Sport, 24 giugno 2019

Lugano, -1 al closing. Renzetti: “Sono sereno, ma da un momento all'altro…”

Domani, 25 giugno, è il giorno del dentro o fuori: o Novoselskiy metterà le mani sulla società acquisendo le azioni, o il club resterà nelle mani dell’attuale presidente

LUGANO – Sembra ormai una lunga telenovela, fatta di sguardi, ammiccamenti, ripensamenti, di passi in avanti e di brusche fermate. Ormai non resta, quasi, che aspettare che la fatidica data arrivi, ma quella data è dietro l’angolo: entro domani Leonid Novoselskiy deve decidere se acquisire le quote dell’FC Lugano o abbandonare la sua idea, lasciando il club bianconero nelle mani del presidente attuale, Angelo Renzetti.

Un presidente che ha fatto tanto, tantissimo, per questa squadra, ma che ha ovviamente bisogno di una mano per rendere il Lugano ancora più attraente e competitivo. Renzetti, però, è anche un presidente che sa ragionare, e che sta vivendo quest’attesa nel modo migliore: “Sono sereno, se arriverà quest’offerta e la cessione andrà in porto bene, altrimenti andremo avanti così come abbiamo sempre fatto e come stiamo facendo”, ha spiegato ai nostri microfoni.

La data di scadenza è prevista per domani, ma c’è un orario? L’offerta deve arrivare entro le 24 odierne, entro le 24 di domani o quando?
In realtà non abbiamo stabilito un orario vero e proprio. C’è la data, il 25 giugno, solo quella.

Lei che sensazioni ha? Cosa accadrà? Cosa dobbiamo aspettarci?
Onestamente non saprei cosa dire. In questi momenti le cose possono cambiare da un istante all’altro. Non ho sensazioni né negative né positive: resto in attesa.

In caso di cessione della proprietà, ci sarà anche da spiegare il progetto a Celestini e ad alcuni giocatori che nei mesi scorsi hanno fatto capire, senza nascondersi troppo, che vogliono essere a conoscenza di quale sarà il cammino che si intraprenderà…
Sotto questo punto di vista spero che non ci siano ripensamenti. Non bisogna tornare indietro anche perché stiamo lavorando bene e stiamo costruendo una squadra importante.

Guarda anche 

Tifoso dell'Italia condannato per aver festeggiato "troppo" la vittoria nella semifinale degli europei

La vittoria dell'Italia contro la Spagna nella semifinale degli Europei di calcio il 6 luglio scorso ha portato ad una condanna penale a Martigny, nel canton Vallese....
16.10.2021
Svizzera

Un ex Lugano positivo al covid

SALERNO (Italia) – Il suo addio al Lugano, in direzione Empoli, non era stato esattamente idilliaco. C’erano stati alcuni battibecchi tra il giocatore, il suo...
17.10.2021
Sport

Calcio in faccia sul campo di 4a Lega: kosovaro condannato a 30 mesi di carcere, ma non espulso

GINEVRA – Vi avevamo raccontato nel 2018 di quanto avvenuto su un campo di calcio del Canton Ginevra, in occasione della sfida tra Versoix e FC Kosova: una vera e p...
15.10.2021
Sport

Le Ladies… graffiano sul caso fallimento

LUGANO - Dopo l’HCL, che ha preso le distanze e ha chiarito quanto l’Hockey Club Lugano e le Ladies Lugano siano due società e due club indipendenti, &...
14.10.2021
Sport