Mondo, 11 luglio 2019

Rifugiato siriano si lamenta di non poter andare in vacanza in Siria, "la Germania è stressante, bisogna fare una pausa ogni tanto"

Un rifugiato siriano residente in Germania si è lamentato sui social media di non poter andare in vacanza in Siria perché aveva "qualcosa di importante" da fare.

L'uomo, tale Aras Bacho (al centro nella foto), è relativamente conosciuto in Germania per aver scritto su diverse testate tedesche, tra cui l'Huffington Post, e per essere un'attivista su questioni relative ai richiedenti l'asilo e diritti per gli omosessuali (in Germania) e forse ancora più conosciuto per i propositi controversi che condivide sui social media. Nel suo messaggio (che vedete sotto) ha detto inoltre che conosce almeno sei altri siriani che avevano fatto ritorno nel loro paese d'origine per passarci le vacanze.
"Due settimane fa, sei siriani che conosco sono andati in vacanza in Siria per visitare i familiari e riposare. La tua patria ti manca ed è ormai normale che i siriani facciano ritorno!"



Ancora più sorprendente, l'uomo si è lamentato del suo paese di accoglienza e che lo mantiene come “stressante” e da cui bisogna ogni tanto andarsene per “riposare”. "Sfortunatamente, non potevo andare in vacanza in Siria perché qualcosa di molto importante stava interferendo e spero, molto presto, di mettermi di recuperare le ferie . La Germania è stressante e ogni tanto bisogna fare una pausa".



I cosiddetti rifugiati che tornano nel loro paese natale per le vacanze non sono una nuova tendenza in Germania. Già nel 2016, i rapporti tedeschi hanno rivelato che i richiedenti asilo provenienti dalla Siria, dall'Afghanistan e dal Libano utilizzavano il denaro dei contribuenti tedeschi per finanziare le loro vacanze nel loro paese d'origine. La questione nel frattempo è diventata di attualità anche in Svizzera, dove il parlamento ha introdotto un divieto di fare ritorno nel paese d'origine. Divieto che il Consiglio federale ha poi ammorbidito introducendo eccezioni.

I commenti controversi non sono nuovi per Bacho. Nel 2016, quasi un anno dopo gli attacchi a sfondo sessuale avvenuti a Capodanno a Colonia, Bacho ha dato la colpa di tali aggressioni alle donne, sostenendo che non dovrebbero essere sole di notte.

"La maggior parte delle volte, le donne sono da biasimare per essere sole di notte. D'altra parte, i rifugiati dovrebbero comportarsi meglio ", aveva scritto.

.


All'inizio di quell'anno, Bacho ha suscitato polemiche quando ha chiesto a HuffPost in Europa di mostrare segni e pacchetti di prodotti in arabo per aiutare gli immigrati provenienti dal mondo arabo.

"Come rifugiato, credo che le registrazioni dei segnali stradali in Europa dovrebbero essere tradotte in arabo. Allo stesso modo, l'imballaggio alimentare deve essere in arabo. Dovrebbe anche essere possibile superare test in arabo ", ha detto.

Guarda anche 

Richiedente l'asilo condannato a nove anni di carcere e espulsione per stupro (dopo aver accumulato undici condanne)

Un richiedente l'asilo di 32 anni è stato condannato a 9 anni di carcere per stupro, coercizione sessuale, lesioni personali e violazione di domicilio dal Trib...
16.07.2019
Svizzera

"The Game": Il gioco dei migranti pronti a entrare in Italia

Vucjak – Uno dei giovani nepalesi indossa una maglietta bianca con una grande scritta: “World tour”, giro del mondo. Il gruppetto avanza nella bosc...
15.07.2019
Mondo

Svezia ormai troppo pericolosa e la Volvo pensa di andarsene, "non riusciamo a attirare manodopera straniera"

L'amministratore delegato di Volvo avverte che la società sta pensando di trasferire il suo quartier generale fuori dalla Svezia in futuro, in parte a causa di...
15.07.2019
Mondo

Richiedente l'asilo minorenne colpisce la sua insegnante rompendogli la mascella, dopo due giorni di carcere di nuovo libero

Un richiedente l'asilo siriano di 14 anni, residente nel comune argoviese di Möriken-Wildegg, ha aggredito la sua insegnante perchè questo voleva controll...
15.07.2019
Svizzera