Mondo, 11 luglio 2019

Rifugiato siriano si lamenta di non poter andare in vacanza in Siria, "la Germania è stressante, bisogna fare una pausa ogni tanto"

Un rifugiato siriano residente in Germania si è lamentato sui social media di non poter andare in vacanza in Siria perché aveva "qualcosa di importante" da fare.

L'uomo, tale Aras Bacho (al centro nella foto), è relativamente conosciuto in Germania per aver scritto su diverse testate tedesche, tra cui l'Huffington Post, e per essere un'attivista su questioni relative ai richiedenti l'asilo e diritti per gli omosessuali (in Germania) e forse ancora più conosciuto per i propositi controversi che condivide sui social media. Nel suo messaggio (che vedete sotto) ha detto inoltre che conosce almeno sei altri siriani che avevano fatto ritorno nel loro paese d'origine per passarci le vacanze.
"Due settimane fa, sei siriani che conosco sono andati in vacanza in Siria per visitare i familiari e riposare. La tua patria ti manca ed è ormai normale che i siriani facciano ritorno!"



Ancora più sorprendente, l'uomo si è lamentato del suo paese di accoglienza e che lo mantiene come “stressante” e da cui bisogna ogni tanto andarsene per “riposare”. "Sfortunatamente, non potevo andare in vacanza in Siria perché qualcosa di molto importante stava interferendo e spero, molto presto, di mettermi di recuperare le ferie . La Germania è stressante e ogni tanto bisogna fare una pausa".



I cosiddetti rifugiati che tornano nel loro paese natale per le vacanze non sono una nuova tendenza in Germania. Già nel 2016, i rapporti tedeschi hanno rivelato che i richiedenti asilo provenienti dalla Siria, dall'Afghanistan e dal Libano utilizzavano il denaro dei contribuenti tedeschi per finanziare le loro vacanze nel loro paese d'origine. La questione nel frattempo è diventata di attualità anche in Svizzera, dove il parlamento ha introdotto un divieto di fare ritorno nel paese d'origine. Divieto che il Consiglio federale ha poi ammorbidito introducendo eccezioni.

I commenti controversi non sono nuovi per Bacho. Nel 2016, quasi un anno dopo gli attacchi a sfondo sessuale avvenuti a Capodanno a Colonia, Bacho ha dato la colpa di tali aggressioni alle donne, sostenendo che non dovrebbero essere sole di notte.

"La maggior parte delle volte, le donne sono da biasimare per essere sole di notte. D'altra parte, i rifugiati dovrebbero comportarsi meglio ", aveva scritto.

.


All'inizio di quell'anno, Bacho ha suscitato polemiche quando ha chiesto a HuffPost in Europa di mostrare segni e pacchetti di prodotti in arabo per aiutare gli immigrati provenienti dal mondo arabo.

"Come rifugiato, credo che le registrazioni dei segnali stradali in Europa dovrebbero essere tradotte in arabo. Allo stesso modo, l'imballaggio alimentare deve essere in arabo. Dovrebbe anche essere possibile superare test in arabo ", ha detto.

Guarda anche 

Altri tre morti accoltellati a Londra, "Khan ha perso il controllo delle strade"

Non ha fine la serie di accoltellamenti che da tempo sta scuotendo Londra dopo che tre uomini, appartenenti alla comunità sikh, sono stati pugnalati a morte questo...
20.01.2020
Mondo

Gang di pedofili ignorate dalla polizia inglese per evitare tensioni razziali

Secondo quanto emerso da un’inchiesta interna, che ha preso il nome di “operazione Liden” condotta dalla polizia inglese e riportata dal quotidiano...
20.01.2020
Mondo

Richiedente l'asilo picchia la compagna incinta per farla abortire, condannato (ma niente carcere né espulsione)

Un richiedente l'asilo iracheno è stato riconosciuto colpevole di lesioni semplici per aver picchiato ripetutamente la compagna incinta per farla abortire. Non...
13.01.2020
Svizzera

Spagna, migrante condannato a 12 anni di carcere per aver preso a sassate un omosessuale

Il tribunale superiore della giustizia della Catalogna (TSJC) ha confermato la condanna a dodici anni di carcere per un cittadino marocchino che aveva aggredito un omoses...
11.01.2020
Mondo