Mondo, 23 maggio 2019

Tragedia a Milano, il padre confessa: "Ho ucciso io mio figlio"

“Non riuscivo a dormire. Così, dopo aver assunto hashish, mi sono alzato e l’ho picchiato a morte”. Ha confessato tutto Aljia Hrustic, un 25enne croato, che nella mattinata di ieri ha ammazzato il figlio di due anni a calci e pugni in un appartamento nella periferia di Milano.

L’uomo è stato fermato per omicidio volontario aggravato. La confessione è avvenuta davanti agli investigatori della squadra Mobile di Milano e al pm Giovanna
Cavalleri.

Ai poliziotti Hrustic ha dichiarato di aver assunto hashish la sera stessa e di non essere riuscito a dormire per tutta la notte.

Quindi di aver percosso violentemente il bambino fino a farlo morire. L’accusa di omicidio volontario è aggravata dalla minore età del figlio e dal fatto e che l’evento è stato preceduto da maltrattamenti, come hanno specificato gli investigatori portando l’uomo in carcere.

Guarda anche 

Trump nomina la cattolica Amy Coney Barrett come giudice della Corte Suprema

Donald Trump ha fatto la sua scelta: la giudice conservatrice Amy Coney Barrett è stata nominata quale successore di Ruth Bader Ginsburg alla Corte suprema degli S...
27.09.2020
Mondo

Attacco all'arma bianca vicino alla sede di Charlie Hebdo, almeno due feriti

Un uomo e una donna sono stati accoltellati venerdì a Parigi, nei pressi della vecchia sede del giornale Charlie Hebdo, proprio mentre si tiene il processo per gli...
25.09.2020
Mondo

Il riso Uncle's Ben cambierà logo e nome nel 2021 per "combattere il razzismo"

Dopo diversi mesi di riflessione, il gigante agroalimentare Mars ha finalmente deciso di sostituire il nome e l'immagine del suo famoso marchio di riso Uncle's Be...
24.09.2020
Mondo
Mondo