Mondo, 26 giugno 2019

Aldo Grasso critica il doc 'Where are you': "Nessun migrante spende una sola parola per ringraziare"

*Da Liberatv

MILANO - “Sono uomo, nulla che sia umano mi è estraneo”. Con questa celebre citazione di Terenzio, si apre Where are you? Dimmi dove sei, il documentario firmato da National Geographic andato in onda in occasione della Giornata mondiale del rifugiato. Aldo Grasso, critico televisivo del Corriere della Sera, parte da qui per analizzare alcuni aspetti del filmato, e non risparmia frecciate all’atteggiamento dei migranti e al silenzio assordante della comunità islamica.  Grasso spiega che “Where are you? prende le mosse da una fotografia di Massimo Sestini, assurta a icona della crisi migratoria nel Mediterraneo; scattata il 7 giugno 2014, nelle acque internazionali tra Libia e Sicilia, a bordo di un elicottero della Marina Militare italiana: “Nella fotografia, i migranti stipati sul barcone guardano verso l'alto, cercano e riconoscono l'obiettivo, esultano e festeggiano ormai convinti di essere in salvo”. 

In seguito il fotografo ha lanciato un appello sul web per scoprire dove siano finite quelle persone e molte di loro compaiono con le loro testimonianze nel documentario, aggiunge Grasso.   “Il documentario firmato da National Geographic – scrive il critico - è emozionante e straziante quanto l’immagine catturata dall’immenso fotoreporter Massimo Sestini. Ma anche, personalmente, disturbante. Colpisce che nessun migrante, una volta salvato vestito e rifocillato, spenda una sola parola per ringraziare non solo il paese che li ha portati in salvo (l’Italia) ma nemmeno gli altri paesi (Francia, Svizzera e Germania) che li accolgono e danno loro un lavoro, una casa, un welfare. Niente, manco un “grazie”.

Anzi, è tutto un lamentarsi che il velo impedisca di fare la parrucchiera, che la gente li osservi curiosa, perfino il clima del nord Europa dà loro fastidio.   Altro punto: in questa immane tragedia dell’immigrazione non spunta mai un esponente della comunità musulmana italiana o svizzera che intervenga per dar loro aiuto e sollievo nel processo di integrazione in un nuovo paese. Nemmeno sul molo di Lampedusa c’è qualcuno che si prodighi nei loro confronti. Magari, e noi non lo sappiamo, il Corano non permette compassione per chi è scampato per un miracolo alla morte”.

Guarda anche 

Conte si dimette. Salvini: "Rifarei tutto"

ROMA – Giuseppe Conte si è dimesso, il Governo italiano è ufficialmente in crisi. Nell’attesa seduta del Senato, l’ormai ex premier ha ann...
20.08.2019
Mondo

Brexit, una storica firma.

LONDRA – Una firma storica: l’ha apposta il ministro britannico per la Brexit, Steve Barclay, sulla legge che cancella l’atto del 1972 che sanciva l&rsq...
19.08.2019
Mondo

Maghrebini e albanesi causano notti di terrore a Rimini e Riccione

Notte di paura, follia e botte sulle spiagge della Romagna. In due distinti episodi, due fratelli e la loro mamma sono stati aggrediti da una banda probabilmente albanese...
19.08.2019
Mondo

Attenzione! Torna il tutor

ROMA - Autostrade per l’Italia ha riattivato il servizio Tutor su tutta la rete autostradale controllata dalla concessionaria. La Corte di Cassazione ha infatti rit...
16.08.2019
Mondo