Mondo, 02 settembre 2019

Imprenditore olandese torna dalle vacanze e si ritrova l'azienda occupata da decine di migranti

Un imprenditore di Amsterdam, al suo ritorno dalle vacanze estive, si è ritrovato la sua azienda occupata da 40 richiedenti l'asilo. Quando l'uomo li ha intimato di andarsene perchè risiedevano illegalmente in una sua proprietà questi si sono rifiutati di andarsene. Solo dopo che è scoppiato un caso mediatico le autorità hanno provveduto a liberare gli spazi occupati, per motivi di “abitabilità”.

L'imprenditore olandese Salih Ozcan era appena tornato dalle vacanze quando, a fine agosto, ha scoperto che la sua azienda era occupata da un gruppo di migrante, nel quartiere Westpoort di Amsterdam. Non riuscendo a liberare la sua proprietà e di fronte al disinteresse delle autorità, Ozcan si è rivolto all'emittente locale AT5 e la vicenda dello sfortunato imprenditore è diventata di dominio pubblico.

Nel servizio pubblicato da AT5 si vede Ozcan mostare lo stato di degrado in cui la sua proprietà si trova da quando è stata occupata dai migranti.

Prima mostra al cameraman alcuni mucchi di immondizia posti all'ingresso dello stabile. “Qui è tutto troppo pazzo per descriverlo a parole. Solo ratti e topi si possono trovare a casa qui.”

In seguito il servizio mostra Ozcan affrontare alcuni dei migranti che occupano la sua proprietà. Alcuni gli rispondono arrabbiati e uno di loro minaccia addirittura di chiamare la polizia.

"Devo lasciare la mia proprietà?" rispose Ozcan con orrore. Alla fine, ha rinunciato a cercare di mandare via gli occupanti abusivi e lasciato i locali dell'edificio prima che la situazione degenerasse.

"È una brutta sensazione. Non ho parole per farlo ", ha detto Ozcan, aggiungendo" Riesco a capire un po 'quelle persone, ma non mi capiscono affatto. Incredibile che questo è possibile in un paese del genere".

La polizia locale da parte sua ha dichiarato di non poter ancora rispondere specificamente al caso, ma che non avrebbe affrontato il problema come se fosse urgente. Nel servizio si menziona come, solitamente, in questi casi un proprietario deve aspettare circa 6 settimana prima le autorità provvedano a sgomberare dei locali occupati abusivamente.

In questo caso però, qualche giorno dopo la messa in onda del servizio, le autorità si attivate sgomberando i migranti abusivi dalla proprietà di Ozcan, citando quale motivo, forse per giustificare l'urgenza, problemi di abitabilità per l'edificio occupato.

Il servizio, in olandese, è disponibile qui.

Guarda anche 

Migrante condannato per abusi sessuali, non verrà punito perchè ha sposato la sua vittima

Un siriano di 32 anni residente in Vallese eviterà qualsiasi pena connessa alla sua condanna per abusi sessuali perchè ha in seguito sposato la vittima, la ...
03.06.2020
Svizzera

Per Cassis le rimesse dei migranti verso il paese d'origine sono "essenziali" e vanno garantite durante la pandemia

Fra le attività che hanno dovuto chiudere a causa della pandemia di Coronavirus vi sono anche le agenzie di trasferimento fondi (come Western Union), un servizio m...
02.06.2020
Svizzera

Asilante a processo con l'accusa di aver ucciso il figlio e ustionato un’anziana

L’atto d’accusa fa rabbrividire. Un 35enne e sua moglie, entrambi congolesi, sono accusati dalla procura vodese di aver brutalmente picchiato il loro figlio p...
23.05.2020
Svizzera

Picchiarono cinque donne fuori da una discoteca, condannati quattro “francesi"

Dopo 23 ore di dibattimenti, alle 3.30 della scorsa notte sono stati condannati quattro uomini, detentori di passaporto francese, che nel 2018 avevano aggredito cinque gi...
21.05.2020
Svizzera