Svizzera, 10 giugno 2019

La Svizzera sempre sulla lista grigia dell'UE

Dopo l'accettazione della riforma Riforma fiscale e finanziamento dell'AVS (RFFA), accolta in votazione popolare lo scorso 19 maggio, la Svizzera dovrebbe essere rimossa dalla lista grigia europea dei paradisi fiscali. Almeno questo è quanto era stato promesso dall'UE. Ma lo stralcio della Confederazione dalla lista non è all'ordine del giorno del prossimo incontro dei ministri delle finanze europei in programma venerdì in Lussemburgo.

Lo stesso giorno della votazione, il 19 maggio, il presidente della Confederazione Ueli Maurer ha chiesto il ritiro della Svizzera dalla lista grigia. Berna ha ora un sistema fiscale "che è compatibile con l'OCSE e l'UE", ha detto ai media.

Alla fine del 2017, l'UE aveva sviluppato una "lista nera" e una "lista grigia" di paradisi fiscali. Il primo comprendeva paesi non cooperativi in ​​materia fiscale, il secondo degli stati che avevano promesso di apportare modifiche alle pratiche fiscali, come la Svizzera. Secondo la Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali (SFI), lo stralcio sarebbe dovuto avvenire "più in fretta possibile".

Ma, nonostante il "sì" a 66,4% del 19 maggio alla RFFA, la questione del ritiro della Svizzera dalla lista grigia non è all'ordine del giorno della riunione dei ministri delle finanze europee a Lussemburgo.

Diversi diplomatici europei hanno assicurato all'agenzia Keystone-ATS che il mancato stralcio non nasconde alcuna intenzione politica - per esempio in connessione con l'accordo quadro istituzionale - ma che questa assenza era dovuta a ragioni puramente procedurali.

Secondo queste fonti, una rimozione dalla lista grigia deve essere prima proposta dal Gruppo di lavoro europeo sulle questioni fiscali. Il Gruppo si è incontrato sì il 20 maggio, il giorno dopo il voto, ma si è limitato a prendere atto del risultato del voto, ha detto un diplomatico. Tuttavia, la nuova legge deve prima entrare in vigore in Svizzera prima che si possa agire da parte UE.

Secondo la SFI, il Consiglio federale dovrebbe fissare l'entrata in vigore della RFFA per il primo gennaio 2020. Se la data dovesse essere comunicata entro fine luglio, il gruppo di lavoro dell'Ue potrebbe chiedere l'eliminazione della Svizzera dalla lista grigia in occasione della riunione in programma il prossimo 5 luglio. A causa della pausa estiva, tuttavia, i ministri delle finanze dell'Ue non si pronunceranno prima di ottobre. 

Guarda anche 

"In Europa i musulmani trattati come gli ebrei negli anni 30", continua la rissa verbale tra Erdogan e Macron

Continua la “rissa verbale” tra il presidente turco Recep Erdogan e i capi di stato europei, in primis Emmanuel Macron, in un contesto sempre più teso ...
27.10.2020
Mondo

Tutti in curva senza mascherina e senza distanze: la Uefa pronta a intervenire

RENNES (Francia) – Ne avevamo parlato anche noi in settimana, chiedendoci qual è il giusto comportamento da adottare negli stadi: se chiudere le porte agli s...
25.10.2020
Sport

Ci risiamo: il Covid ferma i campionati, ma in Europa si va avanti

PRAGA (Rep. Ceca) – Nella giornata di ieri la FTC ha deciso di sospendere fino al 12 novembre ogni competizione, campionato o coppa che sia: una decisione che era o...
22.10.2020
Sport

Dai 16'000 spettatori di San Pietroburgo, ai 5'000 di Rennes ai 1'000 di Berna: ma chi ha ragione?

BERNA – Nella giornata di ieri si sono disputate le prime partite della prima giornata della fase a gironi di Champions League e, oltre a risultati sorprendenti e a...
21.10.2020
Sport