Sport, 14 luglio 2019

Lapierre-Lugano addio: ma è davvero una sorpresa?

Quinto straniero o inadatto a giocare negli schemi di Kapanen? In realtà l’addio tra club e giocatore non è un fulmine a ciel sereno

LUGANO – È stato quasi un risveglio traumatico quello vissuto ieri dai tifosi del Lugano che, aperti gli occhi, si sono ritrovati di fronte a un comunicato che –fino a un certo punto – ha stupito quasi tutti: l’HC Lugano e Maxim Lapierre si sono detti addio, nonostante un contratto ancora in essere, nonostante un rinnovo da poco arrivato e nonostante le buone parole e le giuste intenzioni tanto dichiarate negli ultimi mesi.

È stata la società a chiarire il vero motivo di questa decisione: la necessità di potersi ritrovare qualche volta nel ruolo di quinto straniero che il buon Maxim ha rifiutato. Il singolo davanti al gruppo, insomma, cosa che in un gruppo, in una squadra affiatata e che deve risorgere dopo un campionato davvero difficile, dopo un mercato che ha lasciato la Cornèr Arena priva di due trascinatori come Merzlikins e Hofmann, non può avvenire.

Ovviamente i tifosi in questo momento si possono sentire persi, ora che sono stati privati di uno dei propri beniamini, uno che in questi ultimi anni ha dato tutto per la maglia, diventando immediatamente protagonista di due cavalcate incredibili nei playoff (2016 e 2018), un giocatore in grado di giocare perfettamente nello slot e di rappresentare il prototipo del centro two-ways, capace inoltre anche di firmare 118 punti in 175 partite con i colori bianconeri sulla pelle.

Ma… il “ma” c’è ed è importante. Lasciando da parte il dubbio della sua adattabilità al gioco di Kapanen, un gioco scandinavo (tutti gli stranieri in rosa, in attesa del quarto, e forse del quinto sono scandinavi, fatta eccezione per Chorney), la decisione maturata negli ultimi giorni non dovrebbe sorprendere nessuno. Lapierre nell’ultimo anno aveva perso un po’ quella figura di condottiero nello spogliatoio, era stato messo in dubbio e sulla graticola da stampa, tifosi (e non solo), già nella scorsa stagione il suo futuro era rimasto in bilico e a conti fatti quel rinnovo arrivato soltanto qualche mese fa si è rivelato, così come si era immaginato, un errore.

Ovviamente, trovando un nuovo club, Lapierre non sarà più a libro paga del Lugano e il club potrebbe sfruttare questo budget in più per cercare il colpo, il vero colpo del mercato, non solo per migliorare il proprio reparto offensivo – cosa fondamentale, guardando tutte le altre formazioni di LNA che puntano in alto – ma anche e soprattutto per rianimare una tifoseria delusa dalla scorsa stagione e che potrebbe tornare a sorridere, rimettendo di conseguenza mano al portafoglio, rimpolpando ancora di più la campagna abbonamenti.

Le decisioni arriveranno a breve, non resta che aspettare…

Guarda anche 

Lugano da trincea: un bunker verso i playoff

LUGANO – Battuto il Ginevra, stanato lo Zurigo, incornato lo Zugo: le ultime tre trasferte del Lugano, tutte targate “2020”, hanno mostrato un volto e u...
26.01.2020
Sport

Tredicesima AVS: a Lugano avrebbe potuto essere realtà dal 2009

Sono passati quasi 11 anni dal 10 febbraio 2009. Quella sera, dopo oltre tre ore di dibattito, il triciclo PLR-PPD-PSS in Consiglio comunale di Lugano affossò il M...
25.01.2020
Opinioni

Tu chiamale follie da calendario: in LNA una classifica che non rispecchia la realtà

LUGANO – 55 punti in 40 partite, 6° posto in campionato: se il bottino ottenuto fin qui in campionato dal Lugano non è certo da montarsi la testa, la pos...
23.01.2020
Sport

“A Lugano ho fatto degli errori… Il ballo e la cucina: dopo l’esonero ero carico”: Celestini parla del suo addio

LUCERNA – La scorsa primavera era l’allenatore che per la seconda volta in tre anni aveva riportato il Lugano in Europa League, pochi mesi dopo Fabio Celestin...
23.01.2020
Sport