Svizzera, 27 maggio 2019

Spie cinesi hanno rubato 700 documenti segreti in Svizzera

Il "SonntagsZeitung" ha rivelato domenica una sorprendente storia di spionaggio industriale. Delle compagnie cinesi hanno assunto due agenti che operavano da Singapore. Da lì, sono riusciti a corrompere un manager di Besi Switzerland, un'azienda high-tech con sede a Steinhausen, nel canton Zugo.

Per conto loro, quest'uomo ha rubato almeno 700 documenti, che sono finiti in mani cinesi. Questi sono principalmente "piani per la costruzione di attrezzature e segreti di fabbricazione brevettati", scrive il giornale domenicale svizzerotedesco. Besi Svizzera è una filiale del gruppo olandese Besi, attiva nel settore dei chip per computer.

Secondo un'indagine condotta dalla Procura Federale, scrive la "SonntagsZeitung", i furti sono andati avanti per diversi mesi. Il manager corrotto faceva delle copie dei documenti segreti e li avvolgeva con cura in pacchetti prima di inviarli a Singapore per posta. Poi gli agenti li hanno passati ai loro mandanti in Cina.

Le due spie sono svanite. Per quanto riguarda l'autore, uno straniero residente in Svizzera, avrebbe ricevuto circa 35'000 franchi in cambio dei documenti trafugati. E per questo è stato multato di 35'000 franchi. Contattato dal "SonntagsZeitung", la società Besi non ha voluto prendere posizione sull'accaduto.

Guarda anche 

Il misterioso virus cinese continua a propagarsi, annunciato un terzo decesso

La autorità cinesi hanno annunciato lunedì il terzo morto del misterioso virus apparso il mese scorso, mentre l'epidemia si sta diffondendo nel nord e s...
20.01.2020
Mondo

Verso una settimana lavorativa di 67 ore?

Una revisione della legge federale sul lavoro prevede di autorizzare settimane di lavoro di 67 ore, riferiva domenica "Le Matin Dimanche", che cita un documento...
20.01.2020
Svizzera

Fischer lancia il Mondiale casalingo: "Sognare non costa nulla"

ZUGO - La nazionale rossocrociata ha mire ambiziose: i prossimi Mondiali del gruppo A si svolgeranno proprio nel nostro paese dall’8 al 24 maggio (sedi ...
20.01.2020
Sport

Richiedente l'asilo picchia la compagna incinta per farla abortire, condannato (ma niente carcere né espulsione)

Un richiedente l'asilo iracheno è stato riconosciuto colpevole di lesioni semplici per aver picchiato ripetutamente la compagna incinta per farla abortire. Non...
13.01.2020
Svizzera