Svizzera, 05 maggio 2019

Le moratorie contro le antenne 5G sono illegali

Diversi cantoni hanno messo in discussione il nuovo standard di telefonia mobile 5G, in particolare fissando delle moratorie (vedi articoli correlati). Agendo in tal modo però, hanno legiferato oltre la loro competenza. È la Confederazione, che è responsabile della protezione della popolazione dalle radiazioni nocive.

L'amministratore delegato di Swisscom, Urs Schaeppi, aveva dichiarato una settimana fa che la moratoria di diversi cantoni della Svizzera romanda contro il nuovo standard 5G per telefoni cellulari ha violato la legge federale. Aveva vist ogiusto.

Una dichiarazione congiunta dell'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) e l'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM) conferma un'inchiesta del "SonntagsZeitung", secondo cui la Confederazione è competente per le questioni relative alle radiazioni dalle antenne telefonia mobile ed effetti sulla salute. La Confederazione è anche responsabile del controllo del diritto delle telecomunicazioni e delle relative autorizzazioni.

L'UFCOM ha dichiarato al "SonntagsZeitung" che non esiste alcuna possibilità di emanare disposizioni cantonali o comunali che proteggano la popolazione dalle radiazioni delle installazioni di telefonia mobile. I cantoni possono solo impedire l'installazione di alcune antenne di telefonia mobile, ad esempio perché deformano il paesaggio urbano, e ciò nel quadro della legge edilizia.

I promotori della moratoria 5G ammettono che una moratoria probabilmente non resisterà a nessun ricorso. Tuttavia, vogliono assicurarsi che le discussioni cantonali sullo standard dei telefoni cellulari 5G spingano il parlamento nazionale a legiferare sul tema.  

Guarda anche 

Si butta nel fiume per sfuggire alla polizia

Un uomo sospettato di aver rapinato sabato un negozio di elettronica a Bremgarten, nel canton Argovia, è saltato nel fiume Reuss con il suo bottino per sfuggire al...
15.07.2019
Svizzera

Richiedente l'asilo minorenne colpisce la sua insegnante rompendogli la mascella, dopo due giorni di carcere di nuovo libero

Un richiedente l'asilo siriano di 14 anni, residente nel comune argoviese di Möriken-Wildegg, ha aggredito la sua insegnante perchè questo voleva controll...
15.07.2019
Svizzera

Cambiamenti climatici, quell'anno in cui l'estate in Svizzera non arrivò

Siamo nell'aprile del 1815, dall'altra parte del mondo, e più precisamente sull'isola indonesiana di Sumbawa. Il vulcano Tambora erutta. A metà ...
12.07.2019
Svizzera

L'ambasciatore UE a Berna minaccia la Svizzera sull'accordo quadro, "Svizzera se non ti siedi al tavolo verrai mangiata"

L'ambasciatore dell'UE in Svizzera Michael Matthiessen (nella foto), in un discorso tenuto mercoledì a un evento presso l'ambasciata finlandese a Berna...
12.07.2019
Svizzera