Svizzera, 06 giugno 2019

Dopo le minacce di morte, riprende il versamento delle rendite in Kosovo

I kosovari che fanno rientro nel loro paese potranno nuovamente ricevere la rendita AVS o AI. Il Consiglio nazionale, ad eccezione dell'UDC, ha approvato mercoledì con 115 voti contro 60 un nuovo accordo firmato con Pristina.

Contro il parere dell'Udc, il testo non dovrebbe essere sottoposto al referendum facoltativo. Il dossier ritorno ora al Consiglio degli Stati, che aveva invece accettato il referendum.

"Circa 200'000 kosovari vivono in Svizzera e contribuiscono alla prosperità della Svizzera", ha affermato il ministro degli Interni Alain Berset. "Senza una convenzione, molti kosovari rimarranno in Svizzera. Riceveranno sempre rendite. E i costi economici saranno più alti che con una convenzione", ha affermato invece Benjamin Roduit (PPD/VS, nella foto) a nome della commissione.

Il Kosovo è l'unico stato dell'ex Iugoslavia con il quale non esiste alcun accordo dal 1 aprile 2010, ha ricordato Roduit. Nel dicembre 2009, il Consiglio federale aveva deciso di non rinnovarlo dopo che gli investigatori che erano stati sul posto per indagare su presunti abusi avevano ricevuto minacce di morte.

La convenzione dovrebbe costare alla Svizzera 16 milioni di franchi all'anno, ha detto Berset. I presunti risparmi, invece, non sono per ora quantificabili.

Guarda anche 

Il Patto ONU per la migrazione rimane sospeso per almeno un'altro anno

Il Parlamento ha deciso di non entrare in materia sul patto ONU per la migrazione dell'ONU, almeno per il momento. Martedì, il Consiglio nazionale ha seguito i...
14.09.2021
Svizzera

Bocciato il pedaggio per stranieri al San Gottardo: "Sarebbe discriminatorio"

Il pedaggio del Brennero costa 9,50 euro sola andata. Quello dell’Arlberg 11 euro. Nel San Gottardo, invece, gli automobilisti del mondo intero potranno continuare ...
18.06.2021
Svizzera

I parlamentari a Berna dovranno rivelare le loro nazionalità. Greta Gysin è contrariata

Con 115 voti contro 64, il Consiglio nazionale ha approvato ieri una modifica dell’ordinanza sull’amministrazione del parlamento, che prevede che in futuro i ...
11.06.2021
Svizzera

Una Consigliera nazionale dei Verdi chiede più vasectomie

L’onere della salute sessuale e riproduttiva deve essere meglio ripartito tra donne e uomini. Ne è convinta la consigliere nazionale Stefania Prezioso Batou ...
23.05.2021
Svizzera