Mondo, 23 maggio 2019

Tragedia a Milano, il padre confessa: "Ho ucciso io mio figlio"

“Non riuscivo a dormire. Così, dopo aver assunto hashish, mi sono alzato e l’ho picchiato a morte”. Ha confessato tutto Aljia Hrustic, un 25enne croato, che nella mattinata di ieri ha ammazzato il figlio di due anni a calci e pugni in un appartamento nella periferia di Milano.

L’uomo è stato fermato per omicidio volontario aggravato. La confessione è avvenuta davanti agli investigatori della squadra Mobile di Milano e al pm Giovanna Cavalleri.

Ai poliziotti Hrustic ha dichiarato di aver assunto hashish la sera stessa e di non essere riuscito a dormire per tutta la notte.

Quindi di aver percosso violentemente il bambino fino a farlo morire. L’accusa di omicidio volontario è aggravata dalla minore età del figlio e dal fatto e che l’evento è stato preceduto da maltrattamenti, come hanno specificato gli investigatori portando l’uomo in carcere.

Guarda anche 

Youtube limita l’account di ByoBlu per un servizio sui vaccini

La piattaforma YouTube ha sospeso il canale della web tv Byoblu per una settimana. Il motivo è un servizio in cui si metteva in dubbio l’effic...
19.01.2021
Mondo

Una folla di migliaia di migranti diretta verso gli Stati Uniti

Una colonna formata da migliaia di migranti si è formata nel Centroamerica per cercare di introdursi negli Stati Uniti, speranzosi che la nuova amministrazione con...
18.01.2021
Mondo

Radicalizzato (e naturalizzato) in Svizzera, viene condannato a 15 anni di carcere in Francia

Un giovane bosniaco residente nel canton Vaud e detentore del passaporto svizzero è stato condannato venerdì a Parigi per aver progettato diversi attentati ...
16.01.2021
Mondo

Spunta anche una variante brasiliana, che toglie l'immunità

Non bastavano quella brittanica e quella sudraficana, oltre alla variante che ha già causato così tanti problemi e così tanta sofferenza: pare c...
15.01.2021
Mondo