pagarlo

In futuro le imprese non dovrebbero più pagare il canone radiotelevisivo. Lo ha deciso mercoledì il Consiglio nazionale approvando così un'iniziativa parlamentare del Consigliere nazionale Gregor Rutz (UDC/ZH). La maggioranza ha ritenuto si trattasse di un doppio onere dal momento che sia i proprietari che i dipendenti delle imprese devono pagare la tassa come privati.

Inoltre, la discussione sulla politica mediatica degli ultimi mesi ha dimostrato che è necessario agire, ha sostenuto Rutz. Il suo collega Matthias Aebischer (PS/BE) ha invece criticato la decisione accusando Rutz di voler "piegare con il piede di porco" le maggioranze popolari, in particolare dal momento che il canone radiotelevisivo per le compagnie è stato accettato all'urna solo nel 2015.. Ora la palla passa al Consiglio degli Stati. La sua commissione ha già chiaramente rifiutato l'iniziativa.

Guarda anche 

Il Consiglio nazionale vuole riaprire le frontiere il prima possibile

Il Consiglio nazionale ha approvato oggi una mozione che chiede che le frontiere siano riaperte riaperte "in modo da poter riunire rapidamente le famiglie e ripristi...
06.05.2020
Svizzera

"I soldi dei contribuenti svizzeri siano spesi per le esigenze degli svizzeri"

I soldi dei contribuenti svizzeri siano spesi per le esigenze dei cittadini elvetici. È questa la sostanza di una mozione inviata dal consigliere nazionale Lorenzo...
05.05.2020
Svizzera

Il Consiglio nazionale non vuole il presepe a Palazzo federale

Con 107 voti contrari e 70 favorevoli, il Consiglio nazionale ha respinto un'iniziativa del deputato Jean-Luc Addor (UDC / VS) che chiedeva di allestire un presepe na...
11.03.2020
Svizzera

"La Svizzera non paghi le prestazioni AI dei figli dei rifugiati residenti all'estero"

In merito alla recente sentenza del Tribunale federale (TF) che ha dato diritto ai figli dei rifugiati residenti all'estero di ricevere le prestazioni complementari a...
03.03.2020
Svizzera